NAVIGA IL SITO
Home » guide » Banche e Poste » Social Card 2014: cos’è e come richiederla

Social Card 2014: cos’è e come richiederla

di Marco Delugan
La social card è una carta di pagamento istituita dallo Stato italiano nel 2008 e rinnovata in tutti gli anni successivi, anche per il 2014. Permette spese di un ammontare complessivo di 80 euro ogni due mesi (la carta viene ricaricata automaticamente dallo Stato) ed è dedicata a persone che vivono situazioni di forte disagio economico.

La social card permette di fare acquisti nei negozi di alimentari, nelle farmacie e nelle parafermacie abilitate al circuito Mastercard, e di pagare la bolletta della luce e del gas. Per i titolari della social card sono inoltre previsti sconti nei negozi che espongono il simbolo del carrello e tariffe elettriche agevolate.

SOCIAL CARD: CHI PUO' CHIEDERLA
Dal 2013 anche i cittadini stranieri in possesso del permesso di soggiorno possono chiedere la Social Card. Possono richiedere la social card gli anziani dai 65 anni in su, e i bambini di età inferiore ai 3 anni (in questo caso il titolare della carta è il genitore).

SOCIAL CARD: REQUISITI
Per quanto riguarda gli anziani con età dai 64 anni in su, i requisiti per ottenere la social card sono i seguenti:
  • avere trattamenti pensionistici o assistenziali che, cumulati ai relativi redditi propri, sono di importo inferiore a 6.781,76 € all'anno o di importo inferiore a 9.042.34 € all'anno, se di età pari o superiore a 70 anni;
  • avere un ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente), in corso di validità, inferiore a 6.781,76 €;
  • non essere, da solo o insieme al coniuge:
    • intestatario/i di più di una utenza elettrica domestica;
    • intestatario/i di utenze elettriche non domestiche;
    • intestatario/i di più di una utenza del gas;
    • proprietario/i di più di un autoveicolo;
    • proprietario/i con una quota superiore o uguale al 25%, di più di un immobile ad uso abitativo;
    • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 10%, di immobili non ad uso abitativo o di categoria catastale C7;
    • titolare/i di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, superiore a 15.000 €;
  • non fruire di vitto assicurato dallo Stato o da altre pubbliche amministrazioni in quanto ricoverato in istituto di cura di lunga degenza o detenuto in istituto di pena.

FONTE: Ministero dell'Economia e delle Finanze


Per quanto riguarda i bambini di età inferiore ai 3 anni, questi sono i requisiti:
  • avere un ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente), in corso di validità, inferiore a 6.781,76 €;
  • non essere, da solo o insieme all’esercente la potestà genitoriale/soggetto affidatario e all’altro esercente la potestà genitoriale/soggetto affidatario:
    • intestatario/i di più di una utenza elettrica domestica;
    • intestatario/i di più di una utenza elettrica non domestica;
    • intestatario/i di più di due utenze del gas;
    • proprietario/i di più di due autoveicoli;
    • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 25%, di più di un immobile ad uso abitativo;
    • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 10%, di immobili non ad uso abitativo o di categoria catastale C7;
    • titolare/i di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, superiore a 15.000 €.
FONTE: Ministero dell'Economia e delle Finanze

SOCIAL CARD: COME CHIEDERLA
La Social card può essere richiesta compilando il modulo scaricabile sito internet del Ministero dell'Economia e delle Finanze. Una volta compilato, il modulo va consegnato in Posta. Il modulo può essere ritirato anche presso gli uffici postali. Se la richiesta verrà accettata, la carta vi verrà recapitata per posta.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: social card 2014

da

Soldi Online

Piazza Affari sulle montagne russe: giovedì nero per MPS

Piazza Affari sulle montagne russe: giovedì nero per MPS

Il titolo dell'istituto toscano è stato più volte sospeso per eccesso di ribasso. Riflettori accesi sulla galassia Agnelli. Chiusura positiva per ENI e Luxottica Continua »

da

Soldi e Lavoro

Le tecnologie mobile producono risparmio per le aziende

Le tecnologie mobile producono risparmio per le aziende

APP, tablet e smartphone migliorano i servizi e abbattono i costi. Le tecnologie mobile fanno risparmiare 9 miliardi alle aziende. Lo dice uno studio dell’Osservatorio Mobile Enterprise Continua »