NAVIGA IL SITO
Home » guide » Economia familiare » Connessione adsl condivisa: come funziona e quando conviene?

Connessione adsl condivisa: come funziona e quando conviene?

Abiti in un condominio e sei alla ricerca di un'offerta adsl? Scopri i vantaggi della connessione adsl condivisa che ti garantisce una connessione veloce e risparmi dal 25 al 50%.

di Giulia Pasquali 10 mag 2016 - ore 10:37

A cura di Supermoney.it

Quello della telefonia e delle connessioni internet è un settore particolarmente competitivo e questo permette agli utenti di poter scegliere tra le numerose offerte adsl presenti sul mercato quella più economica e vantaggiosa. Forse non tutti lo sanno, ma è possibile ottenere risparmi ulteriori anche attivando una connessione adsl condivisa che permette di condividere la rete con i propri vicini di casa se non addirittura con l’intero condominio. Per conoscere tutti i dettagli della connessione adsl condivisa ti consigliamo questa videoguida di cui riportiamo di seguito i punti più importanti.

FUNZIONAMENTO DELLA CONNESSIONE ADSL CONDIVISA
cavo-adslCome accade in alcuni edifici per i contratti di riscaldamento e acqua, è possibile avere un contratto di connessione adsl unico per il condominio così da dividerne il costo tra tutti i condòmini. Per intenderci, l’idea di condivisione alla base è simile a quella della caldaia condominiale che garantisce eque prestazione a tutti quanti.

La condivisione è possibile grazie alla tecnologia Wi-Fi (acronimo di Wireless Fidelity) che permette a più terminali di utenza di collegarsi a una rete locale in modalità wireless, oppure grazie a una cablatura in fibra ottica istallata in ciascun appartamento.

Dal punto di vista pratico i lavori per fare arrivare la linea adsl condivisa in ogni appartamento vengono effettuati dall’azienda fornitrice che provvede a impiantare una cablatura in fibra ottica (dove disponibile la fibra ottica), un normale cavo elettrico oppure la cosiddetta iper LAN, ovvero una serie di ripetitori comunicanti tra loro grazie alla tecnologia Wi-Fi. Se invece il condominio aveva già in precedenza la sua connessione adsl non sarà necessario nessun lavoro di questo genere e bisognerà solamente provvedere al cambio di contratto di connessione adsl.

CARATTERISTICHE DEL CONTRATTO
I gestori telefonici hanno quindi creato dei veri e propri contratti di connessione adsl condominiali che sia dal un punto di vista contrattuale che per caratteristiche tecnologiche sono pensati per essere messi a disposizione in contemporanea per tutti gli utenti di un stesso edificio.

Dal punto di vista economico e tecnologico i contratti condominiali di una connessione adsl condivisa assomigliano a tutti gli effetti a quelli pensati per le aziende che hanno la necessità di collegare molti dispositivi simultaneamente. Non a caso generalmente i contratti condominiali più convenienti sono legati a operatori telefonici specializzati nelle forniture alle aziende più che per i singoli privati.

PRO E CONTRO DELLA CONNESSIONE ADSL CONDOMINIALE
In primo luogo, una connessione adsl condivisa è vantaggiosa in termini economici proprio perché permette di dividere la spesa, inerente all’installazione dell’adsl e dell’abbonamento, tra più persone. E’ chiaro che più è alto il numero di condòmini che aderiscono all’iniziativa maggiore sarà il risparmio per il singolo privato. Il risparmio medio varia dal 25 al 50% rispetto a un tradizionale abbonamento adsl annuo e personale.

In secondo luogo i condomini non interessati alla connessione condivisa non sono obbligati a contribuire alle spese per l’adsl. Cavo adsl e password del Wi.Fi vengono infatti fornite solo agli utenti in favore della connessione condivisa.

Tra gli svantaggi della connessione adsl condivisa vi è invece il fatto che può capitare che ci siano delle differenze inerenti al livello di ricezione del segnale tra un appartamento e l’altro. Se è stata impiantata l’iper LAN, ad esempio, è importante distribuire i ripetitori sui diversi piani del condominio in modo più omogeneo possibile per far sì che non ci siano appartamenti con connessioni più scadenti di altri. Bisogna infine stare attenti all’operatore che viene scelto dal condominio e verificare che quello prescelto copra la specifica zona con il tipo di abbonamento richiesto.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: tariffe internet
da

Soldi Online

Il FTSEMib fallisce l'assalto ai 24mila punti

Il FTSEMib fallisce l'assalto ai 24mila punti

Chiusura negativa per Fiat Chrysler Automobiles, dopo che in mattinata aveva superato per la prima volta nella storia quota 20 euro. Giornata incerta per i bancari Continua

da

Soldi e Lavoro

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Circa 10 euro come paga oraria minima per tutti i lavoratori dipendenti non coperti dai CCNL. Il salario minimo legale è uno dei punti più importanti del progremma del PD Continua »