NAVIGA IL SITO
Home » glossari » Vita di Condominio » Maggioranze occorrenti per delibere assemblea condominiale

Maggioranze occorrenti per delibere assemblea condominiale

di Oreste Terracciano
Le deliberazioni dell’Assemblea saranno valide se approvate con la maggioranza stabilita dalla Legge a seconda dell’oggetto da deliberare. Saranno approvate con la maggioranza, chiamiamola normale – in prima convocazione, con il 50%+1 dei presenti o presenti per delega e non meno della metà del valore dell’edificio, ovvero 500 millesimi; in seconda convocazione, con 1/3 dei partecipanti al condominio e non meno di 1/3 del valore dell’edificio, ovvero 333,34 millesimi, le deliberazioni riguardanti i seguenti argomenti:

1 – il rendiconto annuale dell’amministratore;
2 – l’impiego dei residui attivi di gestione;
3 – il preventivo delle spese ordinarie occorrenti durante l’esercizio contabile;
4 – la ripartizione delle spese fra i condomini;
5 – il preventivo di spesa per le opere di manutenzione straordinaria e per la costituzione del fondo cassa speciale occorrente;
6 – l’uso diverso dei locali dei singoli condomini.

Saranno approvate con maggioranza speciale – in prima e seconda convocazione con il 50%+1 dei presenti o presenti per delega, purchè rappresentino non meno della metà del valore dell’edificio, ovvero 500 millesimi, le deliberazioni che hanno per oggetto i seguenti argomenti:

1 – il regolamento di condominio di natura interna, meglio denominato assembleare;
2 – la nomina e la revoca dell’amministratore (4° comma ex art. 1129 del c.c.);
3 – la nomina del Consiglio di Condominio;
4 – le liti attive e passive relative a materie che esorbitano dalle attribuzioni dell’amministratore;
5 – le riparazioni straordinarie GRAVOSE;
6 – la ricostruzione dell’edificio quando esso sia perito per una parte inferiore ai ¾ del valore.

Saranno approvate con maggioranza SPECIALE -  sia in prima che in seconda convocazione con la maggioranza dei partecipanti al condominio che rappresentino non meno dei 2/3 del valore dell’edificio, ovvero 666,67 millesimi – le deliberazioni che riguardano:

1 – innovazioni eseguite per il miglioramento RADICALE, o l’uso più comodo o per ottenere un maggior rendimento delle cose – ex art. 1120 c.c. 1° comma;
2 – scioglimento del condominio quando per attuare il quale in parti completamente AUTONOME, occorrono modifiche allo stato attuale dell’edificio stesso ed opere per la diversa sistemazione dei locali e dipendenze tra condominii.

Saranno approvate, per concludere, all’UNANIMITA’ e 1.000 millesimi, le deliberazioni riguardanti:

1 – modifiche al regolamento di condominio contrattuale nel caso in cui le stesse violano i diritti del singolo condomino sui quali la legge non consente di incidere;
2 – innovazioni che possono recare grave pregiudizio alla stabilità e sicurezza;
3 – innovazioni che producano un cambiamento della destinazione d’uso originaria della cosa comune;
4 – ricostruzione dell’edificio quando lo stesso, per cause naturali, sia stato letteralmente distrutto.

Oreste Terracciano
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: assemblea condominiale
da

SoldiOnline.it

Il FTSEMib ha chiuso con un ribasso

Il FTSEMib ha chiuso con un ribasso

Deludenti i dati PMI di diverse nazioni relativi al mese di dicembre, in particolare quelli relativi alla Francia. Giornata negativa per i bancari. OVS sulle montagne russe Continua »

da

SoldieLavoro

Il certificato di malattia per il lavoro: cos'è e come si richiede

Il certificato di malattia per il lavoro: cos'è e come si richiede

Il certificato di malattia rappresenta il documento che attesta la temporanea impossibilità al lavoro. È redatto dal medico curante, il quale provvederà a inviarlo all’INPS Continua »