NAVIGA IL SITO
Home » esperto risponde » Fisco e tasse » Imu: aliquota prima casa solo con residenza e dimora abituale

Imu: aliquota prima casa solo con residenza e dimora abituale

Bisogna definire la casa del nucleo familiare in quanto non si può fruire delle aliquote ridotte per due volte.

di Nicola Marsella 12 apr 2012 - ore 10:02
Domanda - Ho comprato da poco una abitazione, prima avevamo fatto la separazione fiscale con mia moglie e gli avevo venduto la mia quota di proprietà della casa in cui abitiamo.

Per avere la agevolazione "Prima casa" in questa nuova casa vi ho portato anche la mia residenza, mentre la residenza di mia moglie è rimasta nella vecchia casa (che adesso è sua "prima casa" ai fini imposte indirette).

Corrisponde al vero che in una delle due case ai fini IMU-ICI dovremo pagare comunque l'Imposta come 2° casa (anche se uno dei due vi ha la residenza e magari che vi ha anche dimora)?

Grazie in anticipo per la consulenza.
Buona sera

Risposta - In presenza  di due immobili appartenenti ai coniugi, i quali hanno residenza ognuno nel proprio immobile di proprietà, bisogna definire la casa del nucleo familiare in quanto non si può fruire delle aliquote ridotte o dell’esenzione dall’imposta per due volte.

LEGGI ANCHE: IMU 2012: tutto quello che c’è da sapere

LEGGI ANCHE: Come calcolare l'Imu

D’altronde con la nuova definizione di abitazione principale per l’abitazione principale occorre sia la residenza anagrafica che la dimora abituale, per cui si è voluto comunque eliminare situazioni fittizie che consentivano l’applicazione di aliquote ridotte.

In definitiva, su una casa di proprietà dei coniugi si pagherà l’IMU come seconda casa, in base all’aliquota stabilita dal comune.

Nicola Marsella
Vai alla pagina degli Esperti

da

Soldi Online

Borsa italiana: giornata interlocutoria in attesa degli stress test Bce

Borsa italiana: giornata interlocutoria in attesa degli stress test Bce

Piazza Affari e le principali borse europee in altalena nell’ultima seduta della settimana. A tenere banco l’attesa legata alla comunicazione dei risultati degli stress test della Bce Continua »

da

Soldi e Lavoro

Decontribuzione per i neoassunti a tempo indeterminato

Decontribuzione per i neoassunti a tempo indeterminato

Allo stato attuale, il taglio dei contributi per i nuovi assunti a tempo indeterminato avrà un tetto: 6.200 euro all'anno. Calcoli sulla decontribuzione per i neoassunti a tempo indeterminato Continua »