NAVIGA IL SITO
Home » guide » Fisco & Tasse » Detrazioni fiscali 2014 per lavoro dipendente, coniuge e figli a carico

Detrazioni fiscali 2014 per lavoro dipendente, coniuge e figli a carico

Un sistema fiscale basato su tassazione crescente e detrazioni fiscali per renderlo più equo. Vediamo in questa guida come calcolare quelle per lavoro dipendente, coniuge e figli a carico.

di Antonello Scrimieri 20 mag 2014 - ore 12:46
Sono molte le proposte dei cittadini e dei professionisti in questi giorni per riformare il sistema fiscale italiano e per alleggerire gli oneri degli Italiani, ma il Governo in carica deve fare i conti con la fattibilità di queste proposte. Il Premier senza stravolgere l’attuale macchina fiscale nazionale ha incrementato le detrazioni fiscali per le fasce di reddito medio-basse.

IL SISTEMA IMPOSITIVO ITALIANO
Si tenta di imitare i Paesi Europei, si cerca un creare un nuovo sistema impositivo ma l’attuale sistema si basa su una tassazione maggiore con il crescere del reddito basato su un sistema di detrazioni e deduzioni.

Questa premessa si rende necessaria per far comprendere perché un lavoratore dipendente con due figli a carico pagherà meno imposte dello stesso lavoratore senza figli e un lavoratore dipendente che non raggiunge gli 8.000 euro di reddito non pagherà imposte.

Il sistema fiscale italiano attraverso le detrazioni d’imposta per carichi di famiglia, per spese sanitarie e altri oneri; e attraverso le deduzioni garantisce equità. Lo sconto decresce all'aumentare del reddito, con un meccanismo alquanto complicato da calcolare, fino ad annullarsi del tutto, se il reddito complessivo supera euro 55.000.

Per determinare la detrazione spettante si tiene conto delle diverse tipologie di reddito, dell'ammontare del reddito complessivo diminuito della deduzione per abitazione principale e relative pertinenze e, per alcuni redditi, dei giorni di lavoro.

LEGGI ANCHE: Il Modello 730 2014 per la dichiarazione dei redditi

dichiarazione-redditi_3DETRAZIONI PER LAVORATORI DIPENDENTI
Se il reddito complessivo non supera gli ottomila euro, la detrazione spetta nella misura di 1.840 euro da rapportare al numero di giorni di lavoro svolti da dipendente. L'ammontare della detrazione effettivamente spettante non può comunque essere inferiore a 690 euro per i redditi di lavoro dipendente derivanti da contratti a tempo indeterminato, ovvero a 1.380 euro per i redditi di lavoro dipendente derivanti da contratti a tempo determinato.

Per determinare la detrazione effettiva qualora il reddito lordo superi i 15.000 euro è necessario effettuare il seguente calcolo, il risultato lo chiameremo Quoziente: (15.000 - Reddito complessivo lordo) / 7.000. Se il Quoziente così determinato è superiore a zero e minore di uno devono essere utilizzate le prime 4 cifre decimali arrotondate ed effettuare il seguente calcolo per determinare la detrazione spettante: [1.338 + (502 x Quoziente)] x (num. di Giorni Lav. Dip./365).

Questo sistema di detrazioni, attualmente in vigore, per i redditi che non superano i 24.000 euro è stato migliorato dal governo Renzi proprio in questi giorni. La nuova normativa ha aumentato le detrazioni portando nelle tasche dei lavoratori dipendenti fino ad 80 euro in più ogni mese.

DETRAZIONI PER CONIUGE E FIGLI A CARICO
La normativa italiana prevede degli sgravi, attraverso ulteriori detrazioni, per i contribuenti che sostengono spese per il proprio coniuge ed i propri figli.

Per calcolare la detrazione effettiva per il coniuge a carico è necessario effettuare il seguente calcolo: 800 – [110 x (Reddito complessivo / 15.000)]. Questo calcolo va è effettuato se il reddito non supera i 15.000 euro per il coniuge non legalmente ed effettivamente separato; qualora il reddito superi i 15.000 euro ma non vada oltre i 40.000 euro alla formula indicata è necessario sostituire la cifra di 800 euro con 690 euro.

Il Legislatore ha previsto 950 euro per ciascun figlio, compresi i nati fuori dal matrimonio riconosciuti, i figli adottivi o affidati. La detrazione è aumentata a 1.220 euro per ciascun figlio di età inferiore a tre anni.  Le predette detrazioni sono aumentate di un importo pari a 400 euro per ogni figlio portatore di handicap. Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: detrazioni fiscali
da

Soldi Online

Nei prossimi 5 anni? Una crescita globale stabile

Nei prossimi 5 anni? Una crescita globale stabile

Se si analizzano i trend che dovrebbero guidare l’economia globale nei prossimi anni lo scenario più probabile per il prossimo futuro è quello di una crescita globale stabile Continua

da

Soldi e Lavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »