NAVIGA IL SITO

Saldo e Stralcio: il beneficio sulle cartelle esattoriali

Tra gli interventi promossi dalla pace fiscale rientra il cosiddetto Saldo e Stralcio delle cartelle esattoriali, con cui si ha la possibilità di eliminare tutti i debiti col fisco. Vale solo per le persone fisiche con un ISEE inferiore ai 20mila euro

di Francesca Secci 11 gen 2019 ore 14:52

Dare un colpo di spugna e ripartire da zero. L'Agenzia delle Entrate ha annunciato il “Saldo e Stralcio”, un’agevolazione fiscale prevista per alcuni contribuenti. È possibile infatti ottenere una riduzione di somme dovute che partono dal 1° gennaio 2000 fino al 31 dicembre 2017.

La scadenza per presentare la domanda è fissata al 30 aprile 2019.

 

pace-fiscaleCOS’È IL SALDO E STRACCIO

Il Saldo e Stralcio è un accordo col quale il debitore e il creditore "chiudono" una situazione in sospeso riducendo l’entità della somma dovuta.

Da una parte il debitore può avere una riduzione, anche consistente (del 30% o 40%) del debito originario, mentre il creditore può recuperare velocemente una parte del suo credito.

Spesso infatti, potrebbe essere oneroso procedere giudizialmente per il recupero forzoso del credito.

Il sistema Saldo E Stralcio è stato introdotto dalla legge di bilancio 2018 (145/2018). È riservato esclusivamente alle persone fisiche e riguarda la riduzione di alcuni tipi di passività che si riferiscono alle tariffe trasferite all'agenzia di riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017.

La misura è indirizzata a persone che si trovano in una situazione seria e provata di difficoltà economica.
Il termine per presentare la domanda è il 30 aprile 2019, e si può decidere se eseguire il pagamento in un’unica soluzione entro il 30 novembre 2019, o in cinque rate che recano come data di scadenza il 31 luglio 2021.

 

SALDO E STRALCIO DELLE CARTELLE: REQUISITI

L’utilità principale del Saldo e Stralcio è di mettersi in regola col fisco pagando solo una parte del debito fiscale o contributivo.

Tuttavia, non tutti i contribuenti hanno la possibilità di poter usufruire di questo beneficio, ma soltanto quelle famiglie che presentano un indicatore ISEE inferiore ai 20mila euro.

Il Saldo e Stralcio è dedicato unicamente alle persone fisiche per le quali risulta già aperta la procedura di liquidazione di cui all’articolo 14-ter della l. 3/2012, alla data di presentazione della dichiarazione di adesione.

Sono altresì beneficiari del Saldo e Stralcio i contribuenti che hanno partecipato alla precedente "rottamazione delle cartelle" ai sensi del decreto 193/2016 e del decreto 148/2017, per i quali il pagamento delle somme dovute non è ancora stato completato.

In assenza delle condizioni esposte, la presentazione della domanda di adesione a Saldo e Stralcio sarà automaticamente considerata come una richiesta di accesso alla definizione semplificata prevista dall'articolo 3 del decreto legislativo 119/2018 (rottamazione-ter).

Nel caso in cui il limite di 20mila euro di ISEE dovesse essere superato, è possibile comunque aderire alla Definizione agevolata.

L'aliquota applicabile ai debiti dipende dall'ammontare del reddito dichiarato. In particolare, si tratta di una percentuale di imposta così ripartita:

  • 16%, se il debitore ha un ISEE fino a 8.500 euro;
  • 20%, se il debitore ha un ISEE compreso tra gli 8.500 euro fino ai 12.500 euro;
  • 35%, se il debitore ha un ISEE compreso tra i 12.500 euro fino a un massimo di 20mila euro.

Per “strappare” le cartelle e chiudere il debito è possibile pagare la somma dovuta in un’unica soluzione o dividendo la quota in 5 rate dall’importo variabile.

 

PER QUALI DEBITI

Il decreto riguarda i debiti concernenti soltanto persone fisiche e la tipologia di questi debiti sono nello specifico:

  • Imposte risultanti dalle dichiarazioni annuali e dalle attività previste dall’articolo 36-bis del D.P.R. 600/1973 e dall’articolo 54-bis del D.P.R. 633/1972, a titolo di tributi e relativi interessi e sanzioni, con esclusione di quelli richiesti a seguito di accertamento
  • Contributi dovuti dagli iscritti alle casse previdenziali professionali o alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi dell’INPS, con esclusione di quelli richiesti a seguito di accertamento

Nel caso in cui si supera il tetto massimo di 20mila euro di ISEE e si hanno dei debiti che non rientrano nelle due casistiche appena menzionate, è possibile comunque ottenere una riduzione del debito aderendo alla Definizione agevolata 2018, prevista dal D.L. 119/2018.

 

COME SI COMPILA IL MODELLO SA-ST

Dopo aver inserito i dati personali, occorrerà attestare la grave e comprovata situazione di difficoltà economica che giustifica la richiesta, riportando i riferimenti della Dichiarazione Sostitutiva Unica (Dsu) e segnalando il valore ISEE del proprio nucleo familiare o allegare, nel caso di procedura di liquidazione, la copia conforme del relativo decreto.

Il modello Sa-St va poi presentato entro il 30 aprile 2019 presso la casella PEC (posta elettronica certificata) dell’Agenzia delle Entrate di riferimento.

In alternativa, si può consegnare il modello Sa-St debitamente compilato e firmato presso gli sportelli dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione.

I dati attestati dal contribuente, in sede di presentazione della dichiarazione di adesione, saranno controllati dall’Agente della riscossione con l’INPS al fine di verificarne la congruenza e la sussistenza dei requisiti per accedere al “Saldo e Stralcio”.

ACCOGLIMENTO DEL SALDO E STRALCIO

Una volta inviata la documentazione, l’Agenzia delle Entrate deve inviare entro il 31 ottobre 2019 una “Comunicazione” al contribuente, contenente gli importi totali dovuti per il rimborso del debito, i bollettini per il pagamento, insieme all’indicazione dell’importo delle rate ed entro quando versarle.

Secondo la scelta del contribuente, il debito sarà pagato in un’unica soluzione entro il 30 novembre 2019 o in cinque rate. In quest'ultimo caso, è applicato un tasso d’interesse del 2%. Le rate sono divise nel seguente modo:

  • 35% con scadenza il 30 novembre 2019;
  • 20% con scadenza il 31 marzo 2020;
  • 15% con scadenza il 31 luglio 2020;
  • 15% con scadenza il 31 marzo 2021;
  • Il restante 15% con scadenza il 31 luglio 2021.

 

MANCATO ACCOGLIMENTO DEL SALDO E STRALCIO

Se l’Agenzia delle Entrate non dovesse accettare la richiesta di Saldo e Stralcio, entro il 31 ottobre 2019 invia al contribuente una dichiarazione. All'interno di essa ci sono le motivazioni del mancato accoglimento e, limitatamente ai debiti definibili ai sensi dell’art. 3 del D.L. n. 119/2018, avverte il contribuente dell’automatica inclusione nei benefici della Definizione agevolata 2018 (c.d. “rottamazione-ter”) fornendo altresì l’importo da pagare e le relative scadenze di pagamento.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldiOnline.it

Terna, il piano strategico al 2023

Terna, il piano strategico al 2023

Terna, contestualmente ai conti del 2018, ha approvato e diffuso il piano strategico al 2023. Un piano che prevede una massiccia dose di investimenti, per 6 miliardi di euro Continua

da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 6 marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal 27 aprile. Destinatari, requisiti e importi Continua »