NAVIGA IL SITO

Bancomat Pay: pagamenti alla velocità di un SMS

Bancomat Pay entra nel mercato del trasferimento di denaro tra privati, e-commerce e pagamenti con smartphone. Con un nuovo servizio per acquistare su internet, per compiere trasferimenti di fondi istantanei tra privati e per spese nei negozi

di Francesca Secci 13 feb 2019 ore 11:20

bancomat-payUna rivoluzione del digital payment che coinvolge circa 37 milioni di titolari di carte e 440 banche. Con Bancomat Pay inizia l’era dei pagamenti digitali. Ciò è il risultato di un accordo con Sia, una società che sviluppa soluzioni tecnologiche per istituzioni finanziarie, banche e aziende.

GLI ARGOMENTI DI QUESTA GUIDA

 

BANCOMAT PAY E LA TECNOLOGIA JIFFY

Si tratta di una domanda legittima, perché i pagamenti via internet già esistono.

Chiunque infatti negli ultimi anni ha acquistato online almeno un biglietto aereo o più banalmente un qualsiasi bene nei siti dedicati al commercio elettronico. Il nuovo sistema rende la propria carta virtuale.

Col servizio Bancomat Pay, che utilizza l'innovativa tecnologia Jiffy, è possibile effettuare acquisti senza dover inserire codici o password.

Bancomat SpA ha acquistato la tecnologia adottata da Jiffy per i pagamenti online.

Jiffy è un servizio che permette di inviare somme di denaro in tempo reale tramite App.

Alcune banche offrono il servizio Jiffy direttamente dal loro sito di internet banking.

Con Pago Bancomat non sarà necessario farsi rilasciare una nuova carta, perché il sistema si adatterà alle carte già in circolazione e il funzionamento dipenderà esclusivamente dal proprio istituto di credito, perché non tutti sono attrezzati e non tutti sono in grado di supportare la piattaforma Jiffy.

 

NON SOLO PER L’E-COMMERCE

Il sistema Bancomat Pay non consente soltanto di fare acquisti online. È infatti possibile usare la carta per:

  • Trasferimento di somme di denaro tra individui (il cosiddetto peer-to-peer, come già permesso da Jiffy)
  • Acquistare beni e servizi sia online che nei punti di vendita dei commercianti convenzionati. È possibile pagare tramite smartphone o online con il proprio numero di cellulare
  • Grazie a una partnership col sistema PagoPa, il sistema di pagamenti elettronici della Pubblica Amministrazione, nei prossimi mesi sarà possibile utilizzare Bancomat Pay anche per pagare tasse e multe

 

COME FUNZIONA BANCOMAT PAY APP

Bancomat Pay ha esordito il primo gennaio 2019, ma fin dallo scorso anno era utilizzabile solo da una platea pari a circa 5 milioni di utenti, ossia coloro che si erano registrati alla piattaforma Jiffy.

Per utilizzare Bancomat Pay occorre essere titolari di una carta PagoBancomat e abbinare la carta al proprio numero di telefono.

Come funziona? Con l'app Bancomat Pay è possibile inviare e ricevere denaro dal proprio smartphone selezionando un contatto dalla rubrica interna dell'applicazione, senza bisogno della scheda fisica o di ricordare il PIN.

Il servizio può essere utilizzato anche nei punti vendita.

Per utilizzare Bancomat Pay basta inquadrare il QR Code fornito dal commerciante per autorizzare il pagamento tramite smartphone.

Sui siti di e-commerce basta soltanto inserire il proprio numero di cellulare.

Con Bancomat Pay si possono anche pagare i parcheggi in aeroporto e rinnovare i pass di trasporto pubblico.

Naturalmente, l'utente ha accesso a tutte le funzionalità già adottate da Jiffy, in particolare la possibilità di dividere una spesa o trasferire fondi ad amici e familiari.

 

I COSTI

Le commissioni interbancarie sono quelle somme di denaro che vengono detratte dalle banche ogniqualvolta si utilizza il POS per pagare un bene.

Questo è uno dei maggiori ostacoli all’espansione dei pagamenti elettronici. Tuttavia, l’azienda Bancomat S.p.a. ha garantito l'annullamento delle commissioni interbancarie per pagamenti inferiori ai 15 euro.

Un altro problema che rende poco interessanti i pagamenti elettronici sono i costi fissi e le commissioni (soprattutto per le piccole somme) che un negoziante che ha un POS deve fornire a una delle principali banche italiane.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldiOnline.it

Il FTSEMib chiude in rosso. Male il DAX

Il FTSEMib chiude in rosso. Male il DAX

Il principale indice tedesco ha perso oltre un punto e mezzo pecentuale, in scia ai forti cali subiti da Bayer e BMW. In rosso Fiat Chrysler Automobiles e Moncler Continua

da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 6 marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal 27 aprile. Destinatari, requisiti e importi Continua »