NAVIGA IL SITO
Home » Notizie » Mutui » Effetto IMU, cala il valore degli immobili

Effetto IMU, cala il valore degli immobili

Secondo il Censis, la tassa sugli immobili reintrodotta dal Governo costringerà numerose famiglie a vendere le seconde case di loro proprietà. La nuova tassa contribuirà anche a ridurre la possibilità di aprire mutui.

di Francesco Tempesta 23 apr 2012 - ore 14:57
A causa dell’Imu, la nuova imposta sugli immobili che sostituisce la vecchia Ici, il prezzo delle case potrebbe diminuire del 20%, in alcuni casi con punte di oltre il 50%. A denunciarlo è il Censis, secondo cui “redditi fermi e risparmio in flessione potrebbero costringere le famiglie a mettere in vendita le seconde case”, che rappresentano solo il 5% dell’intero mercato immobiliare italiano. Secondo quanto prevede la manovra Salva Italia, l’aliquota base applicata alle seconde case sarà dello 0,76%.

LEGGI ANCHE: IMU 2012: tutto quello che c’è da sapere

In occasione dell’Outlook sui consumi Censis Confcommercio, Giuseppe Roma, presidente Censis, ha affermato che oggigiorno le famiglie hanno maggiori difficoltà a risparmiare rispetto anche solo all’anno scorso. Molte di queste potrebbero, dunque, decidere di vendere le abitazioni e gli immobili non residenziali di loro proprietà “per far fronte a una pressione patrimoniale che in passato non c’è mai stata”.

Come illustrato da Roma, “la percentuale delle famiglie che segnala una flessione in atto nel prezzo degli immobili è salita dal 25,2% al 41,1%”. Le previsioni non sono certamente più rosee e indicano come principale conseguenza dell’Imu una diminuzione del valore degli immobili pari al 20%. Si tratterebbe di un’inversione di tendenza, considerando che, nonostante la crisi, il mercato immobiliare ha tenuto abbastanza bene, con una flessione dei prezzi intorno al 3%.

LEGGI ANCHE: Effetto Imu: immobili svalutati e minaccia di crollo finanziario

Su questo punto la pensa diversamente Mario Breglia, presidente di Scenari immobiliari, secondo cui “i prezzi delle case sono piuttosto stabili” e non si aspettano i “vistosi cali nelle quotazioni” paventati da Roma. Le variazioni più significative dovrebbero verificarsi piuttosto nei centri storici e nelle zone marginali (come periferie, piccoli centri urbani o zone turistiche poco frequentate): nel primo caso, come conferma anche la Borsa immobiliare, si prevedono mercati in ripresa, mentre, invece, nel secondo caso “i prezzi sono molto bassi, ma non c’è domanda”.

LEGGI ANCHE: Fimaa: l”effetto Imu” allarmismo ingiustificato

Breglia ha, inoltre, ribadito che l’Imu contribuirà a ridurre “la propensione all’investimento immobiliare, soprattutto dei ceti più deboli, già colpiti dalla pressione fiscale e dagli aumenti dei prezzi, a cominciare da quello dei carburanti”. Secondo l’analisi di Breglia, più che far aumentare la vendita di seconde case, l’Imu rappresenta “un freno all’acquisto da parte del mercato povero”: gli unici a comprare gli immobili saranno solamente quelli che hanno i soldi e non hanno bisogno di accendere un mutuo. Breglia ritiene infine che la tassa sugli immobili reintrodotta dal Governo Monti “ammazza la propensione a comprare per affittare, perché la legge non fa differenza tra zone turistiche e città”.

Francesco Tempesta
TUTTI GLI ARTICOLI SU: imposta municipale unica , mutuo casa

da

Soldi Online

Borse, pausa dopo il rally di venerdì?

Borse, pausa dopo il rally di venerdì?

Oggi alcune società italiane hanno staccato l'acconto sul dividendo relativo all'esercizio 2014. Focus sui bancari. Da monitorare anche Telecom Italia Continua »

da

Soldi e Lavoro

Cassa integrazione, a ottobre +19,3%

Cassa integrazione, a ottobre +19,3%

A ottobre le imprese hanno chiesto all'Inps 118 milioni di ore di cassa integrazione. Dati Inps sulla cassa integrazione a ottobre 2014 e confronto con ottobre 2013 e settembre 2014 Continua »