NAVIGA IL SITO
Home » guide » Pensioni e Tfr » Come si calcola la pensione: il sistema retributivo

Come si calcola la pensione: il sistema retributivo

di Jonathan Figoli 27 lug 2009 - ore 16:26
Articolo a cura di ProfessioneFinanza.com

Il sistema retributivo interessa coloro che al 31/12/1995 hanno maturato almeno 18 anni di contributi versati (ovviamente sommando eventuali contribuzioni proprie di varie attività lavorative svolte) e che, quindi, hanno cominciato a lavorare prima del 1978. Nel momento in cui queste persone matureranno i requisiti, anagrafici o contributivi, per l’ottenimento della prestazione pensionistica l’importo di questa sarà calcolato con la seguente formula: Base pensionabile X Numero di anni di contributi versati X Aliquota.

La base pensionabile è, in caso di lavoratore dipendente, la media delle ultime 10 retribuzioni lorde oppure, se lavoratore autonomo, la media degli ultimi 15 redditi percepiti al termine della vita lavorativa e quindi, salvo rare eccezioni, quelli di importo più favorevole al lavoratore stesso. La base pensionabile, così come precedentemente calcolata, va moltiplicata per il numero di anni di contributi effettivamente versati (viene considerato solamente il numero e non è di alcuna importanza l’ammontare dei vari versamenti effettuati) e quindi moltiplicato ancora per un’aliquota applicata secondo un concetto mutualistico (viene applicata marginalmente e diminuisce dal 2%, per basi imponibili inferiori a 39.297€, allo 0,9% per importi superiori a 74.664€).


Jonathan Figoli
Jonathan.Figoli@professionefinanza.com
http://www.professionefinanza.com/
TUTTI GLI ARTICOLI SU: pensioni , pensione pubblica , calcolare la pensione

da

Soldi Online

Piazza Affari, le semestrali della settimana

Piazza Affari, le semestrali della settimana

Alcune società quotate all’AIM Italia diffonderanno i numeri ottenuti nei primi sei mesi del 2014. Da segnalare anche i dati di bilancio della Juventus FC e di Danieli&C Continua »

da

Soldi e Lavoro

Come cambierebbe l'articolo 18

Come cambierebbe l'articolo 18

"Se uno modifica l'articolo 18 può chiamarsi come vuole: non è che mi arrabbio se lo fa Sacconi e sono contento se lo fa Renzi. Non ho mai vissuto un'emergenza così grave" Continua »