NAVIGA IL SITO
Home » glossari » Economia&Finanza » Prelievo Forzoso

Prelievo Forzoso

di Giacomo Saver
Con il termine prelievo forzoso si intende la possibilità che uno Stato imponga, dall'alto, una tassazione percentuale sui saldi dei conti correnti. Normalmente avviene che il Governo di un Paese in grave difficoltà economica richiede alle banche di fotografare le giacenze dei conti della propria clientela in un determinato giorno e su esse applica un'imposta percentuale fissa o crescente a seconda della dimensione del saldo stesso.

Affinché una manovra del genere sia efficace è indispensabile che sia fatta senza preavviso
, così da impedire ai clienti di ridurre l'imponibile attraverso il prelevamento di contanti o il trasferimento all'estero del proprio risparmio. Un provvedimento di questo tipo fu adottato in Italia dal Governo Amato nel luglio del 1992, che impose una tassazione una tantum del 6 per mille dei saldi dei conti bancari e postali.

Il prelievo forzoso è un atto grave per due motivi:

1) è espressione di una situazione di emergenza e di presa di atto della gravità della situazione finanziaria di uno Stato
2) mina fortemente il rapporto di fiducia che c'è tra cittadini, banche e stato rischiando di provocare una corsa agli sportelli ed alla conservazione dei propri liquidi al di fuori del sistema finanziario ritenuto inaffidabile.



Giacomo Saver – Formazione e Consulenza Finanziaria Indipendente
http://www.segretibancari.com Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

Soldi Online

Il FTSEMib fallisce l'assalto ai 24mila punti

Il FTSEMib fallisce l'assalto ai 24mila punti

Chiusura negativa per Fiat Chrysler Automobiles, dopo che in mattinata aveva superato per la prima volta nella storia quota 20 euro. Giornata incerta per i bancari Continua

da

Soldi e Lavoro

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Salario minimo legale: la proposta di Matteo Renzi

Circa 10 euro come paga oraria minima per tutti i lavoratori dipendenti non coperti dai CCNL. Il salario minimo legale è uno dei punti più importanti del progremma del PD Continua »