NAVIGA IL SITO
Home » guide » Fisco & Tasse » IMU, scadenze e pagamenti

IMU, scadenze e pagamenti

Con il decreto legge n. 201/2011 è stata anticipata al 2012 l’introduzione dell’imposta municipale unica, considerata sperimentale fino al 2014. Su cosa, quanto e come si paga

di Antonello Scrimieri 27 apr 2012 - ore 10:39
Con il decreto legge n. 201/2011 è stata anticipata al 2012 l’introduzione dell’imposta municipale propria (IMU ormai entrata nel gergo comune come Imposta Municipale Unica), in origine prevista a partire dal 2014, in base al decreto legislativo n. 23/2011. L’introduzione dell’imposta dal 2012 viene considerata sperimentale fino al 2014.

Su cosa è dovuta l’IMU - L’IMU è dovuta su tutti gli immobili posseduti a titolo di proprietà o di altro diritto reale (usufrutto, uso,  abitazione, enfiteusi, superficie). Ai fini dell’applicazione dell’imposta è considerata abitazione principale l’immobile iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare nel quale il possessore dimora abitualmente con la famiglia  ed ha la residenza anagrafica. Le pertinenze, invece, sono solo quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6, e C/7, nel limite di una per ciascuna delle categorie indicate.
 
Base imponibile IMU - La base imponibile dell’imposta è costituita dal valore dell’immobile, determinato, per i fabbricati iscritti in catasto, moltiplicando la rendita in vigore all’inizio dell’anno, rivalutata del 5%, per uno dei seguenti coefficienti:

MOLTIPLICATORE CATEGORIE CATASTALI
160 fabbricati inseriti nel gruppo catastale A (ad esclusione di quelli A/10) e nelle categorie C/2, C/6 e C/7
140 fabbricati censiti nel gruppo catastale B e nelle categorie C/3, C/4 e C/5
80 fabbricati inseriti nelle categorie catastali A/10 e D/5
60 fabbricati appartenenti al gruppo catastale D (ad esclusione della categoria D/5); tale moltiplicatore è elevato a 65 a decorrere dal 1° gennaio 2013
55 fabbricati inseriti nella categoria catastale C1


IMU terreni agricoli - Per i terreni agricoli, invece, la base imponibile è costituita dal reddito dominicale risultante in catasto al 1° gennaio, rivalutato del 25% moltiplicato per i seguenti coefficienti:

MOLTIPLICATORE CATEGORIE CATASTALI
110 Terreni detenuti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza
130 Tutti gli altri casi


Aliquote IMU - L’aliquota ordinaria dell’Imposta municipale è del 7,6 per mille, ma i Comuni, con apposita delibera del Consiglio Comunale, possono modificarla in aumento o in diminuzione fino a 3 punti millesimali, così come possono ridurre fino al 4 per mille l’aliquota per gli immobili locati.

L’aliquota che si applica per la casa di abitazione principale del contribuente e per le relative pertinenze è fissata al 4 per mille. I Comuni possono modificare anche tale ultima aliquota, in aumento o in diminuzione, fino a 2 punti millesimali.

Per i fabbricati rurali l’aliquota è il 4 per mille se adibiti ad abitazione principale e il 2 per mille se strumentali all’attività agricola, ai Comuni è data facoltà di ridurre tale ultima aliquota fino all’1 per mille. Sempre per i fabbricati rurali, peraltro, viene introdotto l’obbligo di dichiarare al catasto edilizio urbano, entro il 30 novembre 2012, quelli iscritti al catasto terreni.

Continua a leggere...
TUTTI GLI ARTICOLI SU: imposta municipale unica

da

Soldi Online

Draghi non delude: Piazza Affari chiude sui massimi

Draghi non delude: Piazza Affari chiude sui massimi

Da segnale il balzo di Moncler, dopo la diffusione dei risultati del 2014. Giornata nervosa per i bancari, dove spiccano le buone performance di IntesaSanpaolo e Unicredit Continua »

da

Soldi e Lavoro

Pari opportunità: dove è più facile fare la manager

Pari opportunità: dove è più facile fare la manager

Crescono ancor più le donne quadro (+25%, 28% del totale). Nel Rapporto Donne 2015 di Manageritalia l’esclusiva mappa regionale e provinciale che indica dove è meno difficile fare la manager Continua »