ABC Risparmio

Il Post

Per il biennio 2011-2012 serve “quota 96”

Buongiorno,

vorrei cortesemente avere delle informazioni sulla mia situazione riguardo il diritto alla pensione, visto che la riforma degli ultimi mesi ha cambiato parecchie cose: sono un lavoratrice dipendente nata nel 1952 (11 marzo) e ho iniziato a lavorare nel gennaio del 1976. Per andare in pensione devo necessariamente attendere il compimento dei 65 anni di età o esistono altre soluzioni?

Grazie, un saluto

 

 

Gentile signora,

le novità introdotte dalla riforma previdenziale hanno apportato molte novità nel settore in questione, intervenendo su parecchi punti. Le novità sostanziali di maggior rilevanza riguardano l’adozione delle finestre a scorrimento, per mezzo delle quali le 4 classiche finestre di uscita dal lavoro sono sostituite da un meccanismo valido per tutti, che consiste nel posticipare il momento dell’uscita dal lavoro, portandolo a 12 mesi (18 mesi per i lavoratori autonomi) rispetto al momento in cui vengono maturati i requisiti pensionistici. Un’altra novità importante riguarda le lavoratrici del pubblico impiego, la cui età per la pensione è stata innalzata a 65 anni a partire dal 2012, per assecondare l’obbligo di equipararla a quella in vigore per gli uomini. Relativamente al suo caso, lei non dovrà attendere il compimento dei 65 anni di età, sia perché non è una dipendente pubblica, sia perché può andare in pensione col sistema delle quote: tale meccanismo, infatti, prevede che per il biennio 2011-2012 il requisito pensionistico verrà maturato attraverso il raggiungimento di quota 96, a patto che vengano soddisfatti il requisito minimo anagrafico (60 anni) e quello contributivo (35 anni). Lei, compiendo 60 anni nel marzo del 2012, e avendo già raggiunto 36 anni di contributi a gennaio dello stesso anno, arriverà a quota 96 soddisfacendo tutti i requisiti richiesti: secondo quanto disposto dalle finestre a scorrimento introdotte dalla Legge 122/2010, potrà andare in pensione 12 mesi dopo il raggiungimento dei requisiti richiesti (cosa che avverrà appunto a marzo 2012), e dunque il 1° aprile 2013.

Il Patronato Epas la invita a contattarci su info@epas.it o al numero 06/4818918 informazione per indicarci la sua città di residenza: in tal modo potremo indirizzarla alla sede Epas a lei più vicina, presso la quale potrà recarsi per avere tutte le informazioni che le occorrono e per beneficiare dei servizi che il Patronato Epas mette a disposizione dei cittadini a titolo gratuito.

Posta le tue domande sul forum Consulenze gratuite
Ti è piaciuto questo articolo? Seguici su Facebook!
VN:F [1.9.8_1114]
Vota l'articolo
Gradimento: 0.0/10 (0 votes)

Articoli correlati

Non ci sono commenti

Lascia un commento