NAVIGA IL SITO
Home » guide » Fisco & Tasse » Imu: quanto si paga in Europa e Usa

Imu: quanto si paga in Europa e Usa

La tassa sulla casa non esiste solo in Italia. Ma con l'arrivo dell'imposta municipale unica al posto dell'Ici, dal 2008 abolita sulle prime case, gli italiani pagheranno più degli altri.

di Carlo Sala 26 apr 2012 - ore 09:59
In Italia, fino all'anno scorso il gettito legato alla casa era l'1,47% dell'ammontare totale della riscossione fiscale, tanto che la Banca d'Italia lo scorso agosto segnalò al Parlamento che in tema di tasse immobiliari l'Italia era fanalino di coda in Europa;. Con ben poca soddisfazione dei cittadini, l'Imu consentirà ora di rimontare posizioni rispetto agli altri Paesi, europei e non.



Paese Base di calcolo
Chi paga
Aliquota minima
Aliquota massima
Addizionali
ITALIA* rendita catastale
propietario 0,2% 0,6% no
Belgio rendita catastale propietario 10% 12% no
Francia rendita catastale propietario secondo il comune
secondo il comune
sì, nazionale
Germania rendita catastale propietario secondo il Land
secondo il Land sì, cittadine
Grecia metri quadri
residente 0,5 euro per mq
16 euro per mq
sì, nazionale
Irlanda rendita catastale proprietario 100 euro
1000 euro
no
Regno Unito
rendita catastale residente 0,5% 1,3% no
Spagna rendita catastale proprietario 0,4% 1,1% sì, nazionale
Usa rendita catastale proprietario 0,2% 0,4% no

*A oggi I'aliquota sulla prima casa è dello 0,406; i Comuni potranno modificarla entro il 2012

LEGGI ANCHE
: Come calcolare l’Imu


GERMANIA

I tedeschi non hanno una tassa patrimoniale sulla casa. Pagano invece una tassa fondiaria decisa dal governo centrale e variabile da Regione (Land) a Regione e anche da città a città. La tassa fondiaria fissata da Berlino tiene conto del valore catastale dell'immobile (all'incirca pari al 60% del valore di mercato), Regioni e Comuni sono poi liberi di applicare aliquote su tale tassa.
 
REGNO UNITO E IRLANDA
L'Imu inglese si chiama Council Tax e oscilla tra lo 0,5% e l'1,3% del valore catastale della casa.  I valori delle proprietà sono stati definiti nel 1991 e rivalutati nel 2003-2006. L'imposta si paga per il solo fatto di abitare in una casa, a prescindere dal fatto che se ne sia proprietari o meno, ed è motivata con l'esigenza di coprire i costi dei servizi municipali come rifiuti e manutenzione strade e del welfare.

L'Irlanda indipendente sta approntando in questi mesi la propria tassa sulla casa: per ora Dublino ha chiesto a tutti un anticipo del valore di 100 euro quale che siano dimensioni e ubicazioni della casa - e in tutto il Paese si sono avute ampie manifestazioni di protesta -; una volta che il regime fiscale sarà messo dettagliatamente a punto il prelievo non supererà comunque i 1000 euro.
 
FRANCIA E BELGIO
La Tàxe foncière in vigore Oltralpe è basata sul valore catastale della casa, ma l'importo dovuto viene calcolato anche tenendo conto di ulteriori criteri: che si tratti di prima o seconda casa e che si trovi in campagna o in città (tàxe d'habitation, interamente incassata dai Comuni). Nel caso di abitazioni cittadine, si tiene conto anche del quartiere in cui l'appartamento è situato. Per possessi superiori ai 790mila euro scatta poi anche l’impot sur la fortune, abbreviata in Isf: una tassa sulla con un’aliquota tra lo 0,55 e l’1,8%.

In Belgio si applica la “precompt immobilier”, calcolata sul valore catastale dell'immobile e variabile su base regionale (si va dal 10% delle Fiandre al 12% di Bruxelles).
 
SPAGNA
In Spagna esiste un'imposta sui beni immobili, Impuesto sobre bienes inmuebles, con aliquote che variano tra lo 0,4% e l'1,1% a seconda del Comune dove si abita. In aggiunta, a questo, per abitazioni di valore superiore ai 700mila euro, è stata si recente reintrodotta di recente una tassa patrimoniale.
 
GRECIA
Dallo scorso novembre la Grecia ha introdotto una tassa straordinaria sulla casa, per un valore che va da 0,50 a 16 euro per metro quadro dell'abitazione. La riscossione della nuova imposta avviene in simultanea con quella della bolletta della luce, chi non la paga si vede così tagliata la corrente elettrica a casa
 
USA
Ciascuno dei 50 States riscuote una property tax compresa tra lo 0,2% e lo 0,4% del valore catastale dell'immobile.

Sul confronto tra Italia e altri paesi in tema tasse
: Iva in Italia e all’estero


Carlo Sala
TUTTI GLI ARTICOLI SU: imposta municipale unica

Commenti dal 1 al 1
(1)

Aldo giovedì, 26 aprile 2012

tassa sulla casa in USA!!

Salve, la tassa sulla casa che si paga negli States sono pagate per avere i servizi, come la scuola della città dove si risiede, il servizio del ritiro dei rifiuti solidi urbani, e la polizia cittadina e giustizia della città e altre ancora , qui invece non danno nulla di questi servizi, allora ditemi voi dove vanno questi soldi se paghiamo gia tutti questi servizi con altre tasse che ho elencati? Saluti.

n° 1
albert venerdì, 11 maggio 2012

R: tassa sulla casa in USA!!

vanno ad ingrassare le tasche dei nostri politicanti ladri e puttanieri,che si fanno fuori i soldi pubblici in droghe,puttane,vacanze da sogno,case da sogno ,stipendi da sogno.
quando poi qualcuno(dall'estero) si accorge che questi @#?*%$ si sono magnati l'impossibile,allora chiamano un @#?*%$ne mezzo prete come lo era prodi ai tempi e come lo e'monti oggi per risistemare le cose o almeno dare una parvenza di farlo,facendo purgare anche l'anima a noi poveracci,finche tutto non rientra piu' o meno nella normalita, ma nel frattempo la purga e' solo per noi,in quanto questi bastardi,che con i loro stipendi ed i loro benefit potrebbero gia di per se sanare il debito pubblico dell'albania,non si sono minimamente ridotti.
cosi e' e cosi sara finche apparterremo all'italia

antonio mercoledì, 23 maggio 2012

R: R: tassa sulla casa in USA!!

Una vergogna!far pagare l'imposta sulla prima casa la quale rappresenta il luogo dove far crescere, educare i propri figli

da

Soldi Online

Le banche hanno mandato in rosso Piazza Affari

Le banche hanno mandato in rosso Piazza Affari

Sui titoli finanziari ha pesato il tonfo del gruppo portoghese Banco Espirito Santo. Chiusura positiva, invece, per Enel e Generali, dopo la diffusione dei risultati semestrali Continua »

da

Soldi e Lavoro

Cgil: lavora solo un italiano su due

Cgil: lavora solo un italiano su due

Meno di un italiano su 2 ha un impiego. L'italia ha un tasso di occupazione del 48,7%, superiore solo a quello della Grecia. In un'infografica il tasso di occupazione in Italia Continua »