NAVIGA IL SITO
Home » guide » Mutui e Prestiti » Garante del mutuo, la risposta alle 5 domande più frequenti

Garante del mutuo, la risposta alle 5 domande più frequenti

Chi fa da garante può togliersi o chiedere un mutuo a sua volta? E cosa succede se questa figura viene a mancare? Ecco le risposte ai dubbi più frequenti sul garante del mutuo.

di Beatrice Zanetti 14 set 2016 - ore 15:02

Fare da garante di un mutuo è un impegno serio e gravoso. Spesso, però, chi dà la propria disponibilità a firmare per garantire il finanziamento di qualcun altro non ha ben chiaro in mente a cosa va incontro. Si tratta infatti di un impegno vincolante, che può diventare anche piuttosto gravoso dal punto di vista economico. Nel caso in cui il debitore non riuscisse più a pagare le rate, spetterebbe infatti al garante subentrare al suo posto nel rimborso.

Sulla figura del garante, però, c’è molta confusione anche tra chi ne ha bisogno per poter accedere a un finanziamento per l’acquisto casa. Il garante deve essere un parente? Mio nonno pensionato può farmi da garante? Per rispondere a queste e altre domande abbiamo chiesto aiuto agli esperti del comparatore SuperMoney, ai quali abbiamo chiesto di scioglierci i 5 dubbi più frequenti sulla figura del garante di un mutuo.

1) IL GARANTE DI UN MUTUO DEVE ESSERE PER FORZA UN PARENTE?
mutuo_4No, il garante non deve essere per forza un parente, ma può essere anche un amico o una persona fidata. Per la banca, l’importante è che il soggetto possieda un reddito regolare e dimostrabile che lo renda dunque idoneo all’assunzione di tale impegno, oltre che una buona storia creditizia e un’età non superiore ai 75 anni.

Tuttavia, trattandosi di un impegno molto gravoso, nella stragrande maggioranza dei casi sono proprio i familiari ad assumersi questo ruolo e tutti i rischi che comporta.

2) UN PENSIONATO PUÓ FARE DA GARANTE PER UN MUTUO?
Di norma, il garante non deve superare i 75 anni a scadenza del finanziamento. Tuttavia, molte banche alzano il limite anche a 80/85. In ogni caso, si tratta per lo più di valutazioni che l’istituto di credito farà caso per caso. Se il pensionato ha comunque delle entrate mensili stabili e consistenti e magari un immobile di proprietà, con ogni probabilità potrà comunque fare da garante.

3) GARANTE DI UN MUTUO PUÓ CHIEDERE UN MUTUO?
Fare da garante per il mutuo di qualcun altro non implica di per sé l’impossibilità a chiedere un finanziamento per conto proprio. Tuttavia, occorre avere una posiziona reddituale decisamente buona per poterlo ottenere, poiché la banca potrebbe considerare parte delle proprie entrate mensili come già “impegnate” dalla rata del mutuo per cui si è firmato da garanti.

4) IL GARANTE DEL MUTUO PUÓ TOGLIERSI?
In linea di massima la risposta a questa domanda è no. Se la ragione per cui si desidera essere sollevati dall’obbligo è che il titolare del mutuo è ormai dotato di una posizione finanziaria sufficientemente solida, per poter procedere alla rimozione del garante è necessario sostituire o surrogare il mutuo, questa volta evitando di includere tale figura. In alcuni casi, la banca potrebbe accettare anche la sostituzione del garante, purché chi subentra offra garanzie reddituali altrettanto solide o migliori.

5) COSA SUCCEDE SE IL GARANTE DEL MUTUO MUORE?
Nel momento in cui una persona si assume l’impegno di fare da fideiussore per il finanziamento di qualcun altro, tale vincolo si considererà sciolto solo nel momento in cui il debito sarà estinto. Quindi, se al momento del decesso del garante il debito non è ancora stato saldato, i suoi obblighi saranno trasmessi agli eredi, ovviamente a patto che questi accettino l’eredità. Nel caso in cui lo facessero con beneficio di inventario, poi, la banca potrà richiedere loro il pagamento di eventuali rate non pagate per un importo complessivo non superiore al valore dell’eredità, senza andare a intaccare il patrimonio personale dell’erede.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: mutuo