NAVIGA IL SITO
Home » guide » Fisco & Tasse » Detrazioni fiscali prorogate per il 2014

Detrazioni fiscali prorogate per il 2014

La Legge di stabilità approvata dal Senato della Repubblica ad ottobre ha prorogato le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie e il risparmio energetico

di Antonello Scrimieri 5 dic 2013 - ore 09:58
Il Governo ha dichiarato che la legge di Stabilità per il 2014 punta a favorire la crescita e che, con le misure disposte nel provvedimento, si avvia un percorso di riduzione del carico fiscale sulle famiglie e sulle imprese, promuovendo l’occupazione nazionale.

La proroga. Il comma 87 dell’articolo 1 della Legge di Stabilità 2014 proroga, in misura potenziata, per tutto il biennio 2014 e 2015 gli sconti per le ristrutturazioni edilizie e il risparmio energetico. Le detrazioni saranno rispettivamente pari al 50% e al 65% per il 2014, confermando quanto già previsto per il 2013, e scenderanno al 40% e al 50% per il successivo anno, il 2015.

Viene anche prorogata al 31 dicembre 2014 la detrazione IRPEF per le spese sostenute per l'acquisto di mobili finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione nonché di grandi elettrodomestici rientranti nella categoria A+, di categoria A per i forni e, di apparecchiature per le quali sia prevista l'etichetta energetica. Questa agevolazione spetta dunque per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014 ed è calcolata su un ammontare non superiore a 10.000 euro.

I Condomini. Le detrazioni, previste per le spese per il risparmio energetico e per le ristrutturazioni edilizie sostenute per interventi relativi a parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio, hanno avuto una proroga di maggior durata. Per queste categorie le detrazioni saranno rispettivamente pari al 65%, per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 30 giugno 2015; e pari al 50%, per le spese sostenute dal primo luglio 2015 al 30 giugno 2016.

L’IVA. Infine si ricorda che per entrambe le categorie di detrazioni resta valida la riduzione dell’aliquota IVA. L’aliquota al 10% è applicabile soltanto per le prestazioni di servizi mentre per le cessioni di beni l’aliquota ridotta si applica solo quando la relativa fornitura è posta in essere nell’ambito del contratto di appalto.

Antonello Scrimieri
TUTTI GLI ARTICOLI SU: detrazioni fiscali

Commenti dal 1 al 1
(1)

Camillo venerdì, 6 dicembre 2013

proroga detrazioni per ristrutturazioni

Salve, vorrei sapere per chi ha iniziato a ristrutturare, ma con molta probabilità non riuscirà a completare tutti i lavori entro la fine del c. a. se potrà detrarre le spese effettuate nel 2014 per il completamento dei lavori. In caso affermativo le spese del 2014 andrebbero inserite nella dichiarazione dei redditti successiva che si presenterà nel 2015 e il limite di spesa detraibile dovrebbe risultare dalla somma delle spese sostenute nel 2013 e nel 2014. In caso contrario gradirei che mi forniste cortesemente i vs chiarimenti. Saluti Camillo

n° 1
Scrimieri Antonello sabato, 7 dicembre 2013

R: proroga detrazioni per ristrutturazioni

Cerco di essere chiaro ma conciso:
Le detrazioni per le spese di ristrutturazioni seguono il principio di cassa, ovvero le agevolazioni sono valide nell’anno in cui si sostiene realmente la spesa.
Per questo motivo le spese sostenute e certificate nel 2013 andranno inserite nella dichiarazione dei redditi 2014 e le spese del 2014 andranno inserite nella dichiarazione dell’anno successivo.
Per quanto riguarda il tetto di spesa, la norma fa riferimento ad ogni singola unità immobiliare; per questo motivo se l’immobile è uno solo anche se le spese vengono sostenute in due anni bisognerà non superare il limite previsto, o meglio non sarà detraibile una somma superiore.

da

Soldi Online

Vendite sui bancari e Piazza Affari mette la retromarcia

Vendite sui bancari e Piazza Affari mette la retromarcia

Borsa Italiana ha registrato la peggiore performance della giornata. Spicca il ribasso subito dal Monte dei Paschi di Siena. Ancora in difficoltà le società del lusso Continua »

da

Soldi e Lavoro

Come cambierebbe l'articolo 18

Come cambierebbe l'articolo 18

"Se uno modifica l'articolo 18 può chiamarsi come vuole: non è che mi arrabbio se lo fa Sacconi e sono contento se lo fa Renzi. Non ho mai vissuto un'emergenza così grave" Continua »