NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » Tariffe » Cellulari, tariffe roaming più leggere dal prossimo luglio

Cellulari, tariffe roaming più leggere dal prossimo luglio

L’UE ha deciso d’intervenire per favorire una riduzione delle tariffe roaming e incoraggiare una maggiore concorrenza fra gli operatori di telefonia mobile, il tutto a beneficio dei consumatori, che potranno utilizzare il cellulare anche all’estero a costi ridotti.

di Francesco Tempesta 30 mar 2012 - ore 16:26
E’ in arrivo un taglio alle tariffe per il roaming già dal primo luglio di quest’anno e la possibilità di cambiare operatore per i servizi di telefonia e scambio dati all’estero, mantenendo sempre lo stesso numero di cellulare, a partire da luglio 2014. È quanto prevede l’accordo raggiunto pochi giorni fa dal Parlamento, la Commissione e la Presidenza europei. Vediamo ora nel dettaglio in che cosa consistono le nuove misure adottate in sede comunitaria e cosa cambierà per i possessori di cellulari.

L’accordo prevede che tutti gli operatori telefonici applichino tariffe cellulari per il roaming più basse, per telefonate, sms e traffico dati su internet. Se, infatti, fino a qualche giorno fa navigare in internet o mandare un messaggio all’estero con il cellulare voleva dire vedersi “prosciugare” il credito telefonico per via dei costi proibitivi, dal prossimo luglio non sarà più così e usufruire dei servizi di comunicazione mobile diventerà più accessibile e conveniente per tutti i cittadini europei. In particolare, con i nuovi tagli delle tariffe roaming, a partire da luglio 2012 una chiamata non potrà costare più di 29 centesimi (Iva inclusa) contro i 35 centesimi attuali, e non più di 19 centesimi a partire da luglio 2014. Un sms non potrà, invece, superare i 9 centesimi contro gli 11 attuali, e 6 centesimi fra due anni. Per quanto riguarda, inoltre, lo scambio dati, un megabyte scaricato non dovrà superare il costo di 70 centesimi a partire da luglio 2012, tariffa che nel 2013 scenderà a 45 centesimi per poi arrivare nel 2014 a 20 centesimi.

L’obiettivo di Bruxelles è quello di “stabilire un approccio comune per assicurare che gli utenti di reti di telefonia mobile non paghino prezzi eccessivi per i servizi di roaming UE quando viaggiano all’interno dell’Unione Europea”, si legge in una nota del Consiglio UE. Il nuovo regolamento, frutto dell’intesa fra il Parlamento, la Commissione e la Presidenza europei, “mira ad affrontare la mancanza di concorrenza e la scelta dei consumatori, che porta a prezzi di roaming elevati”. In tal senso, si prevede la possibilità di stipulare accordi personalizzati esclusivamente sul roaming con operatori differenti dal proprio quando ci si trova all’estero, senza essere costretti a dover cambiare il numero di telefono. Grandi novità che ovviamente non sono state accolte con troppo entusiasmo dagli operatori di telefonia.  

L’approvazione definitiva di tali misure è attesa per maggio, quando l’Aula di Strasburgo si pronuncerà in plenaria; seguirà l’adozione da parte del Consiglio UE.

Francesco Tempesta
TUTTI GLI ARTICOLI SU: tariffe cellulari

da

Soldi Online

Milano parte bene: brilla Enel

Milano parte bene: brilla Enel

Prese di beneficio su Tiscali, dopo il rally registrato nelle ultime due sedute. In mattinata il Tesoro procederà con l’asta dei BOT semestrali Continua »

da

Soldi e Lavoro

Lavoro, tredicesime 2014 più pesanti

Lavoro, tredicesime 2014 più pesanti

Tredicesima più pesante per i lavoratori dipendenti rispetto a quella percepita l'anno precedente, ma non per i redditi medio-bassi che stanno beneficiando del bonus di 80 euro Continua »