NAVIGA IL SITO

Nazionalizzazione banche

di Marco Delugan
Nazionalizzare una banca vuol dire che lo Stato ne acquista la maggioranza delle azioni. In Italia le banche erano in gran parte pubbliche prima dell’ondata di privatizzazioni che ha caratterizzato gli ultimi decenni. Un ritorno a questo tipo di gestione non rappresenterebbe quindi una novità assoluta.

La nazionalizzazione potrebbe consentire allo Stato di indirizzarne l’attività verso obbiettivi più complessi e socialmente ed economicamente più ricchi del solo perseguimento del massimo profitto possibile. L’attività bancaria potrebbe perdere del tutto la sua dimensione speculativa e orientarsi verso il servizio dell’economia reale garantendo, in condizioni di sostenibilità per la banca stessa, l’accesso al credito, il finanziamento delle attività produttive, il sostegno a settori strategicamente importanti.

Una banca in forma di società per azioni in mano statale potrebbe anche accedere ai prestiti della Bce, a differenza dello Stato, e utilizzare quei soldi per acquistare i titoli del debito pubblico italiano nei momenti di difficoltà e contrastare così la crescita dello spread dei tassi di interesse sulle nuove emissioni.
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: banche
da

SoldiOnline.it

Apertura in moderato rialzo per Europa e Piazza Affari

Apertura in moderato rialzo per Europa e Piazza Affari

Avvio in rialzo frazionale per le principali borse del Vecchio Continente, che confermano l'andamento dei future sui maggiori indici continentali della preapertura Continua

Guide Lavoro

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Da quello a tempo indeterminato a quello accessorio, passando per quello a tempo determinato, per quello in somministrazione e per tutte le altre tipologie di contratto di lavoro Continua »