NAVIGA IL SITO
Home » esperto risponde » Mutui e Prestiti » Mutuo casa e separazione: il contratto deve rimanere cointestato?

Mutuo casa e separazione: il contratto deve rimanere cointestato?

Escludere uno dei due intestatari dal mutuo casa in caso di separazione è possibile, ma solo con il consenso della banca. Chi esce dal contratto ha diritto alla liquidazione della quota

di Andrea Manfredi 28 ago 2015 ore 15:09

Posseggo il 50% di un immobile il cui valore è pari ad € 130.000. Il mutuo residuo è di € 110.000 con rata mensile di € 600.Ho acceso un prestito con rata mensile di € 700 per liquidare l'altro proprietario. Ora vorrei intestarmi l'immobile ed il mutuo al 100% ed estinguere il finanziamento facendolo confluire nel mutuo. Come posso fare?

Buongiorno Marina,
innanzitutto una premessa: quando una coppia presenta una richiesta di mutuo alla banca, quest’ultima si basa sulle entrate di entrambi i richiedenti per decidere se concedere o meno il finanziamento. L’uscita di uno dei due intestatari dal contratto è possibile solo ed esclusivamente previo consenso dell’istituto di credito. La prima cosa da fare, quindi, è chiedere alla banca presso cui si è acceso il mutuo di autorizzare l’uscita dal contratto di uno dei due intestatari. Se la banca non dovesse ritenerla in grado di rimborsare il mutuo da sola purtroppo la soluzione da lei suggerita non sarà attuabile.

Se invece la richiesta dovesse andare a buon fine il mutuo sarà intestato interamente a lei. Se a questo punto il suo desiderio è quello di estinguere il prestito che ha richiesto potrebbe tentare innanzitutto una rinegoziazione del mutuo presso la sua banca, chiedendo che le venga concessa della liquidità aggiuntiva da restituire in più tempo. In alternativa può provare con la sostituzione del mutuo, per la quale dovrà trovare un’altra banca disposta ad accollarsi il suo finanziamento (anche in questo caso potrà richiedere della liquidità extra rispetto al capitale residuo del mutuo originale). Tuttavia le ricordo che nessuna banca è tenuta a concederle una rinegoziazione o una sostituzione del suo attuale mutuo se dovesse ritenere l’operazione troppo rischiosa. In questo caso dovrà finire di pagare separatamente il prestito e il mutuo.

Cordiali saluti
Vai alla pagina degli Esperti

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldiOnline.it

L’ultimo urrà per Draghi

L’ultimo urrà per Draghi

Cresce l'attesa per la riunione della BCE di domani. Ecco cosa potrebbe dire Mario Draghi. Ma è vero che Francoforte si è cacciata, da sola, in una strada che non ha uscita? Continua »

da

SoldieLavoro

Il certificato di malattia per il lavoro: cos'è e come si richiede

Il certificato di malattia per il lavoro: cos'è e come si richiede

Il certificato di malattia rappresenta il documento che attesta la temporanea impossibilità al lavoro. È redatto dal medico curante, il quale provvederà a inviarlo all’INPS Continua »