NAVIGA IL SITO
Home » guide » Banche e Poste » Come ricaricare Postepay

Come ricaricare Postepay

Non lo avete mai fatto, e volete sapere come si fa. Anche perché è una delle operazioni più essenziali. Vediamo come si ricarica la carta Postepay.

di Marco Delugan 18 set 2017 - ore 15:12

Postepay è la carta prepagata e ricaricabile di Poste Italiane. Dopo averla acquistata e attivata, permette di pagare in negozi reali e virtuali. E inoltre di trasferire denaro ad altre Postepay, di prelevare dagli ATM Postamat e da quelli Visa/Visa Electron in Italia e all’Estero. Una delle cose più importanti da sapere, per chi la utilizza, è come ricaricare Postepay.

Si può ricaricare Postepay presso gli uffici postali, in tutti gli sportelli ATM Postamat, online e via app per smartphone o tablet. La ricarica può essere effettuata anche a domicilio, nelle ricevitorie Sisal e nelle tabaccherie convenzionate.

Altra possibilità è ricaricare la carta Postepay è tramite il conto PayPal.

Come abbiamo visto in altre guide, il punto di riferimento è sempre la carta Postepay Standard. Le altre carte Postepay offerte da Poste Italiane vengono trattate in altri tutorial.

 

RICARICARE POSTEPAY PRESSO UFFICIO POSTALE

Effettuare la ricarica presso un ufficio postale è uno dei modi più semplici. Anche perché a farlo sarà l'impiegato di Poste Italiane addetto ai servizi finanziari. Per individuare l’ufficio postale più comodo, utilizzate questo strumento di ricerca.

Una volta atterrati sulla pagina, nel campo Cerca digitate il vostro indirizzo. Poi cliccate sulla lente di ingrandimento. Appena sotto il campo Cerca vi appariranno le voci Uffici postali, Cassette postali, Cap, Cerca nel sito. Cliccate su Uffici postali. A questo punto vi apparirà una mappa con evidenziati quelli più vicini al vostro indirizzo.

uffici-postali-poste-italiane

Una volta raggiunto l'ufficio postale dovrete prendere il ticket dei servizi finanziari e aspettare il vostro turno. Quando sarà il vostro turno, comunicate all'impiegato la vostra intenzione di ricaricare la carta e presentate un documento di identità valido. Oltre al contante, potete utilizzare un'altra carta Postepay, con una Postamat Maestro o con un'altra carta Bancoposta abilitata.

 

RICARICARE POSTEPAY TRAMITE ATM POSTAMAT

In alternativa potete ricaricare Postepay tramite gli sportelli ATM Postamat. Anche in questo caso Poste Italiane ha preparato un servizio online per trovare quello più comodo.

Una volta raggiunto l'ATM Postamat che fa al caso vostro, inserite la carta nell’apposito spazio, poi digitate il PIN e selezionate la voce Ricarica Postepay. A questo punto dovrete inserire il numero della carta da ricaricare e scegliere la somma che volete trasferire sulla stessa.

Per fare tutto questo potete utilizzare un'altra carta Postepay, una carta BancoPosta, o altra carta di pagamento aderente al circuito internazionale Visa, Visa Electron, Vpay, Mastercard e Maestro.

 

RICARICARE POSTEPAY ONLINE

La ricarica può essere effettuata anche online: via web o utilizzando l'applicazione Postepay per iPhone e dispositivi Android. Se volete ricaricare Postepay via web, dovete prima collegarvi a uno dei siti di Poste Italiane (www.poste.it oppure www.postepay.poste.it).

In questo caso bisogna aver attivato un conto corrente postale e il servizio Bancoposta online (BPOL) o un Conto Bancoposta Click. La procedura prevede infatti che la ricarica effettuata via web debba essere addebitata su un conto Bancoposta.

Si può ricaricare online anche prelevando da un’altra carta Postepay.

 

RICARICARE POSTEPAY VIA SMARTPHONE O TABLET

Se volete ricaricare Postepay utilizzando il vostro smartphone, allora dovete scaricare una delle applicazioni che Poste Italiane ha predisposto per i suoi servizi finanziari. E cioè la app Postepay, la app Bancoposta e la app Postemobile.

