NAVIGA IL SITO

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale.

di Carlo Sala 9 mar 2020 ore 13:27

cassetto-fiscaleIl cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale. E’ realizzato dall’Agenzia delle Entrate ed è consultabile all’indirizzo https://telematici.agenziaentrate.gov.it/Main/index.jsp.

Cosa custodisce il cassetto fiscale

Accendo al cassetto fiscale, il cittadino può ottenere le informazioni che riguardano la sua posizione rispetto al fisco.
Il cassetto custodisce informazioni relative a:

  • dati anagrafici;
  • dichiarazioni fiscali;
  • condoni e concordati;
  • rimborsi;
  • versamenti effettuati tramite modello F24 e F23;
  • patrimonio (atti del registro);
  • studi di settore;
  • l’(eventuale) iscrizione al Vies.


L’Agenzia delle Entrate aggiorna il cassetto man mano che raccoglie informazioni sul contribuente. Il cittadino invece non può fornire aggiornamenti di propria iniziativa: in caso riscontri anomalie, l'interessato deve recarsi presso l’Agenzia delle Entrate per segnalarle.
I documenti contenuti nel cassetto possono anche essere stampati in formato Pdf.
Chi abbia una partita Iva può creare un codice a barre bidimensionale (QR-Code) che contiene i dati relativi alla partita Iva e l’indirizzo telematico eventualmente scelto per ricevere le fatture elettroniche.

Chi può avere un cassetto fiscale e come può ottenerlo

Può ottenere un proprio cassetto fiscale chiunque abbia la residenza fiscale in Italia, compresi soggetti residenti all’estero che abbiano un codice fiscale italiano.
La richiesta per ottenere i dati di accesso al proprio cassetto fiscale si può fare presso qualsiasi sportello dell’Agenzia delle Entrate o tramite iscrizione a Fisconline o Entratel (se si è un contribuente o un intermediario), fornendo un documento di identità valido. L’Agenzia delle Entrate fornisce un codice Pin personale di 10 cifre: le prime 4 vengono rilasciate immediatamente, le altre sul 6 spedite per posta entro 15 giorni. In caso di ritardi, il richiedente (e solo lui in persona) può chiedere informazioni all’Agenzia delle Entrate.
Il cassetto fiscale è direttamente disponibile per chi già disponga di un codice identificativo Spid.

Chi può fare domanda del cassetto e consultarlo

La domanda di cassetto fiscale e la consultazione del cassetto stesso sono consentite al diretto interessato o a persona delegata da quest’ultimo (di norma si tratta del proprio commercialista o di un Caf). In base all’articolo 3, comma 3 del Dpr n. 322 del 22 luglio 1998, le deleghe possono essere al massimo 2, di durata quadriennale (rinnovabile) e revocabili in qualsiasi momento.


Per il conferimento e la revoca della delega è possibile

  • usare l’apposita funzionalità fornita da Fisconline ed Entratel a chi è già registrato ai servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate;
  • presentare una delega in formato Pdf sottoscritta dal delegante a un qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate;
  • consegnare al delegato una delega in formato Pdf sottoscritta dal delegante e una copia di un documento di identità del delegante.


In base all’articolo 63 del Dpr n. 600 del 29 settembre 1973, la presentazione della delega agli uffici dell’Agenzia delle Entrate può essere anche affidata a un incaricato.
Chi invece scelga di consegnare la delega direttamente al delegato riceverà al proprio domicilio fiscale un codice di attivazione e dovrà consegnarlo al delegato. In caso di mancato recapito del codice di attivazione, dopo 15 giorni dall'invio dei dati il delegate potrà recarsi agli uffici dell’Agenzia delle Entrate e richiedere l’attivazione della delega dichiarando di non aver mai ricevuto il codice in questione.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldiOnline.it

Piazza Affari in rosso. Il FTSEMib chiude sotto i 22mila punti

Piazza Affari in rosso. Il FTSEMib chiude sotto i 22mila punti

Forte volatilità su UniCredit dopo la pesante correzione subita nelle precedenti due sedute. Chiusura negativa per MPS. Pessima giornata per Fincantieri Continua

Guide Lavoro

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Da quello a tempo indeterminato a quello accessorio, passando per quello a tempo determinato, per quello in somministrazione e per tutte le altre tipologie di contratto di lavoro Continua »