NAVIGA IL SITO

Quanto costa l'ecotassa e quali auto devono pagarla

L’ecotassa è una penalizzazione a carico di chi acquista auto nuove considerate particolarmente inquinanti. In vigore dal 31 marzo scorso fino al 31 dicembre 2021

di Carlo Sala 6 gen 2020 ore 09:22

ecotassa-autoL’ecotassa è una penalizzazione a carico di chi acquista auto nuove considerate particolarmente inquinanti. In vigore dal 31 marzo scorso fino al 31 dicembre 2021, scatta nel caso di acquisto di un’auto nuova con alimentazione a benzina o diesel che abbia emissioni di CO2 di oltre 160 grammi per chilometro.

Quanto costa l’ecotassa

L’ecotassa si applica solo alle emissioni di CO2 che siano maggiori di 160 grammi a chilometro. Sotto quella soglia non si paga alcuna tassa. Sopra quella soglia l’ecotassa è pari a:

  • 1.100 euro per emissioni da 161 a 175 grammi di CO2 per chilometro;
  • 1.600 euro per emissioni di CO2 comprese tra 1760 e 200 grammi a chilometro;
  • 2.000 euro in caso di emissioni di CO2 a chilometro comprese tra i 201 e i 250 grammi;
  • 2.500 euro se le emissioni di CO2 superano i 250 grammi ogni chilometro percorso.

    Come si paga

    L’ecotassa deve essere pagata dall’acquirente. Il pagamento non avviene al venditore, in aggiunta al prezzo di acquisto del veicolo. Deve avere luogo invece utilizzando apposito modello F24, sul quale vanno indicati gli elementi che identificano il veicolo acquistato (numero di telaio e anno di acquisto) e il codice tributo 3500.

     

    Quali auto sono colpite

    L’ecotassa vale solo per auto a benzina o diesel immatricolate dopo il 31 marzo 2019 che superino la soglia dei 160 grammi di CO2 emessa per ogni chilometro di percorrenza. Le auto nuove comprate prima del 31 marzo 2019 e quelle usate non sono soggette alla tassa, anche se emettono CO2 in quantità superiore ai 160g/km.

    Rientrano nel campo di applicazione dell’ecotassa i seguenti modelli:

    • Abarth 124 Spider;
    • Alfa Romeo 4C 1750, Giulia, Giulietta e Stelvio; 
    • Aston Martin DB11, DBS Superleggera, Rapide S, V12, Vanquish cabrio e V8 Vantage;
    • Audi A3, A4, A5, A7, A8, A6 A6 allroad, R8, RS3/4/5/6/7, S1/3/4/5/6/7, SQ5/7, TT, Q5, Q7 e Q8;
    • Bentley Bentayga, Continental GT e Flying;
    • BMW: 335d, 340i, 435d, 440i, 540i, 640d, 640i, 650i, 740Ld, 750d, M1/2/4/5/6, e X3/4/5/6/7, Serie 1, Serie 2, Serie 3, Serie 5, Serie 6 Gran Turismo, Serie 7, Serie 8;
    • Citroen: SpaceTourer;
    • Ferrari 488 GTB e Spider, 812, F12, GT4 Lusso, Portofino e LaFerrari;
    • Fiat 500X, 500L, Doblò, QUBO e Tipo Mercedes: Classe B/C/E/G, GLA, GLC, GLE, GLS, CLA, GT, Maybach, S350/400/450/560/600/63/65, SL, SLC, V200 e V250, Classe C, Classe E,Classe G, Classe GLB, Classe S, CLS coupé, Classe V, GLC suv, GLC coupé;
    • Ford: Edge, Focus, Kuga, Mondeo e Mustang, Galaxy e S-Max; 
    • Jaguar E-pace, F-pace, F-type, XE, XF e XJ;
    • Jeep Cherokee, Compass, Grand Cherokee, Renegade e Wrangler;
    • KIA Optima, Sportage e Stinger;
    • Land Rover Defender, Evoque, Discovery, Range Rover Sport, Range Rover Velar e Range Rover; 
    • Maserati Ghilbi, Levante e Quattroporte;
    • Mazda CX-5;
    • McLaren 540C, 570GT, 570S e 720S;
    • Mitsubishi Outlander, Eclipse Cross e Pajero;
    • Nissan X-Trail, 370Z e GT-R;
    • Opel Combo, Insignia, Mokka e Zafira;
    • Peugeot: Traveller BlueHDi;
    • Porsche Macan, 718 Cayman, 911, Cayenne e Panamera; 
    • Renault Koleos, Espace e Mégane;
    • Seat Leon, Alhambra e Tarraco;
    • Suzuki Jimny; 
    • Toyota GT86 e Land Cruiser;
    • Volvo S90, V60, V60 Cross Country, V90, XC40, XC60 e XC90;
    • Volkswagen Multivan, Tiguan, Tiguan Allspace e Touareg.
    Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
    da

    SoldiOnline.it

    FTSEMib in rosso. Male UniCredit; balzo di Telecom

    FTSEMib in rosso. Male UniCredit; balzo di Telecom

    La giornata di Piazza Affari è stata caratterizzata da numerosi cambi di direzione, prima di virare decisamente in rosso nel pomeriggio. Giornata di scadenze tecniche Continua

    Guide Lavoro

    Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

    Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

    Da quello a tempo indeterminato a quello accessorio, passando per quello a tempo determinato, per quello in somministrazione e per tutte le altre tipologie di contratto di lavoro Continua »