NAVIGA IL SITO
Home » esperto risponde » Investimento sicuro » Dossier titoli e trasferimento azioni fallite

Dossier titoli e trasferimento azioni fallite

Con il trasferimento potrà far emergere le minusvalenze nel dossier originario solamente se le intestazioni dei due depositi sono diverse...

di Lucio Sgarabotto 21 ott 2014 ore 10:59

Sono in possesso di azioni FIN.PART e FINMATICA, società fallite che hanno portato i libri in tribunale. Mi conferma che se apro un dossier titoli a mio nome presso un'altra banca è possibile trasferire le precitate azioni su quest'ultimo dossier. In tal caso emergerebbero le minusvalenze nel dossier nel quale sono attualmente in carico?

La ringrazio anticipatamente e Le invio distinti saluti


RISPOSTA: Il trasferimento di azioni fallite da un dossier ad un altro è certamente possibile. Con il trasferimento potrà far emergere le minusvalenze nel dossier originario solamente se le intestazioni dei due depositi sono diverse. Nel caso in cui lei risulti il solo intestatario di entrambi i depositi le azioni entreranno nel nuovo dossier al prezzo di carico originario, senza quindi poter utilizzare le potenziali minusvalenze per la riduzione di future plusvalenze.

Cordialmente
Dr Lucio Sgarabotto
www.lsadvisor.it

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldiOnline.it

Il FTSEMib ha chiuso con un ribasso

Il FTSEMib ha chiuso con un ribasso

Deludenti i dati PMI di diverse nazioni relativi al mese di dicembre, in particolare quelli relativi alla Francia. Giornata negativa per i bancari. OVS sulle montagne russe Continua »

da

SoldieLavoro

Il certificato di malattia per il lavoro: cos'è e come si richiede

Il certificato di malattia per il lavoro: cos'è e come si richiede

Il certificato di malattia rappresenta il documento che attesta la temporanea impossibilità al lavoro. È redatto dal medico curante, il quale provvederà a inviarlo all’INPS Continua »