NAVIGA IL SITO
Home » guide » Come risparmiare » Come non pagare il Canone Rai grazie all'Adsl e tv streaming

Come non pagare il Canone Rai grazie all'Adsl e tv streaming

Con il moltiplicarsi dei servizi legali di streaming e tv on demand c'è qualcuno che ha deciso di rinunciare alla tv come elettrodomestico. Evitando il Canone Rai.

di Mirko Zago 31 mag 2016 - ore 12:26

A cura di SosTariffe.it

Ha fatto discutere la scelta del governo di includere nella bolletta elettrica il canone della Rai. Il decreto ministeriale che inserisce la tassa sul possesso dell’apparecchio televisivo all’interno della bolletta è stato approvato. I tentennamenti mossi nei mesi scorsi poco sono serviti a far desistere su questa novità. Le associazioni dei consumatori sono sul piede di guerra e pronte a dar battaglia.

Ricordiamo che il canone sarà dovuto una sola volta, indipendentemente dal numero di apparecchi televisivi presenti in casa e non sarà applicato nel caso di seconde case (si pagherà comunque una sola volta). La cifra seppur più bassa che in passato, 100 euro annui, rappresenta una spesa importante per le famiglie italiane che hanno però ancora un asso nella manica.

uesto è rappresentato dai servizi online di tv in streaming nella formula on demand. Questi servizi se supportati da una buona connessione Adsl possono realmente essere un alternativa che permette di risparmiare il pagamento del Canone Rai.

tv-onlineRinunciare alla Tv a favore dell’online
Il canone Rai è una tassa di possesso del televisore. Chi non volesse quindi pagarlo può, anziché impegnarsi a scovare stratagemmi ai limiti della legalità, semplicemente rinunciare all’utilizzo di questo apparecchio. Se fino a qualche tempo fa questa opportunità poteva sembrare remota ed eccessivamente limitativa, oggi con la moltiplicazione delle alternative online, acquisisce invece una sua dignità. Una panoramica di servizi di Tv in streaming on demand si può ottenere consultando il sito SosTariffe.it ed effettuando una comparazione migliori tariffe TV. Tra queste spiccano sicuramente quelle di Sky online, Premium online, Chili e Netflix.

Si tratta di servizi nati online (o come declinazione sul web di servizi di Tv digitale o satellitare come nei primi due casi) in grado di offrire una fruizione di contenuti quanto più affine ai nostri gusti e alla nostra disponibilità di tempo. Scelta della trasmissione e momento di utilizzo sono infatti nelle mani dell’utente che può costruire in maniera personalizzata il suo palinsesto scegliendo da cataloghi ogni giorno sempre più ricchi.

Di fronte ad una qualità dubbia delle trasmissioni della Tv tradizionale, i servizi online con il tempo si sono arricchiti di librerie che spaziano dalle grandi pellicole, documentari di approfondimento, sport, informazione, senza tralasciare l’intrattenimento e le serie Tv accontentando veramente chiunque.

Panoramica dei servizi di Tv online
I servizi on demand sono tutti accomunati dall’assoluta legalità, dalla ricchezza dell’offerta, costi contenuti e possibilità di evitare il canone Rai. La fruizione può infatti avvenire attraverso apparecchi connessi ad internet ma che nulla hanno a che vedere con la ricezione del segnale Tv tradizionale (e dunque non soggetti a canone). Si può godere quindi delle trasmissioni attraverso il pc, uno smartphone, un tablet, insomma poco importa il supporto materiale utilizzato. Rimane inteso che per un buon godimento serve una connessione ADSL in grado di supportare un buon flusso dati evitando fastidiosi ritardi.
Tra i preferiti troviamo Sky online che propone pacchetti da 9,99 euro declinati nei macrotemi:

1) intrattenimento
2) cinema
3) sport

Tra i preferiti vi sono sicuramente quelli cinema e sport che offrono oltre 500 titoli di film on demand (arricchiscono il pacchetto 10 film ogni settimana) e tutto il calcio, Moto Gp e Formula 1 per accontentare la schiera di appassionati.
Prezzi in linea sono offerti anche da Premium online. In questo caso i pacchetti sono modulari e spaziano dalle serie Tv e cinema ai quali si possono affiancare anche sport e calcio nello specifico. Si va da 9 euro a 40 euro a seconda della completezza del pacchetto scelto (spesso in promozione).

Per gli appassionati di serie Tv si consiglia invece Netflix. Si tratta di un servizio importato dagli Stati Uniti in grado di offrire anche serie realizzate in esclusiva. L’abbonamento base ha un costo di 7,99 al mese che può salire a 11,99 euro con la possibilità di godere dei contenuti anche in versione HD. E’ possibile testare il servizio gratuitamente per un mese intero. In questo caso il catalogo di film è leggermente più limitato rispetto alla concorrenza seppur in costante integrazione.

Esatto opposto invece per Chili che fa dei film il suo piatto forte. Con un catalogo di contenuti che supera gli 8mila titoli il servizio è l’ideale per gli amanti del cinema. E’ possibile in questo caso procedere con l’acquisto del film o il suo noleggio che parte da appena 99 centesimi di euro. E’ forse il servizio meno vicino all’idea di Tv, ma può comunque offrire ottimi spunti per quanti ricercano prevalentemente buoni film con cui trascorrere qualche ora di spensieratezza.

E’ evidente che le opportunità ci sono. Spetta all’utente a questo punto propendere per una scelta che sembra meno drastica che in passato.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldi Online

Nei prossimi 5 anni? Una crescita globale stabile

Nei prossimi 5 anni? Una crescita globale stabile

Se si analizzano i trend che dovrebbero guidare l’economia globale nei prossimi anni lo scenario più probabile per il prossimo futuro è quello di una crescita globale stabile Continua

da

Soldi e Lavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »