NAVIGA IL SITO
Home » guide » Investimento sicuro » Il decalogo dell’investimento in azioni

Il decalogo dell’investimento in azioni

Investire in azioni vuol dire acquistare parte di un’azienda, e partecipare al suo destino. L’andamento della quotazione del titolo e i dividendi sono le due fonti di possibile guadagno

di Gabriele Roghi 24 lug 2013 - ore 09:44

In cosa consiste l’investimento in azioni
Significa investire una quota della propria ricchezza in un titolo che rappresenta una parte della proprietà di una società per azioni (S.p.a.), diventandone soci, seppure in forme diverse a seconda delle quantità detenute. In questo modo si partecipa ai risultati della società quotata e si può ottenere un rendimento positivo sia attraverso l’aumento della quotazione dell’azione (rispetto al prezzo di acquisto) sia mediante la distribuzione dei dividenti (se ciò è previsto).

Quanto conta il quadro macroeconomico nella selezione dei titoli? Si scelgono per Paese, per settore o si ricercano singole società, indipendentemente dal contesto in cui si trovano?
Come è facile immaginare, ogni settore produttivo è favorito in certe fasi del ciclo economico e sfavorito in altre.
Ciò dipende in massima misura dalle variabili macroeconomiche come ad esempio il tasso di inflazione, i tassi di interesse, il tasso di disoccupazione, il reddito disponibile ai consumatori, ecc.

In Invest Banca utilizziamo uno stile di gestione chiamato rotazione settoriale, cioè cerchiamo di avvantaggiarci in qualsiasi momento del mercato (favorevole o meno) aggiustando la nostra esposizione ai vari settori produttivi.
Per far questo più agevolmente raggruppiamo i settori produttivi in comparti che reagiscono in modo sufficientemente omogeneo al ciclo economico.

Come viene effettuata da Invest Banca la selezione dei titoli?
La selezione si basa su un connubio di analisi fondamentale, analisi quantitativa ed analisi del momentum.

Come si compone il prezzo delle azioni?
A definire il prezzo concorrono molti aspetti:

  • macro fattori (b=correlazione al mercato), cioè i cicli economici, la politica monetaria, eventi politici;
  • fattori micro, cioè quelli specifici del titolo, quali i valori di bilancio, la capacità del management e le strategie aziendali;
  • la situazione tecnica, ovvero la psicologia degli operatori e le previsioni degli analisti.


le-cause-del-prezzo-di-mercato-delle-azioni

Come si fa per investire in azioni?
Si possono usare diversi strumenti: il trading on-line su piattaforme che molte banche mettono a disposizione o gli intermediari abilitati per un investimento diretto in azioni, italiane o estere. Oppure si possono usare Etf, fondi comuni che replicano l’andamento di un indice di mercato, o comparti di OICR (fondi comuni e sicav).

Quali le cautele del caso?
Bisogna fare molta attenzione  al cosiddetto azzardo morale indotto dal QE (compro tanto la BCE non farà scendere i mercati) o da fasi di euforia, mode del momento o indicazioni molto utili sentire al bar o dal fruttivendolo.
Se qualcuno si pavoneggia per un trading molto profittevole riuscito in pochi giorni, ricordiamo che anche in Italia lo scoppio della bolla internet fu preceduto fino all’ultimo da gare al bancone del bar a chi aveva guadagnato di più con le azioni Tiscali o quelle di Seat Pagine Gialle.

Gabriele Roghi – Responsabile Consulenza Investimenti di Invest Banca



Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldi Online

Nei prossimi 5 anni? Una crescita globale stabile

Nei prossimi 5 anni? Una crescita globale stabile

Se si analizzano i trend che dovrebbero guidare l’economia globale nei prossimi anni lo scenario più probabile per il prossimo futuro è quello di una crescita globale stabile Continua

da

Soldi e Lavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »