NAVIGA IL SITO
Home » esperto risponde » Pensioni e Tfr » Pensioni: potrò lavorare dopo i 66 anni?

Pensioni: potrò lavorare dopo i 66 anni?

Lei potrà scegliere tra la pensione anticipata e quella di vecchiaia, dai 66 fino ai 70 anni di età anagrafica.

di Federico Nicastro 16 gen 2012 - ore 11:23
Domanda - Sono un dipendente pubblico (ministeriale) nato il 23/4/50; ho verificato con la mia amministrazione e so quindi di avere circa 43 anni di anzianità lavorativa (38 anni effettivi e figurativi). So che posso andare in pensione quando voglio e che se non chiedo nulla sarò messo automaticamente in pensione a 66 anni. Ma quel che vorrei sapere è: potrò chiedere il trattenimento in servizio oltre i 66 anni?

Grazie e saluti.

Risposta - Il decreto “Salva Italia” (Manovra Monti: misure definitive), divenuto ormai legge, prevede che a partire dal 2012 potranno andare in pensione i lavoratori con 42 anni e un mese di contribuzione indipendentemente dall’età. Inoltre è prevista una fascia di pensionamento compresa tra i 66 e i 70 anni; chi lascerà il lavoro prima dell’età minima prevista, ma con la contribuzione minima richiesta, subirà una penalizzazione pari all’1% per il primo anno, del 2% dal secondo anno.

LEGGI ANCHE: Pensioni governo Monti: disposizioni finali

Pertanto, viste le informazioni che mi mette a disposizione, lei potrà scegliere quando essere collocato a riposo, o con la pensione anticipata (perché ha la contribuzione minima richiesta), o con la pensione di vecchiaia, dai 66 fino ai 70 anni di età anagrafica.
A lei la scelta. Spero di esserle stato di aiuto.

Cordialità.
Federico Nicastro
Vai alla pagina degli Esperti

da

Soldi Online

Oggi le minute della Bank of England

Oggi le minute della Bank of England

Oggi avremo la pubblicazione delle minute della BoE, le quali ci diranno come si sono divisi i votanti tra chi vuole mantenere una politica monetaria accomodante e chi no Continua »

da

Soldi e Lavoro

Industria, a rischio oltre 130mila posti di lavoro

Industria, a rischio oltre 130mila posti di lavoro

Sono 136.616 mila "i lavoratori a rischio di perdita di lavoro nel corso del 2014", nei settori della manifattura e delle costruzioni Continua »