NAVIGA IL SITO

High frequency trading

di Marco Delugan
L’high frequency trading è una strategia di investimento fondata sull’utilizzo di tecnologie informatiche molto sofisticate per acquistare e vendere titoli finanziari. I software impiegati elaborano grandi quantità di dati sull’andamento dei titoli quotati e decidono cosa acquistare e cosa vendere.

L’obbiettivo principale dell’high frequency trading è quello di ottenere piccoli guadagni per moltissime operazioni. Le operazioni di investimento – acquisto e vendita – durano solitamente pochissimo tempo, anche meno di un secondo, e difficilmente superano l’ora. Un operatore che utilizza l’high frequency trading può svolgere migliaia di operazioni al giorno. Entro la fine della giornata di borsa tutte le operazioni vengono chiuse, tutti i titoli acquistati vengono venduti così che il portafoglio di investimento risulta vuoto.

L’obbiettivo principale dell’high frequency trading è quello di ottenere piccoli guadagni per moltissime operazioni, e l’utilizzo di queste tecniche è tutt’ora in aumento.

Sistemi come questi possono aumentare la volatilità delle quotazioni, e cioè la velocità e ampiezza delle oscillazioni dei prezzi dei titoli quotati, e così generare altri rischi di instabilità del sistema finanziario.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldiOnline.it

Piazza Affari rimbalza: FTSEMib oltre 22mila punti

Piazza Affari rimbalza: FTSEMib oltre 22mila punti

Non si sono fermate le vendite su Saipem, alla vigilia dell'avvio dell'aumento di capitale. In generale recupero i titoli bancari. È proseguito il rimbalzo delle utilities. Continua

Guide Lavoro

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Da quello a tempo indeterminato a quello accessorio, passando per quello a tempo determinato, per quello in somministrazione e per tutte le altre tipologie di contratto di lavoro Continua »