NAVIGA IL SITO

Cosa è il Durc e a chi serve

Il Durc (Documento Unico di Regolarità Contributiva), serve ad attestare la regolarità dei versamenti dovuti a Inps e Inail

di Redazione Soldionline 20 feb 2020 ore 10:21

durcIl Durc (Documento Unico di Regolarità Contributiva), serve ad attestare la regolarità dei versamenti dovuti a Inps e Inail. Per le imprese tenute ad applicare i contratti del settore dell'edilizia, serve ad attestare la regolarità dei versamenti dovuti alle Casse edili.

 

A cosa serve il Durc

L’attestazione di aver effettuato tutti i versamenti contributivi e assistenziali previsti dalla legge serve, in sostanza, a dimostrare che si rispettano tutte le condizioni prescritte dalla legge nei confronti dei lavoratori che si impiegano.

Il Durc è richiesto per:

  • partecipare a gare di appalto indette da pubbliche amministrazioni;
  • gestire (in convenzione o concessione) servizi e attività per conto di enti pubblici;
  • svolgere attività edilizie, anche per conto di privati, per le quali è richiesta la dichiarazione di inizio attività (Dia);
  • ottenere l’attestazione di società organismi attestazione (Soa), che compiono verifiche sull’affidabilità di chi esegue lavori pubblici;
  • ottenere l’iscrizione all’albo dei fornitori;
  • godere di incentivi, agevolazioni e sovvenzioni ove previsti dalla legge.

Chi deve presentare il Durc e chi può chiederlo

Il Durc è obbligatorio sia per le imprese che per i lavoratori autonomi, ove intendano svolgere una delle attività per le quali è richiesto il documento. I lavoratori autonomi dovranno semplicemente certificare di non avere dipendenti ai quali effettuare versamenti previdenziali e assistenziali.

La presentazione del Durc può essere richiesta da:

  • amministrazioni pubbliche ed enti privati a rilevanza pubblica che indicono appalti;
  • amministrazioni pubbliche che rilasciano concessioni;
  • Soa;
  • imprese e lavoratori autonomi;
  • banche o intermediari finanziari.

Come ottenere il Durc

Il documento viene rilasciato in modalità telematica e in tempo reale accedendo ai siti accedere ai siti web dell’Inps (www.inps.it) o dell’Inail (www.inail.it).

Nel caso ci si rivolga all’Inps occorre:

  • entrare nella sezione “prestazioni e servizi”;
  • cliccare la voce “Durc online”;
  • scegliere se accedere al servizio come utente o come stazione appaltante;
  • cliccare la voce “seleziona”;
  • inserire le proprie credenziali di autenticazione: codice fiscale e codice Pin;
  • inserire il proprio codice fiscale e l’indirizzo email di posta certificata (Pec) a cui si vuole ricevere l’esito della richiesta.

Nel caso ci si rivolga all’Inail occorre:

  • cliccare la voce “servizi online”;
  • autenticarsi inserendo le credenziali con cui ci si è registrati;
  • entrare nel servizio Durc online;
  • inserire il proprio codice fiscale e l’indirizzo di posta Pec a cui si vuole ricevere comunicazione dell’esito.

Nel caso le verifiche dell’ente al quale ci si è rivolti siano positive, il Durc viene rilasciato immediatamente, con validità di 120 giorni. Per lavori edili per i quali occorra la Dia la validità del documento è di 90 giorni.

Nel caso le verifiche non abbiano esito positivo, chi ha fatto domanda del documento riceve per mail l’invito a effettuare gli adempimenti necessari a mettersi in regola entro 15 giorni dalla ricezione della mail.

Fino alla scadenza del Durc che si è ottenuto, non è possibile chiedere un altro Durc utilizzando lo stesso codice fiscale.

    Domande & Risposte
  • A cosa serve il Durc?
    Il Durc - acronimo di Documento Unico di Regolarità Contributiva - serve ad attestare la regolarità dei versamenti dovuti a Inps e Inail.
  • Per cosa è richiesto il Durc?
    Per molte cose: partecipare a gare di appalto, gestire servizi pubblici, svolgere attività edilizie, ottenere attestazioni di affidabilità, iscriversi agli albi fornitori e godere di incentivi.
  • Come si ottiene il Durc?
    Facendone domanda, anche telematicamente sui rispettivi siti, a Inps o Inail.
  • Quando viene rilasciato il Durc?
    Immediatamente, con validità di 120 giorni.
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldiOnline.it

Piazza Affari, il FTSEMib alla fine perde l'1%

Piazza Affari, il FTSEMib alla fine perde l'1%

Giornata negativa, dopo una mattinata senza direzione, per Piazza Affari. In rialzo Enel in scia alle novità su Open Fiber. Vendite, complessivamente, sui bancari Continua

Guide Lavoro

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Le diverse tipologie di contratti di lavoro: caratteristiche e utilizzi

Da quello a tempo indeterminato a quello accessorio, passando per quello a tempo determinato, per quello in somministrazione e per tutte le altre tipologie di contratto di lavoro Continua »