ABC Risparmio

Il Post

Ripartizione spese acqua potabile

Vorrei sapere  se la ripartizione del consumo acqua , (bolletta che paga l’amministratore ) acquisto sale (ugualmente paga l’amministratore )

Deve avvenire  per millesimali, o numero soggetti che abitano nel singolo appartamento, oppure  per unità abitative. Per quanto riguardo il costo dell’acquisto del depuratore  e’ stato giustamente  ripartito per millesimali.  Mentre non trovo giusto che il consumo sia ripartito in millesimi, poiché

in appartamenti più piccoli ci sono il doppio di soggetti  che ci abitano. Attendo la risposta con  gli articoli del codice. Grazie infinite

 

La risposta più significativa viene proprio da questo:

<<In tema di ripartizione di spese condominiali relative all’erogazione di acqua, l’amministratore che abbia stipulato con l’ente erogatore un contratto avente ad oggetto il consumo complessivo del fabbricato onde beneficiare dell’applicazione di una tariffa agevolata, può poi, del tutto legittimamente, calcolare la ripartizione interna delle spese pro quota in considerazione dei singoli ed effettivi consumi di ciascuno dei condomini, a prescindere dalla circostanza che questi, singolarmente considerati nel loro consumo, non avrebbero consentito l’applicazione della suddetta tariffa agevolata.
Cass. civ., Sez. II, 13/03/2003, n.3712>>

e…..da questo ancora:

 

Obbligo installazione contatori acqua di ripartizione in ogni appartamento

D.P.C.M. 4 marzo 1996 – Disposizioni in materia di risorse idriche (In GU 14 marzo 1996, n. 62, S.O.)

8.2.8. Misurazione

La misurazione dei volumi consegnati all’utente si effettua, di regola, al punto di consegna, mediante contatori, rispondenti ai requisiti fissati dal Decreto del Presidente della Repubblica 23 agosto 1982, n. 854, recepente la Direttiva Comunitaria n. 75/33. Là dove esistono consegne a bocca tarata o contatori non rispondenti, deve essere programmata l’installazione di contatori a norma.

In relazione a quanto disposto dall’articolo 5, comma 1, lettera c), della legge 5 gennaio 1994, n. 36, dove attualmente la consegna e la misurazione sono effettuate per utenze raggruppate, la ripartizione interna dei consumi deve essere organizzata, a cura e spese dell’utente, tramite l’installazione di singoli contatori per ciascuna unità abitativa.

È fatto obbligo al gestore di offrire agli utenti l’opportunità di fare eseguire a sua cura, dietro compenso e senza diritto di esclusività, le letture parziali e il riparto fra le sottoutenze e comunque proporre procedure standardizzate per il riparto stesso.

La disciplina degli eventi contenziosi deve essere prevista nel Regolamento di utenza.

 

Non altro se non comportarsi di conseguenza.

Cordialmente

Geom. Terracciano

Posta le tue domande sul forum Consulenze gratuite
Ti è piaciuto questo articolo? Seguici su Facebook!
VN:F [1.9.8_1114]
Gradimento: 10.0/10 (1 voto)
Ripartizione spese acqua potabile, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Articoli correlati

Non ci sono commenti

Lascia un commento