NAVIGA IL SITO

Rating Italia e investimento in titoli di Stato

Sulle aste dei titoli in nuova emissione continua ad affluire denaro in abbondanza...

di Giacomo Saver 24 gen 2012 ore 10:00
Domanda - Venerdì 13 gennaio Standard & Poor’s ha tagliato il rating a Italia e altri 8 paesi europei. Molti pensavano che questo avrebbe provocato una riduzione dei prezzi dei titoli italiani e un aumento del loro rendimento, cosa che, invece, non si è realizzata. E’ però altrettanto vero che il possibile aggravarsi della situazione economica potrebbe spingere ad altri downgrade. Allora le chiedo questo:

1) è sensato ipotizzare, come ho appena fatto, ulteriori downgrade?
2) e poi, se sì, è davvero ancora conveniente acquistare titoli di Stato italiani?
 
Grazie per l’attenzione

Risposta - E' di certo possibile ipotizzare altri downgrade del rating del nostro Stato da parte delle altre Agenzie di Rating (Moody's e Fitch). Il motivo per il quale il peggioramento del giudizio non ha coinciso con un deprezzamento delle quotazioni dei titoli di stato è duplice.

Da un lato la notizia era già ampiamente attesa e quindi “scontata” nei prezzi di borsa. Dall'altro l'importanza del rating sta progressivamente diminuendo. In fin dei conti si tratta di un giudizio imperfetto che in passato ha prestato il fianco ad aspre critiche. Basti pensare che Enron, Worldcom e la stessa Parmalat avevano ottimi giudizi fino al giorno prima del loro fallimento. Per non parlare dei mutui subprime e delle aziende che li erogavano, ottimamente “retate”.

LEGGI ANCHE: Cosa sono le agenzie di rating?

Ad oggi le manvore di risanamento portate a termine dagli ultimi due Governi (quello in carica e quello precedente) vanno nella direzione di un risanamento definitivo dei conti pubblici.
Certo l'abbattimento del debito richiederà decenni, ma il conseguimento del pareggio di bilancio è un primo modo per evitarne l'esplosione e incamminarsi, invece, su un sentiero di riduzione.

Sulle aste dei titoli in nuova emissione (che sotituiscono quelli “vecchi”) continua ad affluire denaro in abbondanza, ragion per cui mi sento tranquillo a dire che i titoli di stato sono ancora un buon investimento.

LEGGI ANCHE: Investire in titoli di Stato

Certo è sempre opportuno diversificare, magari inserendo in portafoglio obbligazioni di società private o emesse in valute extra UE (ad esempio le divise nordiche), ma in linea di principio investire in titoli di stato è ad oggi sicuro.

Cordiali saluti.
Giacomo Saver
Vai alla pagina degli Esperti
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: agenzie rating , titoli di stato
da

SoldiOnline.it

FTSEMib in rosso. Male UniCredit; balzo di Telecom

FTSEMib in rosso. Male UniCredit; balzo di Telecom

La giornata di Piazza Affari è stata caratterizzata da numerosi cambi di direzione, prima di virare decisamente in rosso nel pomeriggio. Giornata di scadenze tecniche Continua

Guide Lavoro

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Da quello a tempo indeterminato a quello accessorio, passando per quello a tempo determinato, per quello in somministrazione e per tutte le altre tipologie di contratto di lavoro Continua »