NAVIGA IL SITO
Home » guide » Investimento sicuro » Imposta di bollo sulle attività finanziarie: riepilogo a fine 2012

Imposta di bollo sulle attività finanziarie: riepilogo a fine 2012

La questione dell'imposta di bollo sul conto titoli, poi diventata il bollo sulle attività finanziarie, sembra una storia senza fine. Lo schema che segue sintetizza lo “stato dell'arte” a fine 2012.

di Giacomo Saver 5 ott 2012 - ore 09:04
Da quando è partita, la nuova imposizione in forma di bollo sulle attività finanziarie ha subito diverse modifiche. La prima stesura del decreto prevedeva un ampliamento dell'imposta sul doeposito titoli che da fissa diventava proporzionale. Era l'agosto del 2011 e la tassazione era "per scaglioni" di consistenza. Questo sistema, che prevedeva un'incidenza decrescente dell'imposta all'aumentare della consistenza del deposito, veniva applicato solo agli strumenti finanziari presenti su un dossier amministrato come, ad esempio, le azioni, le obbligazioni e gli ETF. Il risparmio gestito ed i conti deposito erano invece esclusi. Il decreto Salva Italia approvato a fine 2011, invece, ha modificato tutto. Ora l'imposta è proporzionale con un minimo fisso, si applica a tutti gli strumenti finanziari (anche fondi, polizze e conti deposito che prima erano esenti) con esclusione di alcune tipologie di prodotti (i conti correnti ed il risparmio postale a certe condizioni).

Conti correnti bancari, postali e libretti postali
- L'imposta è fissa e pari a 34,20 euro all'anno se il saldo medio è superiore a 5.000 euro. Al di sotto di questa cifra non è dovuta nessuna imposta.

Conti deposito, polizze, conto titoli, ecc - L'imposta è proporzionale con aliquota 0,10% per il 2012 e 0,15% a partire dal 2013 con minimo di 34,20 euro.

Buoni postali cartacei - Imposta pari allo 0,10% (poi 0,15%) con minimo 1,81 euro annui per buono senza esenzione. Anche i di importo inferiore a 5.000 euro pagano il tributo.

Buoni postali dematerializzati - Imposta pari allo 0,10% (poi 0,15%) calcolata sul totale dei buoni aventi la stessa intestazione con minimo di 34,20 euro ed esenzione per buoni di importo inferiore a 5.000 euro.



Giacomo Saver
http://www.segretibancari.com Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: bollo deposito titoli
da

Soldi Online

Il FTSEMib chiude in rosso la seduta (e anche la settimana)

Il FTSEMib chiude in rosso la seduta (e anche la settimana)

Spicca il forte ribasso subito da Salvatore Ferragamo. In altalena i bancari, dopo i ribassi subiti nelle ultime tre giornate. Ottima seduta per Poste Italiane Continua

da

Soldi e Lavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »