NAVIGA IL SITO
Home » guide » Come risparmiare » Comprare casa all’asta: perché conviene e come funziona

Comprare casa all’asta: perché conviene e come funziona

Per risparmiare fino al 25% sul costo di un immobile basta comprare casa all’asta: per partecipare bisogna solo presentare tutti i documenti necessari. E leggere questa guida

di Anna Rudelli 23 mar 2015 ore 10:16

Arriva per tutti il momento in cui si decide di comprare casa, ma non è sempre una cosa facile, perché l’impegno economico è grande. Per questo motivo potrebbe essere utile informarsi su come calcolare la rata del mutuo in modo da avere bene in mente quali sono i fattori che compongono una rata, per poter poi scegliere il mutuo più conveniente e adatto a sé con cognizione di causa. Se poi si vuole trovare un modo per risparmiare sull’acquisto di un immobile, il segreto è comprare casa all’asta.

COME PARTECIPARE ALL’ASTA
Innanzitutto comprare una casa all’asta conviene perché il costo degli immobili diminuisce sensibilmente rispetto al valore originario. Se poi l’asta va deserta, ovvero non vengono fatte offerte, il costo per legge deve scendere del 25%, che non è poco. La domanda da farsi è: come si partecipa ad un’asta giudiziaria o fallimentare? Per prima cosa bisogna recarsi presso la cancelleria del tribunale, presso il professionista incaricato oppure controllare su internet, per venire a conoscenza degli avvisi di vendita.

AVVISI DI VENDITA
comperare-casa-all-astaNegli avvisi di vendita sono compresi i termini e le condizioni di vendita, una breve descrizione dell’immobile, il prezzo di partenza e la perizia di stima (redatta da un tecnico nominato dal giudice), che contiene una descrizione dettagliata dell’immobile, quindi dati catastali, planimetria, stato di fatto, eventuali irregolarità e possibile sanabilità, vincoli, servitù e debiti. Prima di partecipare ad un’asta si può visitare l’immobile a cui si è interessati: basta mettersi d’accordo con il custode giudiziario nominato dal tribunale competente.

IN COSA CONSISTE LA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE
Per poter prendere parte ad un’asta fallimentare è necessario presentare la domanda di partecipazione, costituita da una busta chiusa senza segni di riconoscimento e contenente l’indicazione del prezzo offerto ed una cauzione del 10%, nel giorno e luogo indicati nell’avviso di vendita, insieme agli altri documenti indicati nell’avviso stesso. Se invece l’asta prevede un’offerta con incanto, è necessaria la presenza degli interessati, sempre nel giorno e luogo indicati nell’avviso, i quali dovranno comunque presentare la domanda di partecipazione, la cauzione e i documenti richiesti.

AGGIUDICAZIONE IMMEDIATA DELL’IMMOBILE
Se durante lo svolgimento dell’asta viene presentata una sola offerta superiore di un quinto al prezzo base, l’aggiudicazione è immediata. Se invece l’unica offerta corrisponde al prezzo base, l’aggiudicazione immediata può essere rifiutata. Se c’è più di un’offerta si apre una gara, che parte dal prezzo più alto tra quelli offerti e prevede dei rilanci minimi nella misura indicata nell’avviso d’asta. Lo stesso vale per le gare con incanto. E’ importante presentarsi all’asta a cui è stato richiesto di partecipare, altrimenti verranno restituiti solo i 9/10 della caparra versata.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldiOnline.it

Borse deboli in avvio. Come si muoverà Telecom?

Borse deboli in avvio. Come si muoverà Telecom?

Riflettori sempre puntati sulla compagnia telefonica, dopo la forte correzione subita elle ultime due sedute. Ieri Wall Street è rimasta chiusa per festività Continua »

da

SoldieLavoro

Rdc 2019: a chi spetta e i requisiti per ottenere il Reddito di cittadinanza

Rdc 2019: a chi spetta e i requisiti per ottenere il Reddito di cittadinanza

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 1° marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal mese di aprile Continua »