NAVIGA IL SITO
Home » guide » Come fare » Come Recuperare Un Credito Messa In Mora
Guide simili Non ci sono articoli correlati per questo articolo
Speciale Non ci sono articoli correlati per questo articolo

Come Recuperare Un Credito Messa In Mora

Una fattura non pagata rappresenta un debito nei tuoi confronti e dunque un credito che puoi riscuotere. Quando il debitore non paga quanto dovuto nei termini, puoi dapprima sollecitarlo bonariamente per telefono, ricordandogli che a quel dato giorno non risulta effettuato il pagamento e rinnoverai dunque la richiesta. Se le vie brevi non hanno prodotto effetto, è il caso di invitare il debitore al pagamento mediante lettera raccomandata A/R; puoi anticiparla via fax o mail, con indicazione dell'oggetto e del contenuto previsti dall'art.1219 cod.Civ.

Istruzioni
Difficoltà
come-recuperare-un-credito-messa-in-mora

Consigli utili

  • Se nonostante la messa in mora il debitore non adempie la procedura può andare avanti con un procedimento di esecuzione forzata per decreto ingiuntivo.A quel punto sarà necessaria l'assistenza di un legale.Altrimenti puoi sempre rinunciare al credito e alla mora

Approfondimento:

Non ci sono articoli correlati per questo articolo
  1. Puoi impostare la lettera senza nessuna formalità, e senza l'assistenza di un legale perché non sono richieste formule solenni o parole difficili, ma semplicemente dovrai chiedere la somma precisa che ti è dovuta. E' vero però che, per avere le idee chiare sulle implicazioni di questa lettera, puoi consultare l'avvocato.

  2. Per prima cosa scrivi l'indirizzo del destinatario, il luogo e la data di invio. Descriverai poi il fatto o l'atto dal quale è sorto il tuo credito, specificando che siccome tra te e il debitore esiste ad esempio un contratto -e ne richiami il numero o la data (o una fattura o qualsiasi altra fonte dell'obbligazione) il debitore è pertanto tenuto al rispetto di detto contratto pagandoti la somma dovuta.
  3. Aggiungi inoltre che a nulla sono valsi i precedenti tentativi di sollecito a riguardo. Tutto ciò premesso e considerato, comunica l'intenzione di costituire in mora il debitore intimandogli il pagamento della somma entro e non oltre il termine di 15 giorni dal ricevimento della lettera, fatti salvi i maggiori danni e gli interessi legali calcolati dal giorno del ritardo.
  4. La seconda parte della lettera contiene le modalità con le quali il debitore, se non vuole incorrere nelle spese ulteriori indicate, dovrà effettuare il pagamento. Solitamente si accetta il pagamento con bonifico sul conto corrente bancario indicandone le coordinate e la Banca di riferimento, ma potresti preferire altri mezzi come PayPal o altro.

  5. In chiusura fai presente che, qualora non riceverai il pagamento entro il termine indicato, agirai nel modo più opportuno per la tutela dei tuoi diritti ed interessi, con riserva di adire le competenti vie legali,per il rimborso delle spese, interessi di mora e risarcimento dei danni. Dopo i saluti, ricordati di apporre la tua firma sulla lettera.
  6. La messa in mora non richiede una forma particolare di trasmissione, né è soggetta a notificazione come gli atti giudiziari però ricordati che è molto importante inviarla con raccomandata e avviso di ricevimento, perché oltre all'attestazione dell'ufficio postale circa la spedizione, si presume che la lettera giunga a conoscenza del debitore in quanto ti arriverà la cartolina di ricevimento controfirmata dal destinatario o da chi per lui. Dovrai comunque essere precisa per non mandare documenti "alla cieca" e agire per tutelare davvero i tuoi diritti. Esistono poi on line dei siti seri e affidabili che mettono a disposizione il modello facsimile di lettera che puoi utilizzare.

Leggi anche:

Non ci sono articoli correlati per questo articolo
di TeKna
Non ci sono articoli correlati per questo articolo
da

Soldi Online

Le virtù del lavoro notturno

Le virtù del lavoro notturno

Negli ultimi giorni gli investitori hanno dibattuto di uno studio, che ha confermato il segreto peggio custodito a Wall Street: evitare l’overnight per ridurre il rischio Continua

da

Soldi e Lavoro

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Circa 10 euro come paga oraria minima per tutti i lavoratori dipendenti non coperti dai CCNL. Il salario minimo legale è uno dei punti più importanti del progremma del PD Continua »