NAVIGA IL SITO
Home » guide » Mutui e Prestiti » Il mutuo a tasso variabile con tetto massimo

Il mutuo a tasso variabile con tetto massimo

Un limite massimo certo al tasso di interesse per qualche anno. Ma spread più alti

di Paolo Buro 22 ott 2009 - ore 12:42
Articolo a cura di ProfessioneFinanza.com

Questa tipologia di mutuo a tasso variabile prevede la garanzia di un tetto massimo certo e stabilito al momento della firma del contratto. Il mutuo a tasso variabile con tetto massimo, prevede una clausola specifica a favore di chi accende il mutuo. Questa clausola stabilisce per contratto che il tasso non potrà superare l'X%. Questo può aver valore per tutto il periodo del mutuo o solo per un periodo specifico (per es. i primi 3 anni).

Permette di avere la certezza che, pur avvantaggiandosi dei tassi variabili non si può correre alcun rischio di un aumento dei tassi sopra una certa cifra. Naturalmente questa garanzia ha un costo che si traduce con uno spread molto più elevato da parte delle banca.

Il mutuo a tasso variabile con cap (Il CAP - ovvero il livello massimo raggiungibile dal tasso e quindi dalla rata - può essere di diversi livelli in base alla durata del mutuo ed è comunque predeterminato in fase della stipula del contratto del mutuo a tasso variabile), è un mutuo a tasso variabile, in cui l'euribor + spread non può in ogni caso superare un certo valore percentuale.

Ad esempio, un cliente può stipulare un mutuo a tasso variabile regolato al tasso a regime dell'euribor 6 mesi + 1,60%, con tasso massimo del 6%. Ciò significa che se l'euribor 6 mesi è del 4%, io pagherò 4% + spread 1,60% = 5,60% e che se l'euribor 6 mesi è del 5% io non pagherò 5% + spread 1,60% = 6,60%, ma il 6% (il tasso massimo applicabile). Il mutuo con cap offre una protezione parziale contro il rialzo dei tassi: in particolare tutela il debitore contro i rialzi molto marcati dei tassi.

Vantaggi
Un mutuo di questa tipologia offre un tasso di interesse minore rispetto ad un mutuo a tasso fisso.

Svantaggi
  1. il cap ho un costo per il cliente. Gli spread applicati ai mutui con cap sono più alti degli spread applicati ai mutui a tasso variabile classici;
  2. il cap può essere molto alto;
  3. il tetto di tasso può essere previsto solo per una certa fase del mutuo (ad esempio i primi 7 anni) e non per tutta la durata del mutuo. Sono però proprio gli anni più lontani e quindi più aleatori quelli in cui è più importante avere una tutela contro la variazione dei tassi di interesse.

Paolo Buro


Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: mutui , mutui tasso variabile
da

Soldi Online

Il FTSEMib resta positivo. Brillano Banca Carige e Creval

Il FTSEMib resta positivo. Brillano Banca Carige e Creval

Seduta altalenante per il Monte dei Paschi di Siena: il titolo dell’istituto senese è passato in rosso. Ottima giornata per Enel, dopo la presentazione del piano industriale Continua

da

Soldi e Lavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »