NAVIGA IL SITO
Home » guide » Come fare » Come cambiare residenza
Guide simili Non ci sono articoli correlati per questo articolo
Speciale Non ci sono articoli correlati per questo articolo

Come cambiare residenza

Avete acquistato casa in un'altra zona della vostra città? Dovete trasferirvi altrove per lavoro? Cambiare residenza è più semplice – e se nello stesso comune – veloce di quanto si pensi di solito. Con questa guida risolverete tutti i vostri problemi.

Istruzioni
Difficoltà
come-cambiare-residenza

Cosa serve

  • modulo contenente l'indicazione di: dati catastali, superficie calpestabile complessiva, destinazione d'uso dell'immobile
  • codice fiscale

Approfondimento:

Non ci sono articoli correlati per questo articolo
  1. La domanda va presentata all'Ufficio Anagrafe del Comune (o a quello della propria zona, se si abita in una metropoli) almeno 20 giorni prima del trasferimento. Alla domanda vanno allegate le copie dei seguenti documenti: carta d'identità valida, patente di guida, libretto di circolazione della propria auto.
    Gli adesivi da applicare sulla patente e sul libretto vengono recapitati dalla Motorizzazione Civile direttamente al nuovo indirizzo entro 6 mesi dal cambio effettivo di residenza.
  2. Contestualmente alla domanda per il cambio di residenza, si può presentare la denuncia Tarsu (tassa sui rifiuti solidi urbani) sull'occupazione di locali a scopo residenziale (compresi eventuali box e cantine, le cosiddette "pertinenze") e quella di cessazione per i locali liberati (con l'eventuale indicazione del nuovo inquilino di questi ultimi, se ne conosciamo i dati). A questo scopo, vanno presentati i seguenti documenti:
    modulo contenente l'indicazione di: dati catastali, superficie calpestabile complessiva, destinazione d'uso dell'immobile (queste informazioni sono presenti sul rogito o sul contratto di locazione), codice fiscale.
  3. Dopo qualche giorno (di norma, non oltre un paio di settimane) dalla presentazione della domanda, un incaricato del Comune verrà presso la vostra nuova residenza per verificare che abitiate effettivamente lì. Se il controllo ha esito positivo, il cambio di residenza diventerà effettivo. In caso contrario, bisognerà presentare una nuova domanda. Ma si tratta di un'eventualità molto remota, che, di solito, si verifica solo quando effettivamente dall'accertamento risulta impossibile.

Leggi anche:

Non ci sono articoli correlati per questo articolo
di soccerlife81

Non ci sono articoli correlati per questo articolo
da

Soldi Online

Economia globale, riflettori sempre puntati su Banche centrali

Economia globale, riflettori sempre puntati su Banche centrali

Ci troviamo in un contesto caratterizzato da una crescita modesta ma sostenibile, da un’inflazione contenuta e da bassi tassi d’interesse e di default Continua »

da

Soldi e Lavoro

Cassa integrazione, a ottobre +19,3%

Cassa integrazione, a ottobre +19,3%

A ottobre le imprese hanno chiesto all'Inps 118 milioni di ore di cassa integrazione. Dati Inps sulla cassa integrazione a ottobre 2014 e confronto con ottobre 2013 e settembre 2014 Continua »