NAVIGA IL SITO
Home » guide » Fisco & Tasse » IRPEF: gli scaglioni 2014

IRPEF: gli scaglioni 2014

Ogni anno gli Italiani pagano le imposte in funzione dei redditi percepiti. L'equità fiscale viene garantita attraverso una aliquota progressiva e un sistema di detrazioni e deduzioni.

di Antonello Scrimieri 10 lug 2014 - ore 17:16
La nostra Costituzione riassume nel concetto di capacità contributiva la corretta divisione delle imposte sui cittadini Italiani, divisione che viene realizzata, ad esempio, dagli scaglioni Irpef e dal sistema di deduzioni e detrazioni fiscali. L’articolo 53 della Carta Costituzionale dice che “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.” Questa breve frase stabilisce che gli italiani paghino le tasse solo nel momento in cui abbiano un reddito reale, esistente e nel momento in cui esso si materializza. La progressività assicura il principio di equità aiutando i contribuenti con un reddito estremamente basso. Quanto detto viene agevolato e assicurato attraverso le detrazioni e le deduzioni. Queste agevolazioni variano con il variare delle situazioni oggettive del contribuente, del suo nucleo familiare, della situazione patrimoniale e in funzione delle spese che si devono sostenere per garantire la salute e l’istruzione a se e i propri familiari.

LEGGI ANCHE - Il Modello 730 2014 per la dichiarazione dei redditi

dichiarazione-redditi_3SU COSA SI PAGA L'IRPEF
L’Imposizione progressiva italiana è basata su fasce di reddito chiamate scaglioni. Si parte da una tassazione minima del 23% del reddito imponibile per arrivare ad una tassazione massima del 43% di quanto percepito. Va considerato che le agevolazioni sopra citate si assottigliano con l’aumentare del reddito e aumentano con il diminuire del reddito fino ad azzerare la tassazione.

L'IRPEF è disciplinata dal Testo Unico delle Imposte dirette, meglio noto come T.U.I.R., ovvero il D.P.R. 917/1986. I redditi che sono soggetti ad imposizione IRPEF sono le entrate che ogni contribuente trae da:

1) attività di lavoro dipendente;
2) attività di lavoro autonomo e/o di impresa;
3) pensioni, assegni di mantenimento e altri assegni assimilabili;
4) immobili, quali terreni, edifici, appartamenti, ecc..;
5) redditi di capitale e redditi diversi di natura finanziaria come le plusvalenze.

GLI SCAGLIONI IRPEF

Reddito compreso tra 0 € e 15.000 €. La prima fascia reddituale dell’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche interessa i contribuenti che generano un reddito compreso tra 0 € e 15.000 €. In questo caso l’aliquota da applicare al cosiddetto I Scaglione è pari al 23%. Ipotizzando il reddito massimo per questa fascia la tassazione non potrà superare i 3.450 € senza considerare detrazioni e deduzioni.

Reddito compreso tra 15.001 € e 28.000 €. La seconda fascia reddituale interessa i contribuenti che generano un reddito compreso tra 15.001 € e 28.000 €. In questo caso l’aliquota da applicare al cosiddetto II Scaglione è pari al 27%. Ipotizzando il reddito massimo per questa fascia la tassazione non potrà superare i 6.960 €. L’aliquota del II scaglione va applicata alla parte eccedente i 15.000 € e sommata alla tassazione dei primi 15.000 con una aliquota del 23%.

Reddito compreso tra 28.001 € e 55.000 €. La terza fascia reddituale interessa i contribuenti che generano un reddito compreso tra 28.001 € e 55.000 €. In questo caso l’aliquota da applicare al cosiddetto III Scaglione è pari al 38%. Nel caso di reddito massimo la tassazione non potrà superare i 17.220 €. L’aliquota del III scaglione va applicata alla parte eccedente i 28.000 € e sommata alla tassazione dei primi 15.000 con una aliquota del 23% e dei secondi 13.000 con l’aliquota del 27%.

Reddito compreso tra 55.001 € e 75.000 €. La quarta fascia reddituale interessa i contribuenti che generano un reddito compreso tra 55.001 € e 75.000 €. In questo caso l’aliquota da applicare al IV Scaglione è pari al 41%. Nel caso di reddito massimo la tassazione non potrà superare i 25.420 €. Anche in questo caso l’aliquota del IV scaglione va applicata alla parte eccedente i 55.000 € e sommata alla tassazione dei primi 15.000 con una aliquota del 23%, dei secondi 13.000 con l’aliquota del 27% e dei terzi 27.000 € con l’aliquota del 38%.

Reddito superiore a 75.000 €. L’ultima fascia reddituale interessa i contribuenti che generano un reddito superiore a 75.000 €. In questo caso l’aliquota da applicare al V Scaglione è pari al 43%. In questo caso le imposte minime da versare saranno pari a 25.420 € e ogni euro percepito che eccede i 75.000 € sarà tassato al 43%.
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: dichiaraione redditi , irpef
da

Soldi Online

Il FTSEMib ha chiuso in rosso un seduta nervosa

Il FTSEMib ha chiuso in rosso un seduta nervosa

Come nelle attese la Banca Centrale Europea non ha modificato la propria politica monetaria. L’euro è balzato a 1,165 dollari, dopo la conferenza stampa di Mario Draghi Continua

da

Soldi e Lavoro

Libretto famiglia: cos'è e come funziona

Libretto famiglia: cos'è e come funziona

Per i lavori occasionali di cui una famiglia può avere bisogno. Come acquistarli e come pagare con i nuovi voucher del Libretto famiglia Continua »