NAVIGA IL SITO
Home » esperto risponde » Banche e Poste » Problemi di addebito rata e possibile reclamo

Problemi di addebito rata e possibile reclamo

Può sporgere reclamo scritto alla sua banca eccependo che non è corretto che l'addebito della rata sia anticipato...

di Giacomo Saver 24 lug 2012 - ore 17:36
Domanda - Le sottopongo una problematica che ho con la mia banca”BPM ag.7 Milano”. Ho un finanziamento sottoscritto il 22 maggio 2003 con scadenza il 22 maggio 2013, richiesto per ristrutturare la casa. Il conto corrente su cui si appoggia la rata è aperto solo perché è in essere il finanziamento e provvedo al pagamento alla scadenza di ogni mese con la cifra che necessita come se pagassi un bollettino postale, è mia intenzione chiuderlo alla scadenza e non intendo anticipare il rimborso in quanto oramai mancano pochi mesi e la cifra è interamente capitale.

Mi è capitato in due occasioni che la scadenza della rata (il 22 di ogni mese) cadesse in un giorno festivo e al venerdì precedente recandomi in agenzia il conto fosse bloccato e la rata passasse insoluta nonostante fosse orario di sportello e nonostante avessi fatto presente all’addetto allo sportello le mie ragioni, aver contattato i consulenti della mia agenzia senza ricevere risposta e dopo aver scritto al direttore della filiale.

Come posso difendermi da tale abuso? Faccio presente che sul conto corrente è stata versata la cifra e non c’è mai stato scoperto. Ringraziandola per l’attenzione che vorrà riporre al quesito ed in attesa di una sua risposta la saluto cordialmente.

Risposta - Può sporgere reclamo scritto alla sua banca eccependo che non è corretto che l'addebito della rata sia anticipato al giorno lavorativo precedente se la ricorrenza cade in un giorno festivo.
A meno che non sia previsto espressamente nei fogli informativi analitici del contratto di finanziamento.

Evidentemente la "RID", ossia la procedura di pagamento automatica, "cerca" i soldi sul suo conto prima della scadenza, cosicché non trovandoli segnala la rata come insoluta.

Sporgere un reclamo scritto è molto semplice: lo rediga su un foglio di carta in duplice copia, poi si rechi in banca con entrambi i documenti. Uno di essi lo darà al direttore specificando che è indirizzato all'ufficio reclami e che dovrà essere spedito a mezzo posta interna. Sul secondo (che terrà lei) si farà apporre un timbro per ricevuta con la data.

Vedrà che l'equivoco sarà subito appianato.

Cordialmente
Giacomo Saver
Vai alla pagina degli Esperti

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: finanziamenti