NAVIGA IL SITO
Home » guide » Investimento sicuro » Come investire in conti deposito

Come investire in conti deposito

La concorrenza tra banche è molto agguerrita. Per questo bisogna scandagliare il mercato periodicamente. Alla ricerca del rendimento migliore, ma non solo.

di Giacomo Saver 6 set 2016 - ore 15:18

Il conto deposito è il miglior investimento per chi non vuole correre rischi, ma vuole comunque ottenere un rendimento dai propri soldi. E' lo strumento ideale sia per chi vuole investire piccole somme, sia per chi non ha le idee chiare in merito a come impiegare i propri risparmi.

Il conto deposito è un prodotto finanziario semplice, sicuro e redditizio grazie alla protezione offerta dal Fondo Interbancario di tutela dei Depositi, alla flessibilità di utilizzo e all'assenza di costi. Per darti un'idea precisa su come investire in conti deposito abbiamo preparato questa guida.

Per chi vuole ottenere ancora qualche cosa in più dai propri risparmi senza correre i rischi del mercato azionario, il passo successivo all'investimento in conti deposito è l'investimento in obbligazioni.

LEGGI ANCHE: Come investire i risparmi

PERCHE' I CONTI DEPOSITO SONO UN INVESTIMENTO SICURO
fondi-comuni-investimentoIl conto deposito è offerto da tutti i principali istituti di credito italiani attraverso banche on line appartenenti al gruppo e appositamente costituite per risparmiare costi e offrire interessi elevati. In quanto soggette al controllo della Banca d'Italia le banche che offrono i conti deposito danno al risparmiatore le stesse garanzie degli istituti tradizionali. Il fatto poi che le somme depositate siano coperte, in caso di insolvenza, dal Fondo Interbancario fa sì che questo prodotto finanziario sia assolutamente un deposito sicuro. Almeno fino alla soglia di protezione di 100.000 euro per depositante e per banca.

I COSTI DEI CONTI DEPOSITO
La tenuta del conto, l'apertura e la sua estinzione sono sempre gratuite. L'unico costo cui si va incontro è l'imposta di bollo, pari allo 0,20% del saldo del conto su base annua. Alcune banche on line non addebitano quest'onere, pagandolo di tasca propria e questo è un ulteriore criterio da tenere presente al momento della scelta del prodotto più adatto alle proprie esigenze.

COME SCEGLIERE IL MIGLIOR CONTO DEPOSITO
Posto che chi sceglie questa forma di investimento sa di aver fatto un deposito sicuro, come è possibile scegliere il miglior prodotto all'interno dell'ampia offerta disponibile? Anzitutto diciamo subito che non esiste il miglior conto deposito in assoluto, ma che è necessario scandagliare periodicamente le offerte presenti sul mercato.

E' opportuno tenere a mente, infatti, che:

1) la concorrenza tra le banche on line è molto agguerrita e l'unico fattore differenziante molto spesso è proprio il tasso di interesse riconosciuto. Il miglior conto deposito in un determinato momento potrebbe non esserlo più dopo qualche mese

2) alcune banche offrono tassi di interesse più vantaggiosi a patto di vincolare per un certo periodo le somme versate. Non tutti gli istituti, tuttavia, e non tutti i conti deposito consentono lo smobilizzo anticipato dei propri soldi, con il risultato che a fronte di un tasso di rendimento maggiore corrisponde l'impossibilità di rientrare in possesso delle somme investite prima della scadenza. E questo è un aspetto da considerare con attenzione prima di scegliere.

Il principale vantaggio dei conti deposito sta nel fatto che il controvalore dello stesso, a differenza di altri prodotti finanziari, non può mai scendere, ma sale giorno per giorno per effetto degli interessi maturati.

Chi sceglie il proprio conto solo sulla base del rendimento, tuttavia, rischia di compiere scelte errate
. Anzitutto perché, come abbiamo visto, l'alto tasso di interesse spesso è applicato solo in caso di vincolo delle somme depositate per un periodo lungo con impossibilità di smobilizzo anticipato. Inoltre le banche che offrono interessi 'anomali' rispetto alla media di mercato, sovente hanno un impellente bisogno di liquidità poiché si trovano in condizioni economiche poco favorevoli.

E se il conto è un deposito sicuro grazie alla presenza della garanzia offerta dal Fondo Interbancario, è bene ricordare che in caso di default della banca le somme sarebbero comunque congelate per periodi di tempo anche lunghi in attesa che il Fondo Interbancario stesso intervenga. Purtroppo l'Italia non è un esempio di efficienza quando si tratta di procedure burocratico amministrative. Ecco perché è saggio rinunciare a qualche centesimo di punto percentuale di rendimento evitando i conti deposito più redditizi in assoluto, per scegliere quelli che offrono interessi “in linea” con la media o poco distanti.

Come abbiamo scritto sopra, bisogna anche fare attenzione ai costi e, in particolare, alla possibilità che la banca che offre il conto deposito si accolli l’onere dell’imposta di bollo.

LEGGI ANCHE: Conti deposito: come scegliere il migliore

CONCLUSIONI
Deposito sicuro per antonomasia e investimento “garantito”, il conto deposito affascina i risparmiatori che vogliono mettere i loro soldi al riparo dalle tempeste dei mercati finanziari. Scegliere il miglior conto non è scontato ma occorre prendere in considerazione alcuni aspetti, quali il rendimento offerto, i tassi di interesse mediamente pagati e la possibilità di svincolare anticipatamente le somme vincolate. Senza dimenticare l'aspetto fiscale.

Giacomo Saver, Coach Finanziario e Consulente

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: conto deposito
da

Soldi Online

Il FTSEMib chiude in rosso (e sui minimi di giornata)

Il FTSEMib chiude in rosso (e sui minimi di giornata)

Attesa per le indicazioni della FED in materia di politica monetaria. Anche oggi in flessione i bancari: spicca il calo subito da Unicredit. Rialzo a due cifre per MolMed Continua

da

Soldi e Lavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »