NAVIGA IL SITO
Home » guide » Fisco & Tasse » Come calcolare la mini-Imu

Come calcolare la mini-Imu

di Redazione ABCRisparmio
Mini-Imu in dirittura d’arrivo. La scadenza è prevista per il 24 gennaio, e dovrà essere pagata sulla prima casa nei comuni che nel 2013 avevano stabilito un’aliquota Imu superiore allo 0,4%. F24 o bollettino postale gli strumenti per pagarla.

LEGGI ANCHE: Le tasse sulla prima casa nel 2014

Quando pagare – La scadenza per il pagamento della mini-Imu è il 24 gennaio.

Chi deve pagare – La mini-Imu dovrà essere pagata dai proprietari di immobili quando questi vengono considerati abitazioni principali, e qualora nel 2013 non sia stata versata la rata Imu; ma solo nei comuni in cui l’aliquota per l’abitazione principale era nel 2013 superiore allo 0,4% (Roma, Napoli, Milano, Torino, e per gli altri comuni è necessario risalire alla delibera comunale del 2013).

Quanto si dovrà pagare – Il 40% della differenza tra la rata 2013 e quella che si sarebbe dovuta pagare se l’aliquota fosse stata dello 0,4%.

Come si paga la mini-Imu – Con F24 e bollettino postale. Attenzione però: mentre il modello F24 lo si può utilizzare in tutti i comuni, il bollettino postale è utilizzabile solo in alcuni; l'F24 non costa nulla, mentre il bollettino postale costa 1,3 euro, e 0,70 euro per chi ha più di 70 anni. Chi vuole utilizzare il modello F24 – che si può utilizzare in banca, in posta e sul sito dell’Agenzia delle Entrate – deve ricordarsi di indicare come codice tributo il 3912 e aggiungere che il versamento si configura come saldo 2013.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: mini imu

da

Soldi Online

Piazza Affari, il FTSEMib chiude sui massimi di giornata

Piazza Affari, il FTSEMib chiude sui massimi di giornata

Il mercato ha beneficiato del calo dello spread tra Btp e Bund tedeschi con scadenza decennale che è sceso sotto i 100 punti per la prima volta da maggio del 2010. Segno più i bancari Continua »

da

Soldi e Lavoro

La ripresa economica inizia nei distretti industriali

La ripresa economica inizia nei distretti industriali

Già in territorio positivo negli ultimi due anni, il fatturato dovrebbe crescere del 3,2% l’anno nel 2015 e nel 2016. In crescita anche la redditività. Più moderata invece la ripresa per le imprese Continua »