NAVIGA IL SITO
Home » guide » Pensioni e Tfr » Ape aziendale: come funziona il contributo aziendale all'Ape volontaria

Ape aziendale: come funziona il contributo aziendale all'Ape volontaria

Per facilitarne l'uscita dal lavoro, le imprese private possono accordarsi con i lavoratori per un contributo aggiuntivo, chiamato Ape aziendale.

di Marco Delugan 21 dic 2017 - ore 16:09

L'Ape aziendale è un contributo con cui i datori di lavoro possono alleggerire il costo dell'Ape volontaria dei propri dipendenti. Serve in primo luogo ad agevolare l'uscita dal lavoro dei lavoratori più anziani. Possono accedere all'Ape aziendale solo i lavoratori dipendenti del settore privato.

Oltre l'Ape aziendale e quello volontario esiste un terzo tipo di anticipo pensionistico. E' l'Ape sociale, anch'essa una forma di accompagnamento alla pensione, ma dedicata ad alcune categorie particolarmente disagiate. In questo caso non intervengono soggetti privati, e l'indennizzo viene eseguito dall'Inps ed è a carico dello Stato.

 

COS'E' APE VOLONTARIA

L'Ape volontaria la si può chiedere dopo aver compiuto i 63 anni di età. E' un prestito ponte che accompagna il lavoratore fino alla pensione di vecchiaia. Viene erogato da una banca, dopo che l'Inps ha accertato l'esistenza di tutti i requisiti richiesti. Il prestito verrà poi ripagato in vent'anni. La rata verrà sottratta automaticamente dall'assegno pensionistico mensile. Sul prestito viene anche stipulata un'assicurazione per il caso di premorienza del pensionato.

 

APE AZIENDALE: COME FUNZIONA

pensione_pianoIl contributo Ape aziendale va ad incrementare il montante contributivo, e quindi la pensione futura. In questo modo rende meno gravosa la rata mensile di rimborso del prestito dell'anticipo pensionistico volontario.

Deve essere versato in una unica soluzione. Può essere stabilito liberamente tra le parti, ma non deve essere inferiore all'equivalente della contribuzione volontaria per tutta la durata dell'anticipo.

Per avere una idea di massima, ad esempio, se un lavoratore ha uno stipendio lordo di 40mila euro l'anno, e vuole anticipare l'uscita dal lavoro di due anni, la cifa non dovrà essere inferiore a:

 

40mila X 2 X 0,33

 

Per definire l'importo minimo dell'Ape aziendale vengono considerate anche le porzioni di anno di anticipo.

L'accordo tra il lavoratore e l'azienda deve avvenire prima dell'invio della domanda dell'anticipo Ape volontaria, e dovrà essere segnalato nella domanda stessa.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldi Online

Le virtù del lavoro notturno

Le virtù del lavoro notturno

Negli ultimi giorni gli investitori hanno dibattuto di uno studio, che ha confermato il segreto peggio custodito a Wall Street: evitare l’overnight per ridurre il rischio Continua

da

Soldi e Lavoro

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Circa 10 euro come paga oraria minima per tutti i lavoratori dipendenti non coperti dai CCNL. Il salario minimo legale è uno dei punti più importanti del progremma del PD Continua »