La app Postepay esiste per smatphone e tablet che utilizzano i sistemi operativi iOS o Andriod. Permette di ricaricare la propria carta o quella di un altro, trasferendo denaro da un'altra Postepay. Si possono anche controllare saldo e lista movimenti e ricaricare il cellulare.

Anche la app Bancoposta esiste per smartphone e tablet che girano su sistemi iOS o Android. E anche in questo caso si può ricaricare la propria carta e quella di un altro. Si può trasferire denaro da una carta Postepay (nominativa), oppure da un conto BancoPosta (se è attivo il servizio BancoPosta online) o da un conto BancoPostaClick. Se volete utilizzare questa seconda opzione, bisogna associare il vostro conto BancoPosta o la vostra carta all'app Bancoposta.

La app Postemobile esiste per sistemi iOS o Android, smartphone o tablet. Permette di  caricare la propria Postepay o un'altra. Per chi possiede una Sim Postemobile, l'operazione può essere fatta dal menù SIM anche senza connessione internet. E' necessario associare il proprio Conto Bancoposta e/o la propria carta Postepay alla SIM. Lo si può fare dall'App Postemobile o da www.postemobile.it

 

RICARICARE POSTEPAY A DOMICILIO

E' anche possibile ricaricare Postepay a casa vostra o dove lavorate con un portalettere dotato di POS. La visita del portalettere può essere prenotata sia online che via telefono chiamando il numero 803160. Si potranno utilizzare altre carte Postepay, carte Postamat, e quelle del circuito Maestro.

Gli orari di visita sono dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 13:00 e nei Cap abilitati anche nella fascia oraria pomeridiana dalle 14:00 fino alle 20:00 e il sabato mattina dalle 8:00 alle 14:00.

Per prenotare la visita bisogna andare a questa pagina, e compilare i campi richiesti dal sistema.

 

RICARICARE POSTEPAY IN RICEVITORIE SISAL E TABACCHERIE

Altra modalità di ricarica della prepagata Pospepay è presso le ricevitorie Sisal e le tabaccherie convenzionate con Banca ITB e per chi ha un conto corrente presso il Gruppo Banca BPM (Banca Popolare di Milano). Solitamente entrambe espongono un adesivo che le individua come luoghi che consentono di effettuare la ricarica.

Sia nelle ricevitorie Sisal che nelle tabaccherie convenzionate è sufficiente presentare il numero della carta e il codice fiscale del titolare. La ricarica può essere eseguita dal titolare ma anche da un terzo. In entrambi i casi il limite massimo della ricarica è di 997,99, fatto salvo il plafond della carta.

In tabaccheria la ricarica può essere effettuata solo in contanti.

 

QUANTO COSTA RICARICARE POSTEPAY

Ricaricare la Postepay Standard costa. Di seguito trovate le tariffe come appaiono sul foglio informativo del settembre 2017.

  • uffici postali: 1 euro;
  • ATM Postamat, con altra carta Postepay o Postamat abilitata: 1 euro;
  • tramite portalettere dotato di POS, con altre carte Postepay, Postamat o del circuito Maestro: 1 euro;
  • siti bancopostaclick o postepay, ad applicazioni per smartphone o tablet, da SIM Postemobile: 1 euro;
  • ATM Postamat con  Pagobancomat: 2 euro;
  • ATM Postamat con carte del circuito Visa, Visa Electron, VPay, MasterCard e Maestro: 3 euro;
  • punti vendita SISAL e altri punti vendita abilitati: 2 euro.
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldi Online

FTSEMib oscilla sulla parità

FTSEMib oscilla sulla parità

Prese di beneficio su Telecom Italia: la compagnia telefonica ha ribadito che non c’è alcun progetto di scorporo o cessione della rete. In rosso anche Banca Carige Continua

da

Soldi e Lavoro

REI (Reddito di inclusione sociale): cos’è e a chi spetta

REI (Reddito di inclusione sociale): cos’è e a chi spetta

Il REI è il nuovo sussidio contro la povertà. Verrà erogato dal gennaio 2018 sulla nuova Carta Rei. Vediamo a chi spetta, requisiti e importo del reddito di inclusione sociale Continua »