NAVIGA IL SITO
Home » guide » Come risparmiare » I soldi non dormono mai

I soldi non dormono mai

Un movimento da dirigere per non trovarsi nei guai. Prime definizioni per orientarsi

di Marco Delugan 13 nov 2009 - ore 10:06
Prima di passare ai conti veri e propri, un piccolo ripasso, un po’ di ordine su come i nostri soldi si muovono. Chi è già esperto, abbia pazienza: stiamo rifacendo la strada dall’inizio.

Le entrate sono costituite dai redditi da lavoro, da impresa, da pensione; poi ci sono le rendite finanziarie e immobiliari.

Parte del reddito viene speso per i consumi, e parte per pagare le tasse.

Quello che resta, dopo aver sottratto tasse e consumi ai redditi, è il risparmio.

A sua volta il risparmio si divide in risparmio previdenziale, risparmio assicurativo e risparmio investito. 

Parte del risparmio previdenziale è obbligatorio: i contributi per pensione pubblica; e parte è volontario: i contributi per le diverse forme di previdenza integrativa. 

Anche il risparmio assicurativo si divide in una componente obbligatoria e in una volontaria. Nella prima categoria ci sono i contributi al Servizio Sanitario Nazionale; nella seconda, le diverse polizze che si possono sottoscrivere privatamente.

Il risparmio che rimane costituisce il patrimonio: liquidità (anche i soldi che tenete in portafoglio fanno parte di questa categoria) azioni, obbligazioni, titoli di Stato, case, quadri, e altri beni rifugio.

Il patrimonio lo considereremo sempre investito, nell’accezione di potere d’acquisto differito nel tempo. Accezione un po’ astratta, forse, ma ci permette di considerare investimento anche le banconote e le monete che avete nel vostro portafoglio. E di giustificare l’equivalenza tra risparmio e investimento. L’importante è intendersi. 

Per chi può lavorare, e risparmiare almeno un po’, nulla di tutto questo sta mai fermo. Entrate e uscite, per la loro natura di grandezze di flusso, ma anche i diritti previdenziali maturati, il valore degli investimenti finanziari e di quelli immobiliari, dei beni rifugio…

I soldi non dormono mai, quindi. E questo movimento, questo traffico, va diretto, gestito, perché una buona amministrazione dei conti di casa – fatta da soli o con l’aiuto di altri – può evitarci di andare in rosso.

diagrammacome-si-muovono-i-soldi_1


Marco Delugan

marcodelugan@soldionline.it
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
TUTTI GLI ARTICOLI SU: pianificazione finanziaria
da

Soldi Online

Le virtù del lavoro notturno

Le virtù del lavoro notturno

Negli ultimi giorni gli investitori hanno dibattuto di uno studio, che ha confermato il segreto peggio custodito a Wall Street: evitare l’overnight per ridurre il rischio Continua

da

Soldi e Lavoro

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Circa 10 euro come paga oraria minima per tutti i lavoratori dipendenti non coperti dai CCNL. Il salario minimo legale è uno dei punti più importanti del progremma del PD Continua »