NAVIGA IL SITO
Home » guide » Come fare » Come e per quanto tempo conservare fatture, ricevute, quietanze e bollettini di pagamento
Guide simili Non ci sono articoli correlati per questo articolo
Speciale Non ci sono articoli correlati per questo articolo

Come e per quanto tempo conservare fatture, ricevute, quietanze e bollettini di pagamento

Le fatture, le ricevute, le quietanze e i bollettini di pagamento che sono stati oggetto di detrazioni durante la dichiarazione dei redditi devono essere conservati scrupolosamente. In questa guida ti sarà detto come conservarli e anche per quanto tempo.

Istruzioni
Difficoltà
come-e-per-quanto-tempo-conservare-fatture-ricevute-quietanze-e-bollettini-di-pagamento

Approfondimento:

Non ci sono articoli correlati per questo articolo
  1. Gli oneri devono essere tutti documentati e quindi le fatture, le ricevute, le quietanze e i bollettini di pagamento al momento della dichiarazione dei redditi non vanno allegati a quest'ultima ma devi conservarli scrupolosamente nel caso in cui tu sia il contribuente e devi conservarli fino alla scadenza.
  2. La scadenza che devi rispettare non è quella riportata sul retro ma è la scadenza relativa agli accertamenti effettuati dal fisco. Ad esempio per i modelli Unico e 730 del 2011 devono essere conservati fino al 31 dicembre 2015, anche se io ti consiglio di conservare tutti questi documenti che attestano le spese ancora un pò.
  3. Sarebbe buono conservare questi documenti per qualche altro mese successivo alla scadenza perchè è abitudine del Fisco inviare cartelle esattoriali e accertamenti in extremis e nel caso in cui tu l'abbia gettati, allora ti troverai in guai serissimi. Quindi mi raccomando non perdere nulla di quello che ti ho detto.

Leggi anche:

Non ci sono articoli correlati per questo articolo
di ilygabry
Non ci sono articoli correlati per questo articolo
da

Soldi Online

Il Giappone nel lungo periodo?

Il Giappone nel lungo periodo?

Facciamo il punto sul Giappone prima delle Elezioni Politiche di domenica prossima: ricordano che il Giappone resta un elemento di rischio sistemico Continua

da

Soldi e Lavoro

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Reddito di cittadinanza: cos’è e come funziona

Un reddito uguale per tutti, ricchi e poveri, non soggetto a condizioni o prove. E nemmeno a promesse di impegno lavorativo. E' questo, il reddito di cittadinanza Continua »