NAVIGA IL SITO
Home » esperto risponde » Pensioni e Tfr » Pensione scuola, posso già fare domanda?

Pensione scuola, posso già fare domanda?

La presentazione della domanda presso la sede territoriale Inpdap competente, comporta il “congelamento” dei requisiti maturati

di Federico Nicastro 30 set 2011 - ore 17:29
Domanda - Sono un’insegnante e maturerò il diritto al pensionamento in Aprile 2012 quando compirò 60 anni di età mentre al 31 Agosto 2012 avrò 39 anni e sette mesi di contribuzione compresi gli anni universitari. Leggendo le sue risposte, sempre molto precise, nella rubrica del sito, ho capito che dovrò aspettare un anno prima di poter andare effettivamente in pensione con la finestra mobile, cioè potrò farlo il 1° Settembre 2013. Le chiedo però se posso già fare domanda di collocamento a riposo nel 2012 (presumibilmente alla solita scadenza di Gennaio). Il mio timore è che spuntino nuove manovre, che stravolgano i diritti acquisiti e mi cambino la situazione proprio alla vigilia del mio collocamento a riposo.

La ringrazio per la sua risposta.

Risposta - La presentazione della domanda presso la sede territoriale Inpdap competente dove lei è residente, comporta il “congelamento” dei requisiti maturati e l’applicazione della normativa vigente in quel momento, ovviamente sempre che eventuali nuove leggi non prevedano diversamente.

Nel momento in cui presenterà domanda, faccia richiesta di estratto conto certificativo, nel quale sarà evidenziato l’intero periodo di contribuzione.

Cordialità.
Federico Nicastro
Vai alla pagina degli Esperti

TUTTI GLI ARTICOLI SU: pensione scuola , pensione pubblica

da

Soldi Online

Borsa italiana: giornata interlocutoria in attesa degli stress test Bce

Borsa italiana: giornata interlocutoria in attesa degli stress test Bce

Piazza Affari e le principali borse europee in altalena nell’ultima seduta della settimana. A tenere banco l’attesa legata alla comunicazione dei risultati degli stress test della Bce Continua »

da

Soldi e Lavoro

Decontribuzione per i neoassunti a tempo indeterminato

Decontribuzione per i neoassunti a tempo indeterminato

Allo stato attuale, il taglio dei contributi per i nuovi assunti a tempo indeterminato avrà un tetto: 6.200 euro all'anno. Calcoli sulla decontribuzione per i neoassunti a tempo indeterminato Continua »