NAVIGA IL SITO
Home » guide » Banche e Poste » Quanto costa usare il conto Paypal

Quanto costa usare il conto Paypal

Molte operazioni sono gratuite, altre no. Usare il conto Paypal ha quindi dei costi. Il tariffario è molto articolato. Vediamo le cose principali.

di Marco Delugan 28 mar 2017 - ore 12:22

Vi state abituando ad acquistare su internet, ma ancora non vi fidate del tutto a lasciare in giro i dati della vostra carta di credito o del vostro conto corrente. Avete scoperto che con il conto Paypal potete pagare in rete senza dover comunicarne gli estremi. E la cosa vi piace. Ma prima di iscrivervi (se non lo avete ancora fatto leggete qui come si fa), volete sapere quanto costa utilizzarlo.

Il tariffario per le operazioni che si possono effettuare tramite il conto Paypal è molto articolato. Per averne una visione completa andate a questa pagina.

In questa greve guida tratteremo solo i casi principali.

Come vedrete, l’apertura conto è gratuita, come sono gratuite le operazioni di invio di denaro, che siano pagamenti o trasferimenti ad amici o parenti.

paypal-invia-e-richiedi

Immagine tratta dal sito Paypal

CONTO PAYPAL: QUANTO COSTA INVIARE DENARO

Come prima cosa, ricordate che il conto Paypal può fungere anche da ponte rispetto a una carta di credito e/o a un conto corrente bancario. Per questo vedrete dei costi associati a operazioni di questo tipo, operazioni cioè dove il conto andrà a pescare o dall’una o dall’altro per realizzare la transazione.

Sulle transazioni per l’acquisto di beni o servizi Paypal non applica nessuna commissione: sono quindi gratuiti.

Per quanto riguarda l’invio di denaro a familiari e amici, ci sono differenze se questo avviene tramite saldo, e cioè con i soldi presenti sul conto, o andando a pescare dalla carta di credito o dal conto associati:

  • eseguito tramite saldo PayPal o conto bancario: gratuito;
  • eseguito con carta: tariffa del 3,4% + 0,35 EUR. Ad esempio, se invii 100 EUR tramite carta di credito, la tariffa è 3,75 EUR (3,4 EUR + 0,35 EUR).

 

QUANTO COSTA RICEVERE DENARO IN ITALIA

Per vendita di beni e servizi: 3,4% + 0,35 EUR per pagamento ricevuto inferiore ai 2.500 euro. La tariffa scende con la crescita dell’importo fino ad arrivare all’1,8% per importi superiori a 100mila euro.

Come invio di denaro da familiari e amici:

  • eseguito tramite saldo PayPal o conto bancario: gratuito;
  • eseguito tramite carta, in alcuni casi il mittente può scegliere se pagare la tariffa o addebitarla al destinatario. Se addebitata al destinatario, quest'ultimo paga una tariffa del 3,4% + 0,35 EUR, per i pagamenti in euro. Se il destinatario non vuol farsi carico della tariffa, può scegliere di non accettare il pagamento.

 

QUANTO COSTANO I PAGAMENTI INTERNAZIONALI

È prevista una tariffa per inviare o ricevere denaro a/da una persona che risiede all'estero. La tariffa dipende da tante cose, e cioè dal paese e dalla regione in cui il paesi si colloca, e dal metodo di pagamento, e cioè se finanziati tramite saldo Paypal o conto bancario oppure se finanziati tramite carta di credito o carta di debito (bancomat). Esiste una tariffa anche per la conversione di valuta.

 

QUANTO COSTA TRASFERIRE DENARO AD ALTRI CONTI O CARTE

Potete trasferire denaro dal conto PayPal al conto bancario o alla carta prepagata PayPal gratuitamente. Per i trasferimenti su altre carte, è prevista una tariffa di 1 EUR per importi inferiori a 100 EUR. Gratuiti per importi superiori.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldi Online

Nei prossimi 5 anni? Una crescita globale stabile

Nei prossimi 5 anni? Una crescita globale stabile

Se si analizzano i trend che dovrebbero guidare l’economia globale nei prossimi anni lo scenario più probabile per il prossimo futuro è quello di una crescita globale stabile Continua

da

Soldi e Lavoro

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

DIS COLL: l'indennità di disoccupazione per i co.co.co.

La DIS COLL è l'indenità di disoccupazione per i lavoratori parasubordinati. E' stata introdotta nel 2015 e più volte prorogata fino a diventare strutturale nel 2017 Continua »