NAVIGA IL SITO
Home » guide » Banche e Poste » Come funziona il conto Paypal

Come funziona il conto Paypal

Il conto Paypal permette transazioni di denaro online senza comunicare i dati della propria carta di credito o del proprio conto corrente bancario.

di Marco Delugan 6 apr 2017 - ore 21:57

Il conto Paypal permette di trasferire denaro via internet senza dover lasciare in giro i dati della propria carta di credito o del proprio conto corrente bancario. Basta l’indirizzo email del destinatario, se dovete inviare denaro, o il vostro, se dovete riceverlo. E solo per questo può essere interessante sapere come funziona il conto Paypal.

Per capire come funziona il conto Paypal seguite questa guida e cliccate sui titoli dei paragrafi che vedete sotto e sugli altri link. Si apriranno pagine di approfondimento.

Per iscriversi a Paypal è necessario avere compiuto i 18 anni di età, e non costa nulla.

In sede di apertura del conto è meglio avere sottomano la propria carta di credito e/o i dati del proprio conto corrente bancario. Così li potrete associare subito al conto Paypal. Facendo così, Paypal potrà verificare la vostra identità e vi permetterà di togliere subito i limiti di utilizzo che il conto altrimenti avrebbe.

 

COME APRIRE UN CONTO PAYPAL

Il conto Paypal si può aprire via computer e via smartphone. Via smartphone lo si può fare sia dalla versione mobile del sito Paypal che scaricando l’app, che esiste per Android, iPhone/iPad e Windows Phone.

In tutti i casi, la procedura è molto semplice. Bisogna collegarsi alla pagina principale del servizio e cliccare su Registrati. La prima scelta da fare è se aprire un conto Personale o un conto Business. Il conto Personale è destinato agli utenti privati, e permette di utilizzare le funzioni di base per effettuare e richiedere pagamenti online. Il conto Business è invece rivolto alle aziende, e permette funzioni più complesse. Può essere inoltre gestito da più persone, fino a un massimo di 20.

Il sistema, a questo punto, chiederà diverse informazioni. Fate in particolare attenzione all’indirizzo email che fornirete a Paypal, perché è con quello verrà identificato il vostro conto. E alla password: meglio sceglierla con attenzione, in modo che sia difficile da individuare per chi avesse cattive intenzioni.

Altra cosa importante da fare è collegare al conto Paypal la vostra carta di credito e/o il vostro conto corrente bancario. Anche se non obbligatorio, questo consente diverse cose: verificare che l’identità fornita sia vera, permettere al conto di fare da ponte tra carta, conto bancario e pagamenti online, sbloccare i limiti che il conto Paypal altrimenti avrebbe, e trasferire denaro dal conto Paypal alla carta o al conto bancario.

Fare da ponte vuol dire andare a pescare il denaro dalla carta o conto corrente bancario associati qualora non ve ne fossero nel saldo del conto Paypal.

Fate attenzione a leggere bene le condizioni di utilizzo del conto. Può capitare, infatti, che anche con le migliori intenzioni facciate qualche cosa che a Paypal non piace. Il rischio è quello di vedersi bloccare alcune operazioni o, nel caso peggiore, l'intero conto.

 

COME RICARICARE UN CONTO PAYPAL

La procedura principale da seguire per ricaricare il conto Paypal è tramite bonifico bancario. Una volta atterrati sulla pagina principale del vostro conto, cliccate sulla voce Portafoglio, che trovate nella barra di navigazione orizzontale in alto, e poi sulla voce Ricarica conto, a sinistra. Il sistema genererà un IBAN virtuale. Andate in banca e fate un bonifico dal vostro conto a questo IBAN, oppure fatelo online, sa avete attivato il servizio di Home Banking.

Attenzione: è necessario che i due conti abbiano lo stesso intestatario.

paypal-portafoglio

Immagine tratta dal sito Paypal

Altre possibilità, anche se non rientrano in senso stretto nel concetto di ricarica, sono quelle di richiedere pagamenti come corrispettivo di beni o servizi venduti; o come prestito o finanziamento o aiuto da amici e parenti. Tutte queste cose si possono fare dalla scheda Invia e Richiedi a cui potete accedere dalla pagina principale del vostro conto.

Altra modalità, ancora più semplice, è utilizzare Paypal.Me, che consente di ricevere denaro solo condividendo un link. Per approfondimenti su Paypal.Me andate a questa pagina.

 

COME INVIARE E RICHIEDERE DENARO

Con il conto Paypal si possono inviare e ricevere soldi come pagamento di beni e servizi. Ma anche come trasferimento a vario titolo tra amici o parenti.

Pagare beni e servizi può essere fatto in due modi: dalle pagine del sito dove si è acquistato un bene o un servizio, oppure pagare direttamente dal proprio conto Paypal.

Nel primo caso, basterà cliccare sul logo Paypal che il sito mostrerà come modalità di pagamento, e seguire la procedura. Nel secondo, si dovrà accedere alla scheda Invia e Richiedi del proprio account Paypal e scegliere tra Invia denaro a familiari e amici e Paga beni o servizi. In entrambi i casi si dovrà inserire l’indirizzo email della persona a cui si vogliono inviare quei soldi, l’importo che si vuole inviare (si può anche decidere per una valuta diversa dall’euro). E si potrà inserire un messaggio.

paypal-invia-e-richiedi

Immagine tratta dal sito Paypal

Anche per richiedere denaro bisogna partire dalla scheda Invia e Richiedi, e cliccare su Richiedi agli amici o ai clienti. Bisognerà poi inserire l’email della persona a cui si richiede e l’importo richiesto. Si potrà inserire un messaggio.

 

IL SALDO E I MOVIMENTI DEL CONTO PAYPAL

Il conto Paypal non è un vero e proprio conto corrente, ma un wallet, e cioè un portafoglio virtuale con cui inviare o ricevere denaro online. Per questo non rilascia un vero e proprio estratto conto. I dati sul saldo e sui movimenti sono comunque ottenibili dalla Cronologia del conto. Il saldo è anche visibile nella scheda Portafoglio.

Per vedere la Cronologia bisogna accedere alla pagina principale del proprio account, e cliccare sull’omonima voce in alto a sinistra. A questo punto potrete selezionare l’intervallo temporale per cui vi interessa avere i movimenti. Si possono anche impostare dei filtri avanzati. E cioè per tipologia di operazione: pagamenti automatici, pagamenti, pagamenti ricevuti, rimborsi, trasferimenti.

Cliccando poi sulla voce Estratti conto e scegliendo dal menù a tendina Esportazione cronologia si potranno scaricare i dati dei movimenti del proprio conto Paypal sul proprio computer.

 

CONTO PAYPAL BLOCCATO

Può capitare che Paypal blocchi alcune operazioni effettuate dai suoi utenti, o addirittura l’intero conto. Il blocco può durare anche molto tempo, ed essere applicato a conti con saldo positivo. In questo modo Paypal cerca di proteggersi da utilizzi non legali, o anche solo sospetti di illegalità, del suo servizio. Può capitare di incappare in sanzioni da parte di Paypal anche utilizzando il conto con le migliori intenzioni. Per questo è cosa buona leggere attentamente le molto dettagliate condizioni di utilizzo del conto Paypal.

 

I COSTI DEL CONTO PAYPAL

L’iscrizione è gratuita. E sono gratuiti i pagamenti di beni e servizi e i trasferimenti ad amici e parenti se sono in Italia e provengono dal saldo, e cioè dai soldi presenti sul conto. Nel caso in cui Paypal faccia da ponte, e cioè vada a prelevare denaro dalla carta o dal conto associati, si paga una commissione di 0,35 euro più il 3,4% dell’importo.

Se si riceve denaro per la vendita di beni o servizi si paga ancora una commissione di 0,35 euro più il 3,4% dell’importo.

Se si ricevono soldi da familiari o amici, la transazione è gratuita se eseguita tramite saldo PayPal o conto bancario associato. Se eseguito tramite la carta associata, in alcuni casi il mittente può scegliere se pagare la tariffa o addebitarla al destinatario. La tariffa è di 0,35 euro più il 3,4% dell’importo. Se addebitata al destinatario, il destinatario può scegliere di non accettare il pagamento.

 

COME CHIUDERE UN CONTO PAYPAL

Chiudere un account Paypal non è così semplice come aprirlo. Se non rispetterete alcune condizioni il sistema vi impedirà di farlo.

Come prima cosa è necessario che il saldo sia zero, e cioè che non ci siano soldi sul conto o che il conto non abbia un saldo negativo. Quindi, se il saldo non fosse zero, dovete o trasferire soldi o ricaricarlo in modo che lo diventi. Entrambe le operazioni potete farle dalla pagina Portafoglio del vostro conto.

Dopo avere fatto questo, dovete scollegare dal conto Paypal le carte e i conti correnti bancari che avete in precedenza collegato. Anche questa operazione la potete fare dalla pagina Portafoglio. Selezionate la carta o il conto, cliccate su Modifica e poi su Rimuovi la carta (o il conto).

E poi rimuovere gli eventuali servizi online su cui vi siete autenticati usando Paypal e i pagamenti automatici. Operazioni entrambe da fare cliccando sull’icona a forma di ingranaggio. Per quanto riguarda i login andate alla pagina Sicurezza. Per rimuovere i pagamenti automatici andate alla scheda Pagamenti.

Se anche dopo aver fatto tutto questo il sistema non vi permette di chiudere il conto, controllate di non avere transazioni in sospeso, contestazioni o reclami aperti o strane limitazioni all'utilizzo vostro conto.

 

BREVE STORIA DI PAYPAL

Paypal è stata fondata nel 1998 da Peter Thayl e Max Levchin a Palo alto in California, Stati Uniti. Ma del gruppo dei fondatori faceva parte anche Elon Musk, attuale patron di Tesla Motors e altre imprese innovative.

L’idea di fondo, come abbiamo visto, era quella di permettere pagamenti digitali e transazioni di denaro senza dovere comunicare dati sensibili sulla propria carta di credito e sul proprio conto corrente postale. Il tutto per facilitare e sfruttare la crescita del settore del commercio elettronico.

Nel 2002 Paypal è stata acquista da eBay. Le sinergie tra il sito di vendite e aste online e Paypal appare subito evidente. E infatti su eBay qualsiasi cosa è pagabile con Paypal. Ma Peypal è utilizzato come mezzo di pagamento anche da tantissimi altri siti di commercio elettronico.

Paypal non serve solo a pagare beni o servizi acquistati online, ma anche a trasferire denaro, per qualsiasi motivo o scopo, tra amici e parenti.

Paypal offre anche una carta di credito prepagata, che opera sul circuito Mastercard.

Nel 2015 Paypal è stata scorporata da eBay e quotata autonomamente in borsa.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldi Online

Come si proteggono i propri investimenti dal protezionismo?

Come si proteggono i propri investimenti dal protezionismo?

L’aumento del rischio del protezionismo in materia di commercio globale di capitali e di lavoro è un tema d’investimento importante: colpisce sia mercati emergenti che sviluppati Continua

da

Soldi e Lavoro

REI (Reddito di inclusione sociale): cos’è e a chi spetta

REI (Reddito di inclusione sociale): cos’è e a chi spetta

Il REI è il nuovo sussidio introdotto a inizio marzo dal governo Gentiloni. Vediamo a chi spetta, requisiti e importo del reddito di inclusione sociale. Continua »