NAVIGA IL SITO
Home » guide » Banche e Poste » Bonifico postale: cos'è e come funziona

Bonifico postale: cos'è e come funziona

Per chi ha un conto Bancoposta o una carta Postepay abilitata, il bonifico postale è un modo facile e sicuro di traferire denaro. Può essere fatto all'Ufficio Postale ma anche online.

di Marco Delugan 11 apr 2018 - ore 16:17

Il bonifico postale è un modo facile e sicuro di trasferire denaro. Funziona in modo simile al bonifico bancario. E come il bonifico bancario può essere fatto in un ufficio reale, oppure online.

Se il denaro viene inviato da un conto Bancoposta a un altro conto Bancoposta, si parla di postagiro. Se i soldi vengono invece inviati da un conto Bancoposta a un conto corrente bancario, si tratta di bonifico. E quando si inviano soldi tramite Poste Italiane senza avere un conto Bancoposta, si tratta di un vaglia postale.

Bonifico postale, postagiro e vaglia postale possono essere fatti anche online tramite il sito di Poste Italiane. Li si può fare tramite PC o Tablet, ma prima bisogna registrarsi al sito e avere un conto Bancoposta.

E li si può fare anche via smartphone utilizzando la App Postemobile, quando si abbia una Sim Postemobile associata al proprio conto Bancoposta.

 

COME FARE UN BONIFICO ALL’UFFICIO POSTALE

poste-italianeBonifico postale e postagiro si fanno con lo stesso modulo cartaceo. Si può fare un ordine singolo, un ordine di pagamento periodico e un versamento alla pensione integrativa accesa con Poste Italiane. Per farlo bisogna spuntare una delle tre voci che si provano in alto sotto la dicitura Ordine di Bonifico SEPA – Postagiro.

Per un ordine singolo, bisogna poi riempire i campi del primo riquadro.

Se si sta facendo un bonifico, e cioè un trasferimento verso un conto corrente non Bancoposta, bisogna indicare:

 

  • nome e cognome dell’ordinante;
  • nome e cognome del beneficiario;
  • codice IBAN del beneficiario;
  • paese residenza Beneficiario, obbligatorio se si tratta di un bonifico SEPA transfrontaliero;
  • codice BIC, obbligatorio se verso Svizzera o Principato di Monaco;
  • importo del bonifico;
  • causale del bonifico di massimo 140 caratteri.

 

COME FARE UN POSTAGIRO

Se i soldi vengono trasferiti da un conto Bancoposta a un altro conto Bancoposta, si parla di postagiro.

Anche in questo caso bisogna indicare il nome e il cognome dell’ordinante e del destinatario, l’importo e la casuale del versamento. Per identificare il conto a cui trasferire il denaro basta però il numero del conto Corrente bancoposta nel caso in cui non si conosca l’IBAN.

 

COME FARE UN ORDINE PERMANENTE

L’ordine permanente di bonifico o di postagiro è un ordine di pagamento periodico. Può essere fatto per tante ragioni, come pagare l’affitto o mandare i soldi a figli che risiedono in un posto lontano.

Per fare un ordine permanente bisogna aggiungere alcune cose nel secondo riquadro:

 

  • la periodicità: mensile, bimestrale, trimestrale, semestrale o annuale;
  • il giorno di accredito;
  • la data di inizio dell’accredito;
  • quella di fine dell’accredito;
  • o indicare che l’accredito va eseguito fino a revoca dello stesso.

 

Nello stesso riquadro si può comunicare la revoca dell’ordine permanente.

 

COME FARE UN PAGAMENTO PER LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Effettuare un versamento per la forma di pensione complementare aperta presso poste italiane, bisogna segnare il nome e il cognome del titolare, codice fiscale o partita iva e periodo di riferimento del versamento.

 

TEMPI E COSTI BONIFICO POSTALE E POSTAGIRO

Un bonifico postale, che sia un bonifico in senso stretto o un postagiro, ha costi contenuti e tempi di esecuzione piuttosto rapidi.

Un bonifico postale verso conti italiani costa 1 euro se fatto online, mentre allo sportello costa 2 euro. E possono volerci 2 o 3 giorni perché sia accreditato.

Il postagiro, e cioè un bonifico da un conto Bancoposta e un altro conto Bancoposta, ci mette un giorno perché il denaro venga accreditato. E costa un euro.

 

COME APRIRE UN CONTO BANCOPOSTA E RICHIEDERE UNA POSTEPAY

Per poter fare bonifici e postagiro, sia online che in Ufficio postale, bisogna avere aperto un conto corrente Bancoposta o avere una carta Postepay nominativa con IBAN e abilitata al servizio. Per aprire un conto Bancoposta e richiedere una carta Postepay bisogna recarsi presso un Ufficio Postale con un documento di identità e il proprio codice fiscale. A questo punto bisogna prendere il tiket per i servizi finanziari, aspettare il proprio turno e procedere alle operazioni necessarie con l'addetto di Poste Italiane. E' anche possibile trasferire il proprio conto corrente bancario in Poste Italiane.

 

LEGGI ANCHE: Postepay Evolution: come funziona la carta conto di Poste Italiane

 

COME FARE UN BONIFICO POSTALE ONLINE

Per fare un bonifico o un postagiro online la precondizione è quella di avere attivato un conto Bancoposta ed essersi registrati al sito di Poste Italiane. Per entrambe le operazioni i dati da inserire sono meno di quelli necessari per le stesse operazioni fatte via modulo cartaceo. E questo perché operando online, da iscritti al sito di Poste Italiane, il sistema già conosce i dati dell’ordinante. Altra precondizione, oltre ad essere registrati al sito di Poste Italiane, è quelle di avere aperto un cono Bancoposta. Gli altri dati da inserire sono poi gli stessi che servono per fare un bonifico o un postagiro all’Ufficio Postale.

Nel caso di un bonifico online, i dati da inserire sono meno. Facendolo dal proprio account, i propri dati sono già “inseriti”, il sistema li conosce già. In sintesi, per fare un bonifico online, oltre ad avere un conto Bancoposta, essere iscritti al sito di Poste Italia e avere i dati del destinatario che abbiamo visto sopra, bisogna avere:

 

  • il codice alfanumerico segreto con cui effettuare le transazioni;
  • un indirizzo email attivato con Postemail per scaricare il modulo compilato.

 

Accedere al sito di Bancoposta e alla propria area inserendo Username e Password. E poi scegliere l’operazione che si vuole fare.

 

COME REGISTRARSI AL SITO DI POSTE ITALIANE

Andate alla pagina web di Poste Italiane e cliccate in alto a destra su Area Personale. Scegliete la voce Registrati dal menu a tendina. A questo punto avete due possibilità: registravi come Privati o come Professionisti e Imprese.

Se avete deciso di registrarvi come privati dovrete inserire il vostro nome, il vostro cognome, il vostro numero di telefono cellulare e il vostro codice fiscale. A questo punto cliccate su Prosegui.

Una volta inseriti questi dati vi verranno chiesti il luogo, la data di nascita e il sesso. Inseriteli e cliccate su Conferma.

A questo punto vi troverete nella scheda Sicurezza. E vi verrà inviato un codice di conferma al numero di cellulare che avete indicato nel primo modulo che avete compilato. Inseritelo e cliccate ancora su Conferma. Poi dovrete inserire un indirizzo email che servirà da nome utente e scegliere una password. Cliccate su Conferma.

Ora dovrete leggere l'informativa sulla privacy, e scegliere come volete che vengano trattati i vostri dati personali. Cliccate ancora su Conferma e poi controllate che i dati che avete inserito siano tutti corretti.

Poste Italiane invierà una email con oggetto Attivazione nome utente. Apritela e cliccate sul link che trovate all'interno. A questo punto l'operazione sarà davvero completata e potrete cominciare ad utilizzare il vostro nuovo account.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldiOnline.it

FTSEMib positivo (per la sesta seduta consecutiva)

FTSEMib positivo (per la sesta seduta consecutiva)

Oggi è stata giornata di importanti scadenze tecniche: sono arrivati a termine i future e i contratti di opzione sulle azioni e sugli indici datati settembre 2018 Continua »

da

SoldieLavoro

Come aprire la partita Iva

Come aprire la partita Iva

Chi vuole mettersi in proprio deve aprire la partita Iva. Sia che voglia lavorare da solo, sia che voglia aprire una società. Lo può fare con l'Agenzia delle Entrate. Continua »