NAVIGA IL SITO
Home » glossari » Economia&Finanza » Debito pubblico

Debito pubblico

di Marco Delugan
Partiamo da quella che potrebbe essere la situazione più semplice. Lo Stato si finanzia attraverso le tasse, sono la sua unica entrata, e spende queste risorse per dare ai cittadini diversi servizi, dalla costruzione di strade e ponti, all’amministrazione della giustizia e dell’ordine pubblico, ai servizi sanitari e altro ancora.

Se in un certo anno le spese sono superiori alle entrate, lo stato registrerà un deficit. La somma di tutti i deficit è il debito pubblico. Due sono le vie per finanziarlo. La prima è coniare moneta e usarla per pagare i debiti, immettendola così nel sistema. Questa prima strada ha però lo svantaggio di creare inflazione e, se le entrate dei cittadini rimangono costanti, ridurre il loro potere d’acquisto e quindi la loro ricchezza reale.

Altra possibilità è chiedere i soldi in prestito emettendo i così detti titoli di Stato, e pagare in questo modo i debiti. I titoli emessi dallo Stato italiano sono i Bot, i Btp, i Cct e i Ctz.

LEGGI ANCHE: Glossario dei titoli di stato italiani

Ma oltre all’ammontare dei titoli emessi dallo stato, il debito pubblico italiano è formato anche dai debiti dell’amministrazione locale e da quelli della pubblica amministrazione coi propri fornitori.

In Italia il volume dei titoli di stato emessi conta per l’80% del debito pubblico complessivo.

da

Soldi Online

Piazza Affari chiude in rosso, ma Carige mette il turbo

Piazza Affari chiude in rosso, ma Carige mette il turbo

L'istituto ha beneficiato dell’accordo tra la Fondazione Carige e Malacalza Investimenti per il passaggio del 10,5% del capitale. Debutto senza infamia e senza lode per OVS Continua »

da

Soldi e Lavoro

La ripresa economica inizia nei distretti industriali

La ripresa economica inizia nei distretti industriali

Già in territorio positivo negli ultimi due anni, il fatturato dovrebbe crescere del 3,2% l’anno nel 2015 e nel 2016. In crescita anche la redditività. Più moderata invece la ripresa per le imprese Continua »