NAVIGA IL SITO

Investire in liquidità, per principianti

Garantire le risorse necessarie a far fronte a spese impreviste. Crecando di guadagnarci un po’

di Michele Colosio 19 mag 2010 ore 12:03
Articolo a cura di Nafop.org

Con liquidità si intende la parte del proprio capitale finanziario che si detiene in contanti o in strumenti del mercato monetario. Questi ultimi devono essere liquidi, ossia facilmente e immediatamente convertibili in contanti in ogni momento e a basso rischio di incorrere in perdite in conto capitale, cioè devono limitare al minimo la possibilità di ottenere una cifra minore di quella investita. Generalmente i prodotti per il “parcheggio” della liquidità offrono un rendimento molto basso, in periodi con tassi bassi come quello attuale anche nullo, e spesso non rispondono all’esigenza fondamentale di proteggere il potere d’acquisto della propria ricchezza dall’aumento del costo della vita. Perciò è bene prima di tutto individuare il ruolo della liquidità nella gestione della propria situazione finanziaria e di conseguenza stabilire la quota che è opportuno mantenere nel mercato monetario.

La liquidità deve garantire le risorse necessarie a far fronte a spese impreviste, ad esempio il guasto dell’auto, o a situazioni di emergenza dalle conseguenze economiche limitate e sopportabili, come l’inabilità temporanea al lavoro, mentre per mettersi al riparo dagli eventi che potrebbero mettere in seria difficoltà economica il nucleo familiare è opportuno ricorrere alle coperture assicurative “rischio puro”, che hanno la funzione di sollevare il contraente dagli effetti economici di eventi negativi potenzialmente dannosi. Un suggerimento pratico utile a quantificare l’entità del fondo di liquidità è quello di calcolare l’ammontare mensile delle spese familiari indispensabili, quelle a cui non si può rinunciare neanche in situazioni di emergenza (l’affitto, la rata del mutuo, le bollette delle utenze, le spese alimentarie, le assicurazioni, ecc.), e moltiplicare questa cifra per un numero di mesi che ciascuno ritiene congruo per garantirsi un buon livello di tranquillità.

Vediamo ora alcuni degli strumenti che consentono di gestire la liquidità, ciascuno con diversi gradi di sicurezza e flessibilità, anche se, in alcuni casi, a scapito del rendimento. Iniziamo dalla soluzione rappresentata dal Conto Corrente, generalmente i tradizionali conti allo sportello hanno oggi tassi attivi che rasentano lo zero, ma grazie alla nascita dei conti correnti on-line sul mercato fioccano proposte di Conti Deposito che offrono una remunerazione molto interessante, anche rapportata al rendimento dei titoli di stato a breve scadenza, pur dovendo scontare una tassazione sfavorevole (il 27% sugli interessi maturati contro il 12,50% di obbligazioni, pronti contro termine, etf e fondi). La maggioranza dei depositi garantisce un tasso base per la giacenza libera sul conto e tassi superiori per le somme che si è disposti a vincolare, per periodi che vanno da alcuni mesi a un anno. Purtroppo a volte il confronto tra le varie proposte non è molto agevole perché in alcuni casi le offerte sono limitate nel tempo e/o sono valide entro determinate soglie, ma con un po’ di pazienza e con l’ausilio della stampa specializzata o di internet è possibile farsi un quadro delle varie offerte. A chi dubita dell’affidabilità dei conti on-line ricordo che la garanzia del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, che garantisce il correntista in caso di insolvenza della banca fino a 103.291,38 euro per depositante e per istituto di credito, è valida a tutti gli effetti anche per i Conti Correnti on-line delle banche aderenti al consorzio.

I Pronti Contro Termine sono tra le forme di impiego del risparmio a breve termine più utilizzate, ma è bene sottolineare che non rientrano tra gli strumenti coperti dalla garanzia del Fondo Interbancario. Normalmente il titolo obbligazionario sottostante il Pronti è costituito da Titoli di Stato (quindi emissioni governative) che danno un certo livello di sicurezza anche in caso di fallimento dell’intermediario. Sempre più spesso però è possibile imbattersi in Pronti Contro Termine che hanno come sottostante obbligazionari societarie (a volte titoli emessi della stessa Banca con cui si sottoscrive il Pronti): questo implica che per l’investitore è opportuno valutare con attenzione anche il rischio emittente che, in questa fase di profonda crisi del sistema finanziario mondiale, è di fondamentale importanza.

Un’altra soluzione è rappresentata dai titoli di stato a breve scadenza: essi offrono la garanzia statale e la possibilità di rientrare in possesso del capitale investito anche prima del naturale rimborso, grazie all’elevata liquidità che li caratterizza, per contro attualmente i rendimenti ottenibili sono minimi. Ad esempio il Tesoro italiano, per finanziare il debito pubblico, emette i BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) con scadenze di 3, 6 e 12 mesi e i CCT (Certificati di Credito del Tesoro) che hanno durate dai 3 ai 7 anni e pagano una cedola semestrale variabile legata al rendimento offerto dal BOT 6 mesi aumentata di uno spread che attualmente è pari allo 0,30% su base annua.

Tra i prodotti di risparmio gestito a basso rischio ed elevata liquidità ci sono gli Etf e i fondi comuni monetari. Gli Etf (acronimo di Exchange Traded Fund) sono fondi indicizzati ad un mercato di riferimento e sono gestiti passivamente in maniera computerizzata; presentano costi di gestione ridotti (massimo lo 0,15% annuo per quelli cash o eonia quotati su Borsa Italiana) ed essendo quotati in borsa possono essere acquistati e venduti in qualsiasi momento attraverso la propria banca. In questo caso è opportuno verificare le commissioni di compravendita che, in situazioni di bassi tassi a breve e investimenti limitati nel tempo, possono incidere in maniera significativa sul rendimento finale.

Nel caso dei fondi comuni monetari è importante verificare l’assenza di costi di sottoscrizione e di ingresso e scegliere prodotti che presentano costi di gestione, indicati dal TER (total expense ratio), ridotti al minimo altrimenti si corre il rischio di vedersi annullato il rendimento, già risicato per la situazione del mercato, del fondo stesso.

Per approfondimenti:

Investire in liquidità: quanto rendono i conti di deposito

Investire in borsa non è come “giocare al lotto”

Asset allocation per principianti

Obbligazioni per principianti

Azioni, la guida per i principianti
 
Dott. Michele Colosio – Consulente Patrimoniale Indipendente –
Sito internet: www.patrimonialista.it
Email: info@patrimonialista.it


logonafopArticolo a cura della
associazione nazionale dei consulenti indipendenti fee only – NAFOP Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldiOnline.it

Piazza Affari positiva. FTSEMib +1,1%

Piazza Affari positiva. FTSEMib +1,1%

È proseguito il rally di Saipem, dopo il balzo messo a segno nella seduta precedente. In evidenza anche Leonardo dopo la diffusione dei risultati finanziari dl 2023 Continua

Guide Lavoro

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Da quello a tempo indeterminato a quello accessorio, passando per quello a tempo determinato, per quello in somministrazione e per tutte le altre tipologie di contratto di lavoro Continua »