NAVIGA IL SITO

Bonus asilo nido 2020, a chi spetta e come ottenerlo

Il Bonus Asilo Nido è stato istituito come contributo alle famiglie che intendono iscrivere i propri figli presso asili nido pubblici o privati. A partire dal primo gennaio 2020, la Legge di Bilancio 2020 ha incrementato l’importo del Bonus fino a 3.000 euro, vediamo a chi spetta e come ottenerlo

di Antonello Scrimieri 2 mar 2020 ore 09:43

bonus-nido-2020Il bonus asilo nido, introdotto dalla Legge di Bilancio 2017, è un contributo destinato a finanziare il pagamento delle rette per la frequenza dei bambini che si accingono a frequentare l’asilo nido pubblico o privato. Suddetto bonus viene erogato dall’INPS tramite un pagamento diretto mensile a favore del genitore che inoltra l’istanza per usufruire del bonus.

L’importo massimo del Bonus, inizialmente fissato a 1.000 Euro, ha subito variazioni nel corso degli anni. L’ultima modifica è avvenuta con la Legge di bilancio 2020, che ha incrementato per l’anno 2020 l’importo del bonus fino ad un massimo di 3.000 euro per i nuclei familiari in possesso di un ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) minore di 25.000 euro, e di 2.500 Euro per i nuclei familiari con un ISEE compreso tra i 25.001 euro e 40.000 euro.

Dal 17 febbraio 2017, secondo le istruzioni del Presidente Del Consiglio Dei Ministri, il contributo può essere assegnato anche per le famiglie con bambini, al di sotto dei 3 anni di età, affetti da gravi patologie croniche che non possono frequentare gli asili nido. Queste famiglie potranno utilizzare il bonus per avvalersi di servizi assistenziali domiciliari.

Dopo tali modifiche l’INPS ha fornito, tramite la circolare n. 27 del 14 febbraio 2020, le istruzioni necessarie per la presentazione della domanda.

Per poter fruire del Bonus, il genitore di un minore nato o adottato a decorrere dal primo gennaio 2016, deve presentare apposita istanza all’INPS, e deve essere in possesso dei seguenti requisiti alla data di presentazione della domanda:

  • Il genitore richiedente deve essere cittadino italiano o di uno stato membro dell’Unione Europea; nel caso in cui il richiedente sia un cittadino extracomunitario, egli dovrà avere il permesso di soggiorno nell’Unione Europea per i cosiddetti “soggiornanti di lungo periodo”;
  • Deve essere residente in Italia;
  • Deve essere colui che sostiene il pagamento della retta mensile scolastica;
  • Deve convivere con il minore.

 

Importi del Bonus asilo nido

L’importo del Bonus è distribuito in diverse modalità a seconda delle finalità per la quale viene richiesto.
Più nel dettaglio, se la misura viene richiesta per il pagamento della retta relativa alla frequenza dell’asilo nido, l’erogazione da parte dell’INPS è mensile ed è parametrata ad 11 mensilità, e si determina nel seguente modo:

  • Per un ISEE fino a 25.000 euro, il Bonus annuo è di 3.000 Euro e il richiedente riceverà mensilmente un importo pari a 272,72 euro per 11 mensilità.
  • Per un ISEE compreso tra 25.001 a 40.000, il Bonus annuo è di 2.500 Euro, in questo caso il richiedente riceverà mensilmente 227,27 euro per 11 mensilità.
  • Per un ISEE superiore  40.001 euro o nel caso in cui non venga presentato l’ISEE, il Bonus annuo è di 1.500 euro, in questo caso il richiedente riceverà mensilmente 136,37 euro per 11 mensilità.

Se, invece, il contributo viene richiesto per introdurre forme di supporto presso la propria abitazione, l’erogazione del bonus avverrà in un’unica soluzione, nel rispetto delle soglie sopraindicate, previa presentazione dell’attestazione pediatrica che dichiari l’impossibilità del minore a frequentare l’asilo per l’intero anno.

Nel caso in cui il richiedente commetta omissioni e/o errori nel modello ISEE, beneficiando di un bonus non spettante; l’INPS invierà l’importo nella misura minima stabilita pari a 136,37 euro mensili.

Se il contribuente sarà in grado di sanare la propria domanda e dimostrare la propria situazione economica (presentando un ISEE veritiero), l’importo spettante verrà eventualmente integrato a decorrere dalla data di presentazione della domanda.

 

Modalità di presentazione della domanda del bonus asilo nido

La domanda può essere presentata esclusivamente in modalità telematica con una delle seguenti alternative:

  • Accedendo ai servizi telematici dell’INPS con le proprie credenziali (PIN Code dispositivo);
  • Rivolgendosi ad un Patronato, CAAF o ad un professionista abilitato ai servizi telematici con l’INPS;
  • Chiamando il numero verde INPS 803.164 da telefono fisso oppure 06.164.164 da cellulare.

L’INPS provvederà a corrispondere il Bonus asilo nido nelle modalità di pagamento indicate dal richiedente nella domanda (accredito in conto corrente bancario o postale, versamento sul libretto postale o pagamento su carta prepagata con IBAN).

Il genitore che ha optato per l’accredito su conto corrente, dovrà allegare alla domanda il modello SR163 scaricabile direttamente dal sito dell’INPS: questo modello dovrà essere firmato dalla propria banca ed attesterà l’esistenza dell’IBAN e dell’intestatario.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldiOnline.it

Piazza Affari in rosso. Il FTSEMib chiude sotto i 22mila punti

Piazza Affari in rosso. Il FTSEMib chiude sotto i 22mila punti

Forte volatilità su UniCredit dopo la pesante correzione subita nelle precedenti due sedute. Chiusura negativa per MPS. Pessima giornata per Fincantieri Continua

Guide Lavoro

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Da quello a tempo indeterminato a quello accessorio, passando per quello a tempo determinato, per quello in somministrazione e per tutte le altre tipologie di contratto di lavoro Continua »