NAVIGA IL SITO

Scadenze fiscali settembre 2019 per le persone fisiche

Vediamo quali sono le principali scadenze fiscali per il mese di settembre 2019. Tratteremo in particolare quelle che riguardano le persone fisiche.

di Antonello Scrimieri 19 ago 2019 ore 10:46

Riepiloghiamo di seguito le principali scadenze fiscali da tenere a mente per le persone “fisiche” relative al periodo di settembre 2019.

CHI DEVE PAGARE

Settembre è un mese di scadenze fiscali per tutti: dalle società alle persone, da chi presenta il modello Redditi a chi presenta il modello 730 senza sostituto d’imposta. Gli unici sereni che non dovranno compilare modelli F24 sono i soggetti che hanno presentato il 730 (precompilato e non). E che hanno autorizzato il proprio datore di lavoro a trattenere le tasse in busta paga o nella pensione.

LEGGI ANCHE: Dichiarazione dei redditi 2019: 730 e modello Redditi

COSA SI DEVE PAGARE

scadenze-fiscaliQuando chiediamo ai contribuenti cosa devi pagare, tutti risponderanno “le tasse”. Dietro questo termine usato in maniera impropria si nasconde l’IRPEF, ovvero l’imposta sui redditi delle persone fisiche. Questa è la vera imposta che si paga nel mese di settembre.

Per rendere ancora più corretta la nostra affermazione è necessario dare una ulteriore specifica. Nel mese di settembre non si paga “tutta” l’IRPEF dovuta, ma soltanto alcune rate, per chi opta per il versamento rateale.

2 SETTEMBRE 2019

Fine del periodo feriale e ripresa del decorso dei termini processuali. Ripresa dei termini processuali, compresi quelli relativi alle giurisdizioni tributarie, rimasti sospesi nel periodo dal 1 al 31 agosto 2019.

Terza rata per i non titolari di partita IVA del saldo 2018 e del primo acconto 2019 dell’IRPEF. Scade il termine per il versamento della terza rata delle tasse comprensivo di interessi risultanti dalla dichiarazione dei redditi – Modello Redditi 2019 - per i contribuenti non titolari di partita IVA che hanno optato per il versamento rateizzato.

16 SETTEMBRE 2019

Quarta rata per i titolari di partita IVA del saldo 2018 e del primo acconto 2019 dell’IRPEF. Scade il termine per il versamento della quarta rata delle tasse comprensivo di interessi e dei contributi previdenziali risultanti dalla dichiarazione dei redditi – Modello Redditi 2019 - per i contribuenti titolari di partita IVA che hanno optato per il versamento rateizzato senza usufruire della maggiorazione dello 0,40% (prima rata versata il 1° luglio 2019).

Terza rata per i titolari di partita IVA del saldo 2018 e del primo acconto 2019 dell’IRPEF. Scade il termine per il versamento della terza rata delle tasse comprensivo di interessi e dei contributi previdenziali risultanti dalla dichiarazione dei redditi – Modello Redditi 2019 - per i contribuenti titolari di partita IVA che hanno optato per il versamento rateizzato usufruendo della maggiorazione dello 0,40% (prima rata versata il 31 luglio 2019).

30 SETTEMBRE 2019

Quarta rata per i non titolari di partita IVA del saldo 2018 e del primo acconto 2019 dell’IRPEF. Scade il termine per il versamento della quarta rata delle tasse comprensivo di interessi risultanti dalla dichiarazione dei redditi – Modello Redditi 2019 - per i contribuenti non titolari di partita IVA che hanno optato per il versamento rateizzato.

Saldo 2018 e del primo acconto 2019 dell’IRPEF per i titolari di partita IVA soggetti ai cosiddetti “ISA”. Scade il termine per il versamento delle tasse risultanti dalla dichiarazione dei redditi – Modello Redditi 2019 - per i contribuenti titolari di partita IVA che hanno optato o non hanno optato per il versamento rateizzato. Secondo il Decreto Crescita quest’anno i titolari di partita IVA soggetti agli ISA hanno più tempo per pagare le tasse. L’originale scadenza del 30 giugno 2019 è stata posticipata al 30 settembre 2019.

ALTRE COSE IMPORTANTI DA SAPERE

Modello 730

730 Precompilato

Detrazioni e deduzioni fiscali

Scadenze e documenti

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldiOnline.it

Il FTSEMib chiude in rosso (e torna sotto quota 22mila)

Il FTSEMib chiude in rosso (e torna sotto quota 22mila)

Ottime performance per i titoli del settore petrolifero, dopo che il prezzo del greggio a New York ha superato i 60 dollari al barile. Altro scivolone, invece, per Atlantia Continua

da

SoldieLavoro

Reddito di residenza attiva: 700 euro al mese per trasferirsi in Molise

Reddito di residenza attiva: 700 euro al mese per trasferirsi in Molise

Ma bisogna anche viverci davvero e soprattutto avviare una attività economica. In questa guida ecco come funzionerà il cosiddetto "Reddito di residenza attiva" Continua »