NAVIGA IL SITO

Costo debito pubblico

di Marco Delugan
Lo Stato emette titoli per finanziare le proprie attività. A chi acquista i suoi titoli lo Stato deve garantire il rimborso a scadenza di quanto ricevuto, più un interesse sul prestito.

LEGGI ANCHE: Emissione titoli di Stato

Lo Stato vende i sui titoli sul mercato, in concorrenza con titoli analoghi emessi da imprese private o da altri Stati. Gli investitori, per scegliere cosa acquistare, valutano l’interesse offerto ma anche l’affidabilità finanziaria dell’emittente, la certezza percepita con cui quest’ultimo rimborserà il debito. Ora immaginiamo che Italia e Germania emettano un titolo con le stesse caratteristiche di importo, durata e tasso di interesse. La cosa più probabile è che gli investitori preferiscano il titolo tedesco e che per collocare quelli italiani se ne debba abbassare il prezzo.

A questo punto abbiamo le seguenti variabili associate ad un’emissione: durata, valore di rimborso, interesse periodico, prezzo di collocamento. Il rendimento di un titolo è dato dalla somma degli interessi più la differenza tra prezzo di acquisto e valore di rimborso. Il costo del debito per l’emittente è dato dall'ammontare del rendimento dei titoli. Questo rendimento viene definito dal collocamento sul mercato primario, e cioè dall’asta in cui lo stato vende i titoli a banche e altri intermediari autorizzati.

LEGGI ANCHE: Calcolare il rendimento di un'obbligazione
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: debito pubblico
da

SoldiOnline.it

Piazza Affari positiva: FTSEMib +1,45%

Piazza Affari positiva: FTSEMib +1,45%

In ripresa i titoli bancari ad eccezione del Monte dei Paschi di Siena. Spiccano le performance di Banca Generali e Mediobanca. Bene anche UniCredit Continua

Guide Lavoro

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Da quello a tempo indeterminato a quello accessorio, passando per quello a tempo determinato, per quello in somministrazione e per tutte le altre tipologie di contratto di lavoro Continua